24 Settembre 2015

Governo e padroni alzano il tiro: quando risponde la Cgil?

Giovedì 18 settembre i lavoratori dei Beni culturali di Roma del Colosseo e altri siti si sono riuniti in assemblea sindacale per discutere di mesi di straordinari non pagati e della carenza cronica di personale.

Questo ha comportato la chiusura dei siti turistici per un paio d’ore. Sostenuto da una vergognosa campagna mediatica, il consiglio dei ministri ha emanato un decreto che inserisce i beni culturali tra i servizi essenziali, come gli ospedali o i trasporti, limitandone così il diritto di sciopero. Dopo il Jobs act, dopo la Buona scuola, l’affondo del governo continua.

pagina_5L’applicazione della “Buona scuola” sta creando un caos nelle scuole senza precedenti e senza alcuna prospettiva ragionevole. Questo non può che alimentare la rabbia dei lavoratori della scuola e una manifestazione nazionale è già stata convocata per il 24 ottobre. Nella grande distribuzione tutto il settore è in ristrutturazione (materiali su radiofabbrica.it). Nei prossimi mesi vanno in scadenza diversi contratti e altri già scaduti dovranno essere rinnovati, per un totale di 6,5 milioni di lavoratori: chimici, turismo, grande distribuzione, e soprattutto, quello dei metalmeccanici. A questi si sommano 3 milioni di lavoratori impiegati nella pubblica amministrazione e nella scuola..

Quando Confindustria e governo se la prendono col sindacato “freno allo sviluppo” non ce l’hanno tanto con le burocrazie sindacali. Vogliono invece sradicare l’idea che esistano dei diritti collettivi nei luoghi di lavoro e una organizzazione che li difende. Il loro obiettivo è un contratto nazionale colabrodo che apra la strada a contratti aziendali (dove ci saranno) disegnati per sottoporre i lavoratori a una pressione continua e senza strumenti per difendersi.

Molto meno chiaro è cosa vuole il sindacato. Dopo l’abbandono della lotta contro il Jobs Act, il gruppo dirigente della Cgil ha di fatto rinunciato a dare una direzione generale alle lotte e ha lasciato da soli i singoli delegati e le categorie a gestire i propri conflitti. Ancora una volta si proccede in ordine sparso e senza una strategia complessiva. Lo confermano anche gli esiti della conferenza di organizzazione che la Cgil ha svolto il 17 e 18 settembre dove, nonostante diversi delegati siano intervenuti per sollecitare risposte su cosa ci riserva l’autunno, la segretaria generale ha glissato. Ha speso qualche parola sulla necessità di rilanciare la mobilitazione sulle pensioni e ha ribadito la necessità dell’unità con Cisl e Uil, ma fondamentalmente ha solo rassicurato l’apparato della Cgil che tutto va bene.

Nella conferenza si è manifestata l’opposizione unita della sinistra sindacale (Democrazia e Lavoro, Il sindacato è un’altra cosa) che ha annunciato una battaglia per un congresso straordinario della Cgil che ne cambi la direzione. È un passo positivo, che richiede tuttavia di essere sostenuto con un programma complessivo e su azione sul campo, nei luoghi di lavoro, in grado di conquistare il sostegno dei lavoratori. Questo vale anche per la Coalizione sociale promossa dalla Fiom, che il 17 ottobre scenderà in piazza con una grande manifestazione nazionale, che se non vuole essere l’ennesima passeggiata al sabato deve sviluppare un programma radicale contro questo sistema opponendo agli attacchi del governo e dei padroni gli interessi dei lavoratori e dei giovani.

Articoli correlati

Il congresso dell’USB: I nodi aperti nella costruzione del sindacato di classe

Il 9, 10 e 11 giugno si è svolto a Tivoli il secondo congresso nazionale confederale dell’Unione Sindacale di Base (USB).
Il congresso si svolge in una fase in cui il sindacalismo è sempre più vissuto dai lavoratori come inadeguato e colluso e in cui, malgrado la rabbia crescente e la disponibilità alla lotta la mobilitazione fatica a generalizzarsi perché la crisi, la frammentazione occupazionale e sociale e l’assenza di un’alternativa politica a sinistra non permettono ancora a questo potenziale di esplosione sociale di esprimersi.

Sulla situazione politico sindacale ed il governo – Intervento di Mario Iavazzi al direttivo Cgil

Pubblichiamo l’intervento di Mario Iavazzi al Direttivo nazionale Cgil dello scorso 27 ottobre.

Sindacati di base divisi allo sciopero

I sindacati di base convocano ben due scioperi generali di 24 ore in quindici giorni. Il primo sarà il 27 ottobre di Cub, Sgb, Si Cobas, Usi e Slai Cobas, mentre il 10 novembre sarà la volta di Usb, Confederazione Cobas e Uni Cobas. Quali sono le ragioni di questa divisione?

Il nostro intervento all’Assemblea generale della Cgil (Roma 7-8 settembre)

Mercoledì 7 e giovedì 8 settembre si è svolta a Roma l’assemblea generale della Cgil presieduta dalla segretaria Susanna Camusso. L’assemblea doveva decidere le sostituzioni nella segreteria nazionale, discutere delle campagne d’autunno, fare il punto sui rinnovi contrattuali e i rapporti col governo.

Al fianco dei giovani in lotta, scioperiamo il 24 maggio

Il prossimo 24 maggio ci sarà la seconda giornata internazionale di mobilitazione per il clima, il Global Strike for Future. Pubblichiamo l’appello che delegati e dirigenti sindacali hanno inviato alla segreteria nazionale della Cgil perché quel giorno lo sciopero degli studenti diventi anche lo sciopero dei lavoratori.

Cgil dopo il congresso – Per una svolta necessaria

Il 25 gennaio, dopo un percorso di otto mesi, si è concluso il 18° Congresso della Cgil con l’elezione di Landini a nuovo segretario col 92,7% dei voti. Dove andrà l’ex segretario dei metalmeccanici?