Golpe reazionario in Burkina Faso – Balai Citoyen fa appello alla mobilitazione di massa

Il Reggimento di sicurezza presidenziale (RSP) del Burkina Faso ha effettuato un colpo di stato durante la notte, nella capitale Ouagadougou.

 

Reuters e Al Jazeera riferiscono che ieri pomeriggio le truppe appartenenti alla RSP hanno fatto irruzione in una riunione dell’esecutivo e hanno sequestrato il presidente di transizione, Michel Kafando e il suo primo ministro, Isaac Zida. I fatti sono stati poi confermati dal presidente del parlamento ad interim, Cheriff Sy. Altri ministri presi in ostaggio sono i ministri dei Lavori Pubblici, il Ministro del Lavoro e del Ministro della sicurezza sociale. Più tardi, i soldati del Rsp hanno esploso numerosi colpi contro la popolazione che aveva iniziato a proteste di fronte al palazzo presidenziale.

burkina fasoIl colpo di stato è stata confermato questa mattina da un portavoce del Rsp alla radio e alla televisione.

I processi che hanno portato agli eventi attuali sono stati illustrati in un articolo che abbiamo pubblicato pochi giorni fa, Burkina Faso: Regime in crisis before the elections (in inglese).

Il motivo principale per il colpo di stato è che il primo ministro, Isaac Zida ha estromesso la parte più reazionaria dei lealisti dell’era Compaoré da tutti i processi decisionali in vista delle elezioni del prossimo 11 ottobre. Lo ha fatto in modo da non provocare una seconda rivolta di massa da parte della popolazione che aveva rovesciato questo settore del regime nell’ottobre 2014. Ciò è stato confermato dal portavoce del RSP: ” Abbiamo messo in carica un “Consiglio nazionale della democrazia” con il compito di organizzare elezioni democratiche inclusive. ”

Ma il colpo di stato rappresenta nient’altro che la provocazione più clamorosa per le masse. Balai Citoyen, il gruppo che ha organizzato la rivolta nell’ottobre dello scorso anno, ha convocato mobilitazioni di massa. Oltre a ciò, il più grande sindacato, la Confédération nationale des travailleurs ha convocato uno sciopero generale. Il presidente del Parlamento, Cheriff Sy, ha anche invitato le masse a lottare contro il colpo di stato. Le prossime ore e giorni saranno cruciali. Ci sono già notizie di scontri in Piazza della Rivoluzione.

La chiave per la situazione è la mobilitazione dei lavoratori e della gioventù rivoluzionaria.

Articoli correlati

Africa

Dopo la caduta di Mugabe – Quale futuro per lo Zimbabwe?

L’élite al potere, sia il settore attorno a Mugabe che qualsiasi altro, è incapace di risolvere i problemi all’interno della società. Per gli operai, i contadini e i poveri dello Zimbabwe non c’è altra via da intraprendere che contare sulle proprie forze.

Africa

Il massacro della gioventù nigeriana fa esplodere una rabbia insurrezionale

I giovani nigeriani si sono ribellati alla brutalità della SARS, l’odiata squadra speciale di polizia. Né le concessioni né la frusta della reazione hanno sconfitto il movimento #EndSars, ma lo hanno fatto crescere ancora di più. Questo esplosione spontanea di rabbia deve essere posta su una base politica organizzata, rivolta esplicitamente contro il marcio regime capitalista.

Etiopia

La crisi del Tigrè in Etiopia: socialismo o barbarie

Il 29 Novembre il primo ministro etiope Abiy Ahmed ha annunciato tramite un tweet la conquista da parte dell’esercito della città di Macallè, capitale della regione del Tigrè, nel nord dell’Etiopia. Sembrerebbe l’epilogo di una guerra che ha causato un numero imprecisato di morti e feriti e 40mila profughi che si sono rifugiati in Sudan. Di seguito riportiamo un articolo scritto dai nostri compagni sudafricani che fa chiarezza su quanto è avvenuto e sui retroscena del conflitto

Africa

Sudan: Al-Bashir è caduto, la lotta continua!

I rivolgimenti di questi giorni in Sudan si susseguono con rapidità: dopo quattro mesi di proteste, l’11 aprile i sudanesi hanno ottenuto la destituzione di Omar al-Bashir ed il suo arresto assieme a quello di 150 personalità macchiatesi di crimini contro l’umanità.

Africa

Contagio, crisi e rivolte nei paesi ex coloniali

In questi mesi di pandemia sono circolate immagini drammatiche e rappresentative del fallimento di questo sistema nel garantire il diritto alla salute, soprattutto nei paesi ex coloniali, dove il dramma tocca il suo più alto picco e il sistema sanitario è già al collasso.

Africa

Sudan – No a un compromesso marcio, la rivoluzione deve continuare!

La giunta militare (Tmc) che governa il Sudan da quando è stato deposto Omar al-Bashir nello scorso aprile e la coalizione delle forze civili riunite nelle “Forze per la libertà e il cambiamento” (Ffc) hanno concordato una dichiarazione costituzionale che aprirebbe, secondo i media, la strada per il passaggio del potere ai civili. In realtà è un vero e proprio tradimento della rivoluzione