13 Luglio 2015

Grecia – La vendetta del Capitale

Nelle prossime ore come Tendenza marxista internazionale pubblicheremo un’analisi approfondita dell’accordo appena raggiunto a Bruxelles. Nel frattempo c’è un’unica espressione che può descrivere il comportamento della borghesia europea nei confronti del governo greco: volontà di umiliazione.

I capi di governo capitanati dalla Merkel hanno voluto infliggere un’umiliazione politica a Tsipras, per aver osato convocare un referendum sull’austerità e aver fatto appello alle masse. Ma soprattutto, per averlo vinto, solo una settimana fa, il 5 luglio.
I padroni dell’Europa non potevano perdonare un simile affronto. Alexis Tsipras, avendo scelto di non mobilitare le masse, come per il referendum, non aveva altra scelta che piegare il capo di fronte alla potenza economica del capitalismo tedesco.
Quello sottoscritto oggi a Bruxelles è una vera e propria cessione di sovranità da parte di un governo verso le “istituzioni” internazionali.
Un terzo piano di salvataggio è condizionato dall’Eurogruppo all’approvazione entro mercoledì 15 (dopodomani!) di quattro leggi di controriforma (pensioni, Iva, mercato del lavoro, spesa pubblica…)
Il prestito da parte della Troika sarà garantito da un fondo di privatizzazione di 50 miliardi di euro (praticamente l’intero patrimonio dello Stato ellenico) gestito da un organismo indipendente, con sede ad Atene, sotto la supervisione della Troika. Sempre la Troika avrà diritto di veto su tutte le proposte che saranno discusse d’ora in poi in Parlamento. Prima infatti, dovranno essere “visionate” dalle istituzioni.
Non è prevista alcuna ristrutturazione del debito, come chiesto da Tsipras e dal Parlamento greco nel suo voto di venerdì scorso.
Sono misure di una durezza inaudita, nemmeno lontanamente paragonabili a quelle approvate dai governi precedenti, come quelli di Samaras o Papandreu.
Risulta impossibile pensare che questo ultimatum possa essere approvato dall’attuale maggioranza parlamentare ad Atene. Già per il pacchetto di misure di austerità approvato venerdì scorso per il governo erano stato necessari i voti dell’opposizione. Il primo effetto politico dell’accordo di oggi sarà, molto probabilmente, la divisione di Syriza.
Alla ferocia dimostrata dalla Troika le masse greche devono opporre tutta la determinazione e la fierezza dimostrata con l’ “Oxi” del 5 luglio. C’è la possibilità che la confederazione dei lavoratori del pubblico impiego (Adedy) dichiari uno sciopero generale per domani, giorno in cui il parlamento sarà convocato per votare le controriforme.
La risposta al “colpo di stato” della Troika può e deve essere solo la lotta di massa. L’alternativa può essere solo rivoluzionaria: l’esperienza di questi cinque mesi dimostra che se si vuole farla finita con l’austerità bisogna porre fine al capitalismo.

Articoli correlati

Grecia, referendum del 5 luglio – Votare no! Respingere l’ultimatum della troika, rompere col capitalismo

Venerdì 26 giugno, in un discorso televisivo alla nazione, il Primo ministro greco Tsipras ha annunciato che sottoporrà al giudizio di un referendum popolare domenica prossima, 5 luglio, l’ultimatum della

Grecia: una umiliante capitolazione che non funzionerà

L’accordo imposto alla Grecia nelle prime ore del 13 Luglio, dopo un Eurosummit durato tutta la notte, non può essere che definito una umiliante capitolazione.

Grecia, nuovo sciopero generale contro l’austerità senza fine

È iniziato questa mattina in Grecia uno sciopero generale di 24 ore. Si protesta contro le nuove misure di austerity richieste dai creditori e che sono al vaglio del Parlamento greco.

Lo sciopero generale del 4 febbraio: il ritorno della lotta di massa in Grecia

Lo sciopero generale di giovedì 4 febbraio rappresenta un importante sviluppo politico e segna una nuova tappa nella lotta di classe. Ma quali dovrebbero essere i prossimi passi del movimento?

Grecia – La destra vince sulle macerie lasciate da Syriza

Nuova democrazia, il partito tradizionale della borghesia greca, ha vinto le elezioni politiche di domenica scorsa, con il 39,8% dei voti. La sconfitta di Syriza è la sconfitta del riformismo e la conseguenza di una delusione di massa rispetto alle aspettative che il governo Tsipras aveva suscitato.

Referendum 5 luglio – La Troika vuole la testa di Tsipras

Con l’avvicinarsi del referendum, la polarizzazione politica sta raggiungendo livelli mai visti prima in Grecia. Gli eventi delle ultime 48 hanno rivelato l’impostura della democrazia borghese; la Troika non è