18 Settembre 2020 Sinistra classe rivoluzione

Giustizia per Willy – “Non può esistere un capitalismo senza razzismo” (Malcolm X)

Nella notte tra sabato 5 e domenica 6 settembre a Colleferro, in provincia di Roma un giovane di 21 anni, Willy Monteiro Duarte, è stato brutalmente assassinato per aver tentato di aiutare un ex compagno di scuola, vittima di un tentativo di pestaggio.

A pestare a morte Willy, giovane lavoratore immigrato di seconda generazione, originario di Capo Verde, sono stati dei criminali che da tempo seminavano terrore nella zona con violenze e pestaggi, dediti ad attività di spaccio e truffa, ormai noti come la “banda di Artena”.

Willy è stato vittima di una vera e propria azione squadrista, di una violenza cieca che molti hanno ricondotto a una generica “cultura dell’odio”, le cui radici sarebbero le più disparate: l’ambiente delle palestre, le arti marziali, i modelli propinati dai media mainstream e via discorrendo. Per questi delinquenti razzisti la vita di Willy non valeva nulla tanto che il giorno dopo, un familiare degli indagati si è espresso addirittura così: “Cosa hanno fatto? Alla fine non hanno fatto niente. Hanno solo ucciso un extracomunitario”.

Ma il degrado sociale che produce violenza e sopraffazione ha delle cause ben precise.

Artena è un piccolo paese di 15.000 abitanti, afflitto da disoccupazione giovanile di massa, spaccio e consumo di droga, dove l’abbandono scolastico è ancora una piaga. Problemi comuni a molte realtà di provincia e alle periferie delle grandi metropoli trasformate da questo sistema in crisi in vere e proprie discariche sociali.

Problemi che sono il prodotto del sistema economico nel quale viviamo, un sistema violento che produce sfruttamento e disgregazione sociale, creando un terreno fertile per la propaganda razzista e reazionaria usata dalle destre per fomentare l’odio utile a distogliere le masse dai problemi reali.

Ma come si combattono l’odio, il razzismo e il fascismo le masse ce lo stanno insegnando oltreoceano.

Il movimento che sta infiammando gli Stati Uniti, Black Lives Matter, e i numerosi scioperi dei lavoratori a sostegno delle proteste sono la dimostrazione che l’odio, la violenza, il razzismo, non si combattono chiedendo il permesso alle istituzioni o con l’impiego delle forze dell’ordine, ma con l’unità di classe e il protagonismo delle masse.

Il razzismo non è un’opinione o un problema “culturale”, ma il prodotto di un sistema economico, il capitalismo, basato sul profitto e lo sfruttamento.

La lotta per una società nuova non può che passare per l’abbattimento di questo sistema!

NO al fascismo! NO al razzismo!
BLACK LIVES MATTER!

ORGANIZZATI E LOTTA CON NOI!

Scarica questo volantino in formato pdf

Articoli correlati

Antifascismo e Antirazzismo

Trieste, 3 novembre – Per un antifascismo di classe e internazionalista

Pubblichiamo il volantino che distribuiremo oggi 3 novembre alla manifestazione contro Casapound, a Trieste

Antifascismo e Antirazzismo

Italia: scoperta cellula terroristica neonazista legata al battaglione Azov

Quattro membri di una cellula terroristica neonazista sono stati arrestati in provincia di Napoli, l’accusa è di aver progettato attacchi terroristici sul suolo italiano. Un’indagine di polizia ha rivelato legami tra questa organizzazione e gruppi fascisti in Ucraina, tra cui il famigerato battaglione Azov. Questo episodio mette in luce l’ipocrisia dell’imperialismo occidentale, che sta fornendo denaro e armi a gruppi armati in Ucraina con radici neonaziste e di estrema destra, le cui prove vengono regolarmente liquidate come esagerate o come “propaganda russa”.

Politica generale

L’Italia, oggi. Un paese di emigrati.

Il fenomeno dell’immigrazione è uno dei temi più discussi negli ultimi anni. Di fronte ai drammi di questi mesi e alle campagne xenofobe che vengono portate avanti, abbiamo sentito più

Antifascismo e Antirazzismo

Pavia: Le intimidazioni fasciste non ci fermeranno!

Tutta Italia ha parlato della intimidazione fascista avvenuta a Pavia due notti prima delle elezioni, quando qualcuno ha attaccato alle porte di casa di una quindicina di persone degli adesivi minacciosi con scritto «Qui ci abita un antifascista» e il simbolo della Rete Antifascista sbarrato.

Antifascismo e Antirazzismo

25‭ ‬aprile‭ ‬-‭ ‬L’antifascismo è lotta di classe‭!

Anche quest’anno,‭ ‬come accade da tempo,‭ ‬il‭ ‬25‭ ‬Aprile le istituzioni,‭ ‬il partito democratico e quel poco che rimane della sinistra riformista tireranno fuori tutto l’armamentario della retorica sull’unità nazionale e sul tricolore.‭ La realtà delle cose è molto diversa da come la descrivono questi politici al servizio del grande capitale: l’antifascismo non solo non ha perso il suo valore ma oggi più che mai ha senso

Storia e Memoria

Agosto 1922 – L’offensiva squadrista e le barricate di Parma

Se nel 1919 i fascisti sono ancora una forza marginale, come dimostra il risultato delle elezioni di Milano, la situazione cambia rapidamente e tragicamente nel 1921. Le lotte del Biennio rosso si erano concluse con un compromesso che non rappresentava una vittoria per nessuna delle parti in causa: da una parte il movimento operaio che aveva sfiorato la possibilità della presa del potere, sfumata senza una guida rivoluzionaria. Dall’altra parte il padronato, che avrebbe voluto vedere le fabbriche sgomberate dall’esercito.