Grecia – si sviluppa la trappola della borghesia internazionale

Negli ultimi mesi il governo di Syriza in Grecia non ha compiuto sostanziali passi avanti sulla strada delle riforme. Invece, i passi indietro e le concessioni alla Troika sono per l’esecutivo Tsipras ormai quotidiani.
A inizio aprile, in occasione di un incontro a Washington con Christine Lagarde, segretaria del Fondo monetario internazionale, il Ministro delle finanze greco Varoufakis ha dichiarato che il debito della Grecia con il Fmi sarebbe stato onorato entro la scadenza, fissata al 9 aprile. In quella data, poi, il governo di Atene ha dichiarato di aver rimborsato al Fmi una prima tranche del prestito, che ammontava a 450 milioni di dollari. Nello stesso momento, il governo greco ha sbloccato la privatizzazione del porto del Pireo in favore dell’azienda cinese Cosco, e già Pechino si è dichiarata pronta a investire 100 milioni in bond greci, a patto, come abbiamo visto, che il Pireo sia consegnato nelle mani di capitalisti stranieri.

In sostanza, di soldi per attuare le riforme non ce ne sono, mentre la borghesia batte cassa. Il dibattito sulla questione dell’uscita dall’euro, ravvivatosi nell’ultimo periodo, in questo senso perde consistenza. Se si uscisse dall’euro rimanendo all’interno del capitalismo si produrrebbe un profondo calo del tenore di vita di tutta la popolazione greca. Inoltre, la borghesia internazionale farebbe comunque, e con forza, sentire il suo peso nell’area.

Del resto, pur rimanendo nell’euro, questa pressione internazionale è presente anche oggi: pochi giorni fa sul Financial Times è uscita la notizia secondo cui ci sarebbero pressioni dell’Ue affinché Tsipras espella dal suo partito le correnti di sinistra, ossia i nostri compagni della Tendenza comunista di Syriza e il gruppo di Lafazanis, e si allei con i socialdemocratici del Pasok e di To Potami. Il tentativo è chiaro: spostare definitivamente Syriza su posizioni di subalternità alla Troika. Noi crediamo che, prima che questo accada, Syriza debba assumere un programma di rottura rivoluzionaria con il sistema, gettando le basi per la costruzione di una Grecia socialista. Una alternativa che, in Grecia e in tutto il resto del mondo, è necessario e doveroso continuare a costruire.

Articoli correlati

Il declino degli Usa e il ginepraio mediorientale

Dal 30 marzo l’Arabia saudita, a capo di una coalizione di stati arabi, ha lanciato un attacco aereo contro i ribelli Houthi, di religione sciita. La missione che ha come

3,5 milioni di NO – Contro l’austerità e il capitalismo

Il referendum del 5 luglio rappresenta un punto di svolta nella lotta di classe in Europa. È un sonoro schiaffo in faccia ai potenti della terra. Infatti per il “Sì”

SPAGNA – Si intensifica lo scontro di classe

La Spagna oggi è l’avanguardia della lotta di classe in Europa. La radicalizzazione si esprime in tutti i campi: elettorale, politico e sociale. Partiamo dalle elezioni amministrative che si sono

Un mondo in rivolta!

È un movimento mondiale contro il capitalismo come sistema economico, e contro i governi e i partiti che ne sono i gestori. L’unico paragone possibile è con movimenti internazionali come quelli del ’68, ma questa volta su scala ancora più diffusa e profonda e soprattutto in una condizione di crisi del sistema a tutti i livelli.

La follia terrorista e la malattia del capitalismo

Il 22 maggio, in una piacevole serata, erano in migliaia, principalmente adolescenti, ad un concerto pop nell’Arena di Manchester. Ma ciò che doveva essere un’occasione di divertimento, si è trasformato in un bagno di sangue quando un attentatore suicida solitario ha fatto esplodere un dispositivo esplosivo.

Rivoluzione mondiale

“Uno spettro si aggira per l’Europa”. Gli autori del Manifesto del Partito Comunista proclamavano con questa frase celebre l’alba di una nuova fase per la storia dell’umanità. Questo avveniva nel 1848, un anno di insurrezioni rivoluzionarie in Europa. Ma ora questo spettro si aggira, non soltanto in Europa, ma in tutto il mondo. È lo spettro della rivoluzione mondiale.