19 Dicembre 2018

Gran Bretagna: May e la sua vittoria di Pirro

Theresa May è sopravvissuta a un voto di sfiducia tra i parlamentari del suo partito con una maggioranza di 200 a 117. Ma mentre il leader dei Tory ha vinto questa battaglia, ha sicuramente perso la guerra. L’enorme numero di voti contro May è un colpo mortale alla sua autorità, che segnala che non può far approvare l’accordo sulla Brexit all’interno del suo stesso partito, per non parlare della Camera dei Comuni.

“Se sei un primo ministro e un terzo dei tuoi parlamentari vota contro di te”, ha osservato Mark Francois, euroscettico conservatore, “è una pessima notizia”. La signora May ora spera che sarà in una posizione più forte per ottenere assicurazioni e concessioni dai leader dell’UE mentre riprende il suo tour europeo, interrotto dal voto del gruppo parlamentare. Ma, per usare la stessa frase di cui ha spesso abusato: nulla è cambiato. Il Primo Ministro è tornata al punto di partenza, tutti i suoi sforzi sono stati inutili. Potrebbe essere al sicuro da altre sfide alla sua leadership per altri 12 mesi. Ma questo significa molto poco quando non è in grado di far passare la sua proposta per la Brexit, che offusca tutto il resto. Nonostante il dramma della scorsa settimana, May è ancora bloccata nel tentativo di vendere un accordo impossibile a un Parlamento ricalcitrante.

“E adesso?” Chiede Robert Shrimsley al Financial Times. “Non è chiaro cosa è stato ottenuto da questo sforzo. Theresa May rimane in una posizione difficile, ma e ancora in carica. I ribelli del suo partito possono votare contro il suo accordo ma ora non possono rimuoverla.” Non c’è mai stato un governo britannico così debole, con un primo ministro azzoppato che guida una coalizione informale instabile e un partito completamente diviso. Nel frattempo, l’orologio della Brexit sta ticchettando inesorabile.

Chiedendo l’elemosina in Europa

La Gran Bretagna era uno dei paesi più stabili fino a non molto tempo fa, ora è diventato uno dei più instabili. La Brexit, che una volta era solo una piccola nuvola all’orizzonte, è ora al centro dei turbamenti e dei timori della politica britannica .”Esiste davvero un governo a Londra?” ha chiesto un diplomatico, dopo aver guardato con stupore gli eventi che si svolgevano. Negli ultimi giorni il Regno Unito ha attraversato una serie di eventi da capogiro. Prevedendo una sconfitta umiliante per il suo accordo sulla Brexit, Theresa May ha rimandato il voto nella Camera dei Comuni, quindi si è lanciata in una visita disperata delle capitali europee per elemosinare qualche briciola dai leader del continente, da rivendere ai parlamentari ostili. Visto che gli avversari nel suo stesso partito sono stati sistemati (per il momento), il Primo Ministro britannico è tornato in Europa per continuare a elemosinare qualche concessione. Ma le sue controparti hanno messo in chiaro che non hanno altro da offrire – e certamente nulla che possa placare i gli intrattabili brexiteers conservatori. Simbolicamente, il primo ministro è andata con il cappello in mano la scorsa settimana da Angela Merkel a Berlino, dove è stata gentilmente respinta. L’interesse prioritario della Merkel è quello di difendere gli interessi dell’UE dei 27, nonostante l’avvertimento della May, secondo cui una Brexit senza accordo potrebbe provocare una crisi bancaria europea.

Questi cattivi auspici sono stati persino riproposti da personalità di spicco del partito del premier tedesco. “Esiste il rischio reale che una “hard Brexit” possa far precipitare l’economia globale in una crisi”, ha affermato Armin Laschet, primo ministro del Nord Reno-Westfalia, lo stato più popoloso ed economicamente sviluppato della Germania. “Potrebbe essere ancora più grave del crollo di Lehman Brothers – se si guarda ai potenziali effetti sul commercio”. Ma queste preoccupazioni non erano sufficienti per influenzare l’opinione pubblica a Berlino. “Sappiamo quanto sono difficili le cose per May e certamente non vogliamo rendere la sua vita più difficile di quanto non sia già”, ha spiegato Katja Leikert, un deputato del partito della Democrazia Cristiana della Merkel, incaricata di seguire la Brexit, “ma c’è troppo in gioco per noi “. Dichiarando che i colloqui erano giunti a un punto morto, la Merkel ha avvertito che non ci sarebbe stato alcun cambio di rotta se i colloqui Brexit si fossero conclusi senza un accordo. Achim Post, vice capo del gruppo parlamentare socialdemocratico, partner di governo della Merkel, lo ha espresso in modo ancora più esplicito: “Non ci possono essere e non ci saranno sconti politici per il caos politico”. Chiaramente, gli europei hanno i loro interessi da proteggere. Il salvataggio della May non è fra questi.

Incoscienza e stupidità

Un tale servilismo è considerato da molti sostenitori della Brexit come un’umiliazione nazionale. È visto come la goccia che fa traboccare il vaso e scatena accuse di tradimento. Theresa May stava perdendo sostegno da un bel po’ di tempo, ma il processo è accelerato dopo la debacle seguita allo spostamento del voto, lunedì scorso. Di conseguenza, i deputati conservatori senza incarichi di governo hanno deciso che era giunto il momento di agire e affondare il coltello.

Entro la fine di martedì sera, Theresa May è stata informata che il presidente del comitato del 1922 (il gruppo parlamentare conservatore, ndt), Graham Brady, aveva ricevuto le 48 lettere necessarie, innescando il voto di sfiducia nei confronti del leader del partito tra i parlamentari conservatori. May ha cercato di salvare la sua vita politica, affermando che qualsiasi nuovo leader porterebbe a una maggiore instabilità. Soprattutto, ha sottolineato, i suoi irresponsabili avversari potrebbero aprire le porte a elezioni politiche e all’arrivo al potere di un governo laburista di Corbyn. “Lotterò in questo voto con tutto quello che ho”, ha detto la leader dei Tory.v”Un cambio di leadership nel partito conservatore ora metterà a rischio il futuro del nostro paese e creerà incertezza quando meno possiamo permettercelo.”

“Ogni tentativo di sostituire il primo ministro nel mezzo di tutto questo è assolutamente incosciente e stupido”, ha dichiarato Alan Duncan, sottosegretario agliAffari esteri. Ma l’intera scommessa sulla Brexit, iniziata da David Cameron, è stata “incosciente e stupida” fin dall’inizio dal punto di vista del capitalismo britannico. L’Europa è un mercato vitale per la Gran Bretagna. L’idea che il Regno Unito possa prendere il largo e aumentare il volume delle proprie transazioni commerciali in tutto il mondo è follia.

La questione dell’Europa, tuttavia, aveva avvelenato da molto tempo il partito conservatore. Questi ultimi eventi drammatici sono semplicemente le conseguenze di una tensione vecchia di decenni.

Il circo della Brexit

L’intera farsa è come osservare un incidente ferroviario al rallentatore: nessuno sembra avere il controllo. Il governo Tory è stato sconvolto dagli eventi. I negoziati sulla Brexit erano mal preparati e mal concepiti, il che ha portato al raffazzonato compromesso di May, che non soddisfa nessuno e che si sta rapidamente andando in mille pezzi. Il Partito conservatore è impazzito. In passato, badava a difendere gli interessi del capitalismo. Una crisi politica come questa non avrebbe mai potuto accadere. Ma quei giorni sono finiti da tempo. Ora comandano gli squilibrati.

“[In passato] la Gran Bretagna poteva permettersi di essere un luogo stranamente affascinante, con la sua famiglia reale tronfia e i suoi tabloid prolissi, perché aveva un talento nel mettere le persone ragionevoli a capo delle cose che contavano”, sottolinea l’editorialista Bagehot nell’Economist.”

Oggi la visione generale all’estero è che questa formula ha funzionato male. Gli spettacoli circensi e i ciarlatani hanno preso il sopravvento, sotto le sembianze di Boris Johnson e Jacob Rees-Mogg, e le persone ragionevoli sono state rinchiuse nella Torre di Londra.” Questi pagliacci illusi hanno un’idea romantica della Brexit, in cui viene riacquistata la “sovranità”, l’Impero ritorna e la Britannia governa ancora una volta i mari.

Ma una Gran Bretagna “indipendente” sarebbe semplicemente un satellite dell’imperialismo USA, e nulla più. Un no-deal totale, salutato dai più fanatici fautori della Brexit, farebbe precipitare il capitalismo britannico in un abisso. Ma a loro non sembra importare. Il fine giustifica i mezzi. Questo non condurrà al paese di Bengodi, ma a una situazione piuttosto disgustosa. Nessuna meraviglia che la grande borghesia abbia un diavolo per capello di fronte a una simile situazione. Ha perso il controllo e non controlla nemmeno il Partito conservatore, il presunto partito del grande capitale.

Governo di unità nazionale

I sostenitori della Brexit nel partito conservatore volevano un nuovo primo ministro – uno di loro – per gestire l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea. Sono ancora disposti a vedere la Gran Bretagna uscire senza un accordo formale, se necessario. Il voto di mercoledì sera non ha fatto nulla per risolvere queste divisioni nel partito conservatore. Il potenziale per una divisione esiste ancora. La base reazionaria dei Tories è fermamente contraria a May e ai suoi sostenitori, con i due terzi dei membri del partito che vogliono liberarsi della leader.

L’ala “moderata” potrebbe alla fine scindersi, finendo in qualche coalizione con l’ala destra del partito laburista. Ciò ha sollevato l’idea di un governo di unità nazionale in alcuni ambienti. La Gran Bretagna ha di fronte un’emergenza nazionale, con l’avvicinarsi della scadenza della Brexit, le voci che invocano un tale governo affinché agisca nell’interesse nazionale diventeranno sempre più forti. Già Nicky Morgan, un ex ministro Tory (e forte sostenitore del Remain) ha suggerito che “forse è l’ora di una sorta di governo di unità nazionale” per uscire dall’impasse della Brexit. Anche un altro parlamentare conservatore, Nicholas Soames, ha commentato: “Devo dire che se potessi fare a modo mio avremmo un governo di unità nazionale che si occupasse di questo. È il problema più grave che questo paese abbia mai affrontato dalla seconda guerra mondiali “.Ma questo significherebbe spaccare anche il partito laburista, con i seguaci di Blair allineati con i Conservatori europei “ragionevoli” e i liberali. I conservatori fautori del “remain” più in vista stanno già aprendo le porte ai loro amici dall’altra parte della barricata, con Anna Soubry, una delle più convinte fautrici del “remain” fra i Tories, che afferma: “Personalmente avrei abbandonato la preclusione verso il Labour e sarei andata oltre, aggregando il Plaid Cymru (nazionalisti gallesi, ndt), l’SNP (partito nazionalista scozzese, ndt) e altre persone ragionevoli e pragmatiche che vogliono mettere al primo posto gli interessi di questo paese”.

Secondo referendum

La possibilità che un governo di unità azionale si formi per risolvere la paralisi parlamentare della Brexit non può quindi essere esclusa, ma non è la prospettiva più probabile. Invece, cresce la pressione per un “People’s Vote”, un secondo referendum. Questo è sostenuto dai blairiani, Lib Dems, SNP e dai Verdi, che vogliono tutti rovesciare il risultato del referendum del 2016 e rimanere nell’UE. Il pericolo per l’establishment è che un secondo referendum possa confermare la Brexit, conducendo inevitabilmente a una “hard Brexit”. Data la volatilità, i due schieramenti sarebbe molto vicini – troppo vicini secondo alcuni fare questa scommessa.

Tuttavia, alcuni dei sostenitori di Blair sono pronti a scommettere su un secondo referendum, dato che sono ciecamente legati agli interessi del grande capitale, i loro veri padroni. Anche se vincesse il Remain, ciò polarizzerebbe enormemente la situazione. Tale polarizzazione, tuttavia, non sarebbe tra sinistra e destra, ma tra due ali della classe dominante. L’instabilità di fondo del capitalismo britannico non scomparirebbe.

Verso l’ignoto

May rimane per il momento. Ma così anche i problemi con la Brexit. Tale è il disordine all’interno del governo Tory che qualsiasi cosa faranno sarà sbagliata. Gli eventi recenti stanno preparando un ulteriore sconvolgimento nella società britannica.

Ciò che è chiaro è che la Brexit non può semplicemente essere riposta in una scatolone e dimenticata. Non ci sarà ritorno al passato. La crisi politica e l’instabilità sono la nuova normalità sotto il capitalismo. Il governo passerà da un espediente all’altro in un disperato tentativo di superare la più profonda crisi della storia britannica moderna. Stanno tutti fissando l’ignoto: una Brexit senza accordo, sebbene il risultato meno probabile, non può essere del tutto da scartare in considerazione di tutte le correnti che si stanno scontrando. Più probabilmente, se la scadenza del 29 marzo 2019 si avvicina senza alcun accordo, verrà lanciato un qualche tipo di salvagente e verrà sospeso l’articolo 50 (l’articolo del Trattato di Lisbona che regola l’uscita unilaterale di un paese dall’Ue, ndt).

In caso contrario, tutte le ipotesi sono in campo. Nuvole tempestose si stanno radunando. La Gran Bretagna è entrata in acque inesplorate. Gli ultimi giorni e settimane sono stati convulsi, ma non sono nulla in confronto a ciò che stiamo per sperimentare. Allacciate le cinture di sicurezza – ci aspetta un viaggio molto turbolento.

Articoli correlati

Londra – Il corteo di massa contro Trump svela i veri rapporti di forza nella società

A Londra, in una fatidica data come quella di venerdì 13, Donald Trump è stato accolto da una delle più grandi manifestazioni del Regno Unito dai tempi della guerra in Iraq del 2003: 250.000 persone. L’enorme dimensione di questa protesta è un’indicazione dell’ambiente reale di rabbia e di ribellione che esiste all’interno della società britannica oggi.

Esplode la bomba Brexit

Chiunque guardi con obiettività la situazione europea e mondiale può trarne solo una conclusione: il Brexit non è stato altro che il classico fiocco di neve che mette in moto una valanga che non aspettava altro che di precipitare.

Brexit: l’establishment britannico ha perso il controllo

Ogni nuovo voto nella Camera dei comuni britannica riafferma solo la paralisi del parlamento. Ieri i parlamentari hanno votato contro la prospettiva di una Brexit senza accordo, ma subito dopo hanno votato contro qualsiasi alternativa che eviterebbe questa opzione. Quali sono le prospettive?

Inghilterra, dal sostegno a Jeremy Corbyn nasce un nuovo movimento politico

Il 14 agosto si aprono le votazioni per eleggere il nuovo leader del Partito laburista in Gran Bretagna. Le procedure di voto termineranno il 10 settembre e due giorni dopo sarà annunciato il vincitore.

La sorpresa Corbyn irrompe nella campagna elettorale

Quando, il 18 aprile scorso, il primo ministro Theresa May ha annunciato che in Gran Bretagna si sarebbero tenute elezioni anticipate giovedì 8 giugno, credeva di aver compiuto la mossa dell’anno.

Giù le mani da Corbyn! Sconfiggere il golpe blairiano!

È in corso un colpo di stato di destra al fine di spodestare Jeremy Corbyn dalla carica di leader del Partito laburista. I “blariani” danno la colpa a Coprbyn per la sconfitta del “remain”.