31 Maggio 2022 Epanastasi, sezione greca della Tmi

Grecia – La polizia attacca brutalmente e ferisce gli studenti universitari

In seguito all’attacco brutale del governo e della polizia contro gli studenti dell’Università Aristotele di Salonicco, i compagni della sezione greca della Tendenza Marxista Internazionale hanno rilasciato la seguente dichiarazione.

La polizia attacca brutalmente e ferisce gravemente gli studenti universitari in Grecia – per un’azione di massa contro il governo!

L’attacco brutale della polizia antisommossa (MAT) il 26 maggio scorso contro una protesta delle associazioni studentesche dell’Università Aristotele di Salonicco (AUTh) non è un incidente isolato o casuale. Si tratta piuttosto di una continuazione del piano del governo per terrorizzare gli studenti di questa università.

Le associazioni studentesche dell’AUTh hanno protestato contro il disegno di legge del governo sull’istruzione superiore. Il disegno di legge prevede, tra l’altro, l’abolizione indiretta dei gruppi politici studenteschi (invece di votare per più liste, i rappresentanti degli studenti negli organi di governo delle università saranno eletti individualmente da un’unica lista), nonché l’istituzione di organi di polizia speciali nelle università (che saranno chiamati “Gruppi di protezione delle istituzioni universitarie”).

Corteo contro la repressione a Salonicco

A seguito della dura repressione della polizia, due studenti sono stati feriti, uno dei quali è rimasto gravemente ferito e ha dovuto essere ricoverato in ospedale con la mascella e i denti rotti e con una temporanea perdita dell’udito. La polizia ha preso di mira gli studenti colpendoli a distanza ravvicinata con granate stordenti. L’incursione della polizia avrebbe potuto facilmente causare ferite ancora più gravi o addirittura dei morti. La responsabilità è dei vertici della polizia e del governo greco, che sta cercando di terrorizzare gli studenti con l’obiettivo di istituire corpi speciali di polizia “universitaria” nelle principali università, tra cui l’AUTh.

Nelle elezioni studentesche, il corpo studentesco ha dimostrato di essere contro il governo, con la bocciatura delle fazioni studentesche legate all’establishment, il DAP (il gruppo studentesco di Nuova Democrazia) e il PASP (legato al PASOK), che (per la prima volta in 35 anni) sono arrivate rispettivamente seconda e quarta. Le fazioni di sinistra hanno una maggioranza del 53%, per la prima volta dopo decenni, nelle associazioni studentesche nazionali.

L’intensità della repressione della polizia avrà l’effetto opposto alle intenzioni del governo. Il tentativo rinnovato del governo di approvare proposte di legge durante l’estate e di installare tornelli e di collocare poliziotti all’interno delle università incontrerà una forte resistenza da parte del movimento studentesco, che supererà le mobilitazioni di massa degli anni precedenti, come quelle dell’estate 2019 che hanno accompagnato l’abolizione dell’asilo politico universitario (in Grecia dal 1982 al 2019 era vietato alla polizia l’accesso alle università, ndt).

  • Abbasso la polizia e il tentativo del governo di terrorizzare gli studenti!
  • Ritirare il recente disegno di legge sull’istruzione superiore!
  • No all’abolizione delle fazioni studentesche – completa libertà per i sindacati studenteschi e l’attività politica nelle università!
  • Per la ricostituzione su basi combattive dell’Unione Nazionale degli Studenti di Grecia, che è stata convocata l’ultima volta nel 1995, su iniziativa delle associazioni studentesche in cui le organizzazioni di sinistra hanno la maggioranza.

I consigli delle associazioni studentesche devono organizzare assemblee generali di massa delle associazioni studentesche per prendere decisioni sull’azione militante contro la brutalità della polizia, il disegno di legge sull’istruzione superiore e contro lo stesso governo, in coordinamento con il movimento operaio.

Articoli correlati

Grecia

Incendi in Grecia – Il piromane è la classe dominante!

L’immensa distruzione causata dagli incendi a Varibobi, periferia di Atene, Eubea e dozzine di altre aree della Grecia non è dovuta esclusivamente al vento, alle alte temperature e ai cambiamenti climatici, come sostengono il governo di Nuova Democrazia e i media borghesi. La vera causa di questa catastrofe sono le politiche reazionarie e l’indifferenza criminale della classe dominante greca.

Grecia

Grecia – I lavoratori impediscono lo svogimento del congresso di Alba Dorata!

I fascisti greci di Alba Dorata hanno cercato di tenere il loro congresso lo scorso weekend in un hotel di Atene, ma sono stati bloccati dai lavoratori dell’albergo.
E’ una ennesima dimostrazione di come la società greca non stia affatto andando a destra e di come i fascisti occupino uno spazio insignificante fra i lavoratori e i giovani.

Grecia

Grecia – La Tendenza comunista aderisce a Unità popolare

I rappresentanti della Tendenza comunista nel comitato centrale di Syriza Stamatis Karagiannopoulos and Orestis Doulos, il suo rappresentante nella gioventù di Syriza, lias Kirousis, e i membri del comitato di

Grecia

Il governo Tsipras, un governo contro i lavoratori

Sono passati oltre due anni dalla capitolazione di Tsipras davanti alla Troika. I dati economici diffusi dai media sembrano sorridere alla Grecia, ma la realtà per le masse è ben altra, ed è fatta di attacchi alle condizioni di vita e ai diritti dei lavoratori. Quello di Tsipras “è probabilmente il governo più odiato nella storia della Grecia dai tempi della giunta dei colonnelli.”

Grecia

3,5 milioni di NO – Contro l’austerità e il capitalismo

Il referendum del 5 luglio rappresenta un punto di svolta nella lotta di classe in Europa. È un sonoro schiaffo in faccia ai potenti della terra. Infatti per il “Sì”

Grecia

Grecia – Bilancio e prospettive dello sciopero generale del 6 aprile

Mercoledì 6 aprile, centinaia di migliaia di lavoratori in tutta la Grecia hanno risposto all’appello della Confederazione generale dei lavoratori greci (GSEE – la confederazione dei lavoratori del settore privato) e della Confederazione dei dipendenti pubblici (ADEDY) per l’adesione a uno sciopero generale di 24 ore. Decine di migliaia di lavoratori, insieme a cittadini comuni, disoccupati e giovani, hanno partecipato ai cortei organizzati in oltre 70 città.