27 Febbraio 2017

I dipendenti comunali di Florianopolis, esempio di lotta contro gli attacchi!

Dopo 38 giorni di sciopero, di fronte a una pressione brutale da parte dei media, alle minacce di reclusione dei dirigenti del sindacato Sintrasem, e alte giornaliere fino a 100mila reais, i lavoratori hanno imposto un enorme passo indietro al Sindaco e al consiglio comunale di Florianópolis, che sono stati costretti a cancellare il pacchetto di attacchi ai diritti dei lavoratori e alla sicurezza sociale adottato a inizio anno. Complimenti ai compagni di Esquerda marxista che dirigono il sindacato Sintrasem e hanno condotto questo sciopero senza tradire la categoria, anche se diverse altre “forze di sinistra” insistevano che fosse necessario “trovare un modo per porre fine allo sciopero, che era andato troppo in là “.

La grinta e la volontà di lottare da parte di migliaia di dipendenti pubblici di Florianopolis ha costituito un esempio per tutti i lavoratori e i giovani in Brasile e ha dimostrato che se si lotta siamo in grado di impedire e / o invertire tutti gli attacchi. Come la gioventù ha dimostrato a giugno 2013 di poter cancellare l’aumento delle tariffe, così come gli studenti delle scuole superiori di SP hanno dimostrato alla fine del 2015, occupando le scuole e facendo tornare indietro Alckmin (governatore dello Stato di San Paolo, ndt) rispetto alla chiusura delle scuole, ora i dipendenti comunali di Florianopolis mostrano come affrontare gli attacchi e tagli da parte dei governi statali di tutto il Brasile dopo l’approvazione del PEC 55 (un emendamento alla Costituzione brasiliano approvato nel 2016che pone un tetto alla spesa pubblica, ndt).

Dal 15 marzo, nonostante le direzioni burocratiche degli apparati sindacali, ci batteremo per sviluppare nella maniera migliore il movimento contro la riforma delle pensioni, cercando di generalizzare gli scioperi dei lavoratori dell’istruzione e delle altre categorie.

Proprio come 100 anni fa il proletariato russo ha mostrato ai lavoratori di tutto il mondo come porre fine alla sofferenza quotidiana imposta dal capitalismo, noi continueremo la nostra lotta contro il governo Temer e questo Congresso, volta a spazzare tutti i politici borghesi e costruire un’alternativa popolare, veramente democratico, che per noi passa attraverso la costruzione di un’Assemblea nazionale costituente del popolo, verso un autentico governo dei lavoratori e la costruzione del socialismo!

Aderisci a Esquerda marxista!

Visita la pagina FB del Sintrasem di Florianopolis

Articoli correlati

L’arresto di Lula – Crisi al vertice, resistenza e i nostri compiti

Esquerda Marxista si oppone alla condanna e all’incarcerazione di Lula senza prove e difende il suo diritto di essere candidato alla Presidenza. Allo stesso tempo ci opponiamo a un “fronte per la democrazia” a scopo elettorale che metterebbe assieme il PSOL, il PT e i partiti borghesi come il PSB o il PDT e che continuerebbe a portare avanti una politica di collaborazione di classe.

Una zanzara, tre virus e una società in crisi

Nel 2015, sono stati registrati 1.649.008 casi di dengue in Brasile, superando tutti gli anni precedenti e confermando la tendenza all’espansione dell’endemia e delle successive epidemie che cominciarono nel 1981.

Sciopero generale in Brasile: i lavoratori lottano contro il governo corrotto di Temer

Venerdì 28 aprile, i lavoratori e i sindacati brasiliani hanno realizzato il primo sciopero generale dopo oltre due decenni, protestando contro le misure di austerità e in particolare contro il drastico taglio delle pensioni portato avanti dal corrotto governo di Temer.

Morte e distruzione nell’Amazzonia di Bolsonaro

Nell’ultimo mese l’Amazzonia è stata al centro delle attenzioni del governo Bolsonaro. Dopo un lungo braccio di ferro che è terminato con le dimissioni del fisico Ricardo Galvão dalla direzione dell’Istituto Nazionale delle Ricerche Spaziali (Inpe), l’aspirante Bonaparte adesso parla a sproposito della preservazione del territorio con alcuni dei Paesi più ricchi di Europa.

Brasile – Dopo l’impeachment, quali prospettive?

Con 61 voti a favore e 20 contro, è stato approvato da un Senato federale marcio l’impeachment di Dilma, e di conseguenza, il suo allontanamento definitivo dall’incarico. É il capitolo finale di questo processo iniziato a dicembre 2015, dall’ex-presidente della Camera dei Deputati, Eduardo Cunha.

Brasile – Com’è possibile che un demagogo di estrema destra vinca le elezioni?

Bolsonaro ha vinto il secondo turno delle elezioni presidenziali brasiliane con il 55 percento dei voti, sconfiggendo Haddad, il candidato del Partito dei lavoratori (PT), che ha ottenuto il 45 percento. Questa è una battuta d’arresto per la classe lavoratrice e per i settori poveri del paese. Dobbiamo capire cosa significa, cosa ha portato a questa situazione e quale strategia dovrebbe seguire il movimento operaio di fronte a questo governo reazionario.