17 maggio 2017

Grecia, nuovo sciopero generale contro l’austerità senza fine

È iniziato questa mattina in Grecia uno sciopero generale di 24 ore. Si protesta contro le nuove misure di austerity richieste dai creditori e che sono in discussione nel Parlamento greco. Lo sciopero, convocato dai sindacati Adedy e Gsee del settore pubblico e privato, è già cominciato ieri nel settore marittimo.  Buona partecipazione nel settore pubblico, con scuole e ospedali bloccati. Il governo di Alexis Tsipras ha varato un piano, dettato da Ue e Fmi, con nuove misure di rigore per un totale di 4,9 miliardi di euro, che dovrebbero essere applicate tra il 2018 e il 2021, vale a dire subito dopo la fine del programma di risanamento già in corso.

Un’immagine del corteo di oggi ad Atene

Questi provvedimenti prevedono l’inasprimento delle leggi antisciopero, una maggiore facilità di licenziamento per gli attivisti sindacali, tagli allo stato sociale per 530 milioni di euro, ulteriori tagli alle pensioni (fino al 18% dell’assegno, circa il 9% in media per tutti i pensionati) e nuovi aumenti di imposte, pari a circa 650 per ogni contribuente. Non si fermano le privatizzazioni: sarà messo in vendita il 17% dell’azienda elettrica statale, il 35% di quella petrolifera, il 30% dell’aeroporto internazionale di Atene, il 65 dell’azienda statale del gas.
Con questo piano, che dovrebbe essere adottato dal Parlamento entro venerdì, il governo di Atene spera di poter aprire la trattativa per una ristrutturazione del debito greco, pari al 179% del Pil, durante la riunione dei ministri delle Finanze dell’Eurozona il 22 maggio.
L’austerità è senza fine e le promesse del governo di Tsipras, che aveva solennemente giurato che dal 2018 non ci sarebbero stati più tagli, sono state tutte smentite. Nulla sembra cambiato dai tempi dei governi di Nuova democrazia. La povertà cresce, mentre cresce unicamente l’affidabilità di Tsipras fra i governi europei. La lezione di poco più di due anni di governo di Syriza è che il capitalismo è irriformabile e snatura ogni forza di sinistra che tenti di riformarlo.
Lo sciopero di 24 ore di oggi potrà essere efficace se non si limiterà ad essere una valvola di sfogo, come lo sono stati, nelle intenzioni dei dirigenti sindacali, gli oltre trenta scioperi generali portati avanti negli ultimi anni. In caso contrario rappresenterà l’ennesima occasione sprecata. Lo sciopero avrebbe dovuto essere organizzato ad oltranza, e durare lungo tutta la discussione in Parlamento del nuovo pacchetto di controriforme.
Nell’organizzare l’opposizione al governo Tsipras, il Kke, il suo fronte sindacale, il Pame, che nei cortei di oggi rappresentava il settore più combattivo dei lavoratori e le altre forze di sinistra hanno la maggiore responsabilità. Come spiegato dai nostri compagni della Tendenza comunista in Grecia, la lotta è politica e deve essere intrapresa con un programma rivoluzionario di trasformazione socialista,

Articoli correlati

La lezione greca: il fallimento del riformismo

Il Primo Ministro greco Alexis Tsipras ha appena annunciato le proprie dimissioni. Ha perso la maggioranza in Parlamento e Syriza si è spaccata, col leader della sinistra di Syriza Lafazanis che ha lanciato un nuovo partito, Unità Popolare.

Referendum 5 luglio – La Troika vuole la testa di Tsipras

Con l’avvicinarsi del referendum, la polarizzazione politica sta raggiungendo livelli mai visti prima in Grecia. Gli eventi delle ultime 48 hanno rivelato l’impostura della democrazia borghese; la Troika non è

3,5 milioni di NO – Contro l’austerità e il capitalismo

Il referendum del 5 luglio rappresenta un punto di svolta nella lotta di classe in Europa. È un sonoro schiaffo in faccia ai potenti della terra. Infatti per il “Sì”

Grecia – La vendetta del Capitale

Nelle prossime ore come Tendenza marxista internazionale pubblicheremo un’analisi approfondita dell’accordo appena raggiunto a Bruxelles. Nel frattempo c’è un’unica espressione che può descrivere il comportamento della borghesia europea nei confronti del governo greco: volontà di umiliazione.

Riformismo, rivoluzione e la crisi del capitalismo Usa

In questi giorni negli Usa sembra che quasi tutti siano diventati dei socialisti in un modo o nell’altro. Certo, ciò che la maggior parte della gente intende con “socialismo” al momento è lontano da una concezione pienamente rivoluzionaria ; tuttavia, questo segna pur sempre un cambiamento spettacolare nelle coscienze.

Lo sciopero generale del 4 febbraio: il ritorno della lotta di massa in Grecia

Lo sciopero generale di giovedì 4 febbraio rappresenta un importante sviluppo politico e segna una nuova tappa nella lotta di classe. Ma quali dovrebbero essere i prossimi passi del movimento?