24 settembre 2015

Governo e padroni alzano il tiro: quando risponde la Cgil?

Giovedì 18 settembre i lavoratori dei Beni culturali di Roma del Colosseo e altri siti si sono riuniti in assemblea sindacale per discutere di mesi di straordinari non pagati e della carenza cronica di personale.

Questo ha comportato la chiusura dei siti turistici per un paio d’ore. Sostenuto da una vergognosa campagna mediatica, il consiglio dei ministri ha emanato un decreto che inserisce i beni culturali tra i servizi essenziali, come gli ospedali o i trasporti, limitandone così il diritto di sciopero. Dopo il Jobs act, dopo la Buona scuola, l’affondo del governo continua.

pagina_5L’applicazione della “Buona scuola” sta creando un caos nelle scuole senza precedenti e senza alcuna prospettiva ragionevole. Questo non può che alimentare la rabbia dei lavoratori della scuola e una manifestazione nazionale è già stata convocata per il 24 ottobre. Nella grande distribuzione tutto il settore è in ristrutturazione (materiali su radiofabbrica.it). Nei prossimi mesi vanno in scadenza diversi contratti e altri già scaduti dovranno essere rinnovati, per un totale di 6,5 milioni di lavoratori: chimici, turismo, grande distribuzione, e soprattutto, quello dei metalmeccanici. A questi si sommano 3 milioni di lavoratori impiegati nella pubblica amministrazione e nella scuola..

Quando Confindustria e governo se la prendono col sindacato “freno allo sviluppo” non ce l’hanno tanto con le burocrazie sindacali. Vogliono invece sradicare l’idea che esistano dei diritti collettivi nei luoghi di lavoro e una organizzazione che li difende. Il loro obiettivo è un contratto nazionale colabrodo che apra la strada a contratti aziendali (dove ci saranno) disegnati per sottoporre i lavoratori a una pressione continua e senza strumenti per difendersi.

Molto meno chiaro è cosa vuole il sindacato. Dopo l’abbandono della lotta contro il Jobs Act, il gruppo dirigente della Cgil ha di fatto rinunciato a dare una direzione generale alle lotte e ha lasciato da soli i singoli delegati e le categorie a gestire i propri conflitti. Ancora una volta si proccede in ordine sparso e senza una strategia complessiva. Lo confermano anche gli esiti della conferenza di organizzazione che la Cgil ha svolto il 17 e 18 settembre dove, nonostante diversi delegati siano intervenuti per sollecitare risposte su cosa ci riserva l’autunno, la segretaria generale ha glissato. Ha speso qualche parola sulla necessità di rilanciare la mobilitazione sulle pensioni e ha ribadito la necessità dell’unità con Cisl e Uil, ma fondamentalmente ha solo rassicurato l’apparato della Cgil che tutto va bene.

Nella conferenza si è manifestata l’opposizione unita della sinistra sindacale (Democrazia e Lavoro, Il sindacato è un’altra cosa) che ha annunciato una battaglia per un congresso straordinario della Cgil che ne cambi la direzione. È un passo positivo, che richiede tuttavia di essere sostenuto con un programma complessivo e su azione sul campo, nei luoghi di lavoro, in grado di conquistare il sostegno dei lavoratori. Questo vale anche per la Coalizione sociale promossa dalla Fiom, che il 17 ottobre scenderà in piazza con una grande manifestazione nazionale, che se non vuole essere l’ennesima passeggiata al sabato deve sviluppare un programma radicale contro questo sistema opponendo agli attacchi del governo e dei padroni gli interessi dei lavoratori e dei giovani.

Articoli correlati

 La discussione nella sinistra Cgil

Nella riunione dell’esecutivo nazionale dell’area “Il sindacato è un’altra cosa”, che si è tenuta oggi a Roma, si è prodotta una divisione su due testi conclusivi votati in alternativa.
Il dispositivo presentato dai compagni Grassi, Iavazzi, Brini ha raccolto 5 voti, contro i 13 del portavoce, Sergio Bellavita.

Da dove ripartire – Sulla crisi dell’area di opposizione in Cgil

Venerdì 13 maggio, abbiamo appreso, con un post su Facebook, che il portavoce dell’area Il sindacato è un’altra cosa, Sergio Bellavita, e le compagne Maria Pia Zanni (direttivo nazionale Cgil) e Stefania Fantauzzi (Rsa Fiom-Cgil Fiat Termoli) dell’esecutivo nazionale, hanno annunciato l’uscita dalla Cgil.

Un terremoto politico di cui non si traggono le conseguenze – Intervento di Mario Iavazzi al direttivo nazionale Cgil

La Cgil ha solo un compito che possa contribuire a ricostruire una sinistra, una sinistra di classe. Non c’è sinistra senza conflitto di classe. In Europa sono nati, o comunque si sono sviluppate, forze di sinistra di massa solo dopo lo sviluppo di grandi movimenti, di lotte generali e unificanti. Lo abbiamo visto in Spagna, in Francia, in Grecia anni fa, prima del tradimento della stessa sinistra.

Facciamo ovunque come alla Castelfrigo

Venerdì 4 marzo presso la Camera del Lavoro di Modena si è tenuta un’assemblea pubblica organizzata dall’area di opposizione in Cgil “Il sindacato è un’altra cosa” di Modena dal titolo “Mai più schiavi” sulla importante lotta dei facchini della ditta Castelfrigo a Castelnuovo Rangone (Mo). Pubblichiamo di seguito la relazione introduttiva svolta dal compagno Diego Capponi Rls Flai-Cgil presso la ditta Suincom. Una relazione che descrive alla perfezione qual è la situazione nelle aziende del settore alimentare della zona. L’uso fraudolento di appalti e cooperative di comodo da parti delle grandi aziende del settore e ciò che ne consegue in termini di condizioni per i lavoratori.

Rilanciamo la battaglia di opposizione in Cgil!

Quello che segue è l’ordine del giorno che abbiamo chiesto insistentemente di presentare all’assemblea nazionale dell’area “il Sindacato è un’altra cosa” giovedì 12 maggio a Roma.

Bologna, 21 aprile – Coordinamento nazionale lavoratori di Sinistra classe rivoluzione

Sabato 21 aprile si terrà il Coordinamento nazionale dei lavoratori di Scr.