I dipendenti comunali di Florianopolis, esempio di lotta contro gli attacchi!

Dopo 38 giorni di sciopero, di fronte a una pressione brutale da parte dei media, alle minacce di reclusione dei dirigenti del sindacato Sintrasem, e alte giornaliere fino a 100mila reais, i lavoratori hanno imposto un enorme passo indietro al Sindaco e al consiglio comunale di Florianópolis, che sono stati costretti a cancellare il pacchetto di attacchi ai diritti dei lavoratori e alla sicurezza sociale adottato a inizio anno. Complimenti ai compagni di Esquerda marxista che dirigono il sindacato Sintrasem e hanno condotto questo sciopero senza tradire la categoria, anche se diverse altre “forze di sinistra” insistevano che fosse necessario “trovare un modo per porre fine allo sciopero, che era andato troppo in là “.

La grinta e la volontà di lottare da parte di migliaia di dipendenti pubblici di Florianopolis ha costituito un esempio per tutti i lavoratori e i giovani in Brasile e ha dimostrato che se si lotta siamo in grado di impedire e / o invertire tutti gli attacchi. Come la gioventù ha dimostrato a giugno 2013 di poter cancellare l’aumento delle tariffe, così come gli studenti delle scuole superiori di SP hanno dimostrato alla fine del 2015, occupando le scuole e facendo tornare indietro Alckmin (governatore dello Stato di San Paolo, ndt) rispetto alla chiusura delle scuole, ora i dipendenti comunali di Florianopolis mostrano come affrontare gli attacchi e tagli da parte dei governi statali di tutto il Brasile dopo l’approvazione del PEC 55 (un emendamento alla Costituzione brasiliano approvato nel 2016che pone un tetto alla spesa pubblica, ndt).

Dal 15 marzo, nonostante le direzioni burocratiche degli apparati sindacali, ci batteremo per sviluppare nella maniera migliore il movimento contro la riforma delle pensioni, cercando di generalizzare gli scioperi dei lavoratori dell’istruzione e delle altre categorie.

Proprio come 100 anni fa il proletariato russo ha mostrato ai lavoratori di tutto il mondo come porre fine alla sofferenza quotidiana imposta dal capitalismo, noi continueremo la nostra lotta contro il governo Temer e questo Congresso, volta a spazzare tutti i politici borghesi e costruire un’alternativa popolare, veramente democratico, che per noi passa attraverso la costruzione di un’Assemblea nazionale costituente del popolo, verso un autentico governo dei lavoratori e la costruzione del socialismo!

Aderisci a Esquerda marxista!

Visita la pagina FB del Sintrasem di Florianopolis

Articoli correlati

Brasile

Brasile – Fermiamo la repressione e la persecuzione contro i lavoratori di Comcap in sciopero!

I lavoratori della Comcap (Impresa pubblica di raccolta di rifiuti di Florianópolis, Santa Catarina), sono scesi in sciopero il 18 gennaio in protesta contro il disegno di legge, proposto dal sindaco Gean Loureiro (DEM) al Consiglio comunale che prevede la chiusura dell’azienda e la privatizzazione della raccolta dei rifiuti, oltre a ridurre i salari dei lavoratori fino al 50%.
La solidarietà internazionale è urgente!

Brasile

Lula vince, ma Bolsonaro non è morto

Lula ha vinto le elezioni presidenziali in Brasile. Ha sconfitto Bolsonaro, il candidato della destra più reazionaria, con il 50,9% dei voti.

Eppure, una vittoria data per certa, con grande distacco nei sondaggi sino a pochi mesi fa data la gestione criminale della pandemia di Bolsonaro (il Brasile ha contato oltre 700mila morti), è stata ottenuta solo per un’incollatura. Come è stato possibile?

Brasile

Brasile – Crisi di sistema e lotte di massa

Il Brasile è travolto da una profonda crisi sociale, economica e politica. Le mobilitazioni contro il governo sono in continua ascesa, dopo lo sciopero generale del 28 aprile (il più grande degli ultimi 20 anni), 150mila persone hanno invaso Brasilia lo scorso 24 maggio contro gli attacchi del governo Temer a pensioni, stato sociale e leggi del lavoro.

Brasile

Brasile – L’impeachment di Dilma apre nuove prospettive per la lotta di classe

Avvenimenti drammatici si sono svolti in Brasile la scorsa notte, quando il Congresso [Parlamento] ha votato per l’impeachment del presidente Dilma Rousseff. Tutto il paese stava seguendo il processo, suddiviso in due campi, da un lato quello reazionario borghese e piccolo borghese a favore dell’impeachment e dall’altro i giovani e i lavoratori contrari.

Brasile

Brasile – Lula, le elezioni e la lotta di classe nel 2018

In Brasile, contrariamente alla propaganda del governo, la crisi economica continua ad approfondirsi e l’unica soluzione per i capitalisti è quella di intensificare i loro attacchi contro la classe operaia. La crisi politica è profonda. Il governo di Temer ha raggiunto livelli record di impopolarità, le istituzioni sono screditate; i politici sono demoralizzati, la classe dominante è divisa.

Brasile

Elezioni in Brasile: l’allarme del primo turno e la lotta per sconfiggere Bolsonaro il 30 ottobre

Si è svolto il primo turno delle elezioni brasiliane. Ora la nostra priorità e la nostra lotta centrale è aiutare la classe operaia a sconfiggere Bolsonaro alle urne il 30 ottobre. Per questo, prima di tutto, è necessario capire la reale proporzione dei voti al primo turno. I 57,2 milioni di voti per Lula e i 51 milioni di voti per Bolsonaro corrispondono al 48,4% e al 43,2% dei cosiddetti “voti validi”. Tuttavia, se consideriamo il totale di 156,4 milioni di elettori aventi diritto al voto in Brasile, notiamo che Lula ha ricevuto il voto del 36,6% di loro e Bolsonaro solo del 32,6%, cioè meno di un terzo.