Grande successo della Conferenza di Sempre in lotta

Non possiamo che fare questo bilancio della nostra Conferenza nazionale, che si è tenuta a Milano dal 2 al 4 aprile.
Il dibattito si è aperto con una discussione sul materialismo storico, ed è proseguito con discussioni sullo stalinismo, sul rapporto tra anarchismo e marxismo, sul fascismo, sulle basi di economia marxista e con una corposa discussione sullo stato del movimento studentesco (e non solo) in Italia. Dalla Conferenza è emersa anche la grande crescita del nostro movimento: in un anno e mezzo ci siamo radicati con collettivi organizzati in 16 città, e ad oggi stiamo aprendo un lavoro in altre 10 città della penisola.

La crescita del nostro movimento, non solo numerica ma anche politica, è stata dimostrata dalla ricchezza del dibattito, a cui hanno partecipato più di 80 compagni da tutta Italia. Un grazie speciale a tutti i compagni che hanno partecipato e a tutti gli studenti e lavoratori che lottano al nostro fianco per un mondo migliore: un mondo che abbiamo appena iniziato a costruire.

Articoli correlati

Il governo attacca la scuola, rispondiamo compatti

Il 12 marzo Renzi annunciava in pompa magna la riforma della scuola.  Ora titoli come “Assumeremo i precari” o “Investiremo maggiormente nella scuola” si susseguono sui giornali nel vano tentativo

“Buona scuola” Si poteva vincere. La lotta deve continuare

Il 25 giugno con 159 voti a favore e 112 contrari il Senato ha approvato la riforma scolastica inviandola alla Camera per quella che dovrà essere l’ultima approvazione. Il vero

Varese: dopo gli attentati a Parigi è vietato il dissenso

Lo scorso lunedì 16 novembre, a pochi giorni dagli attentati in Francia, sei studentesse dell’Itc Daverio di Varese si sono rifiutate di osservare il minuto di silenzio proposto in tutta

Verso il 17 novembre – Siamo studenti, non schiavi!

Il volantino che distribuiremo oggi in tutti i cortei contro l’alternanza scuola-lavoro.

Università di Trento: proibito andare al bagno!

Nella facoltà di lettere dell’università di Trento non è più possibile accedere liberamente ai bagni. Recentemente l’amministrazione, dietro sollecitazione della lista studentesca di estrema destra “Atreju”’, ha limitato la fruizione del

Saldi estivi: raddoppia la tassa del Conservatorio!

Il Conservatorio G. Verdi di Milano ha deciso di raddoppiare la prima rata della tassa d’iscrizione, passando da 600 euro a 1200 euro. Tutto questo senza nemmeno spiegare le ragioni di questo spropositato aumento.