18 Settembre 2020 Sinistra classe rivoluzione

Giustizia per Willy – “Non può esistere un capitalismo senza razzismo” (Malcolm X)

Nella notte tra sabato 5 e domenica 6 settembre a Colleferro, in provincia di Roma un giovane di 21 anni, Willy Monteiro Duarte, è stato brutalmente assassinato per aver tentato di aiutare un ex compagno di scuola, vittima di un tentativo di pestaggio.

A pestare a morte Willy, giovane lavoratore immigrato di seconda generazione, originario di Capo Verde, sono stati dei criminali che da tempo seminavano terrore nella zona con violenze e pestaggi, dediti ad attività di spaccio e truffa, ormai noti come la “banda di Artena”.

Willy è stato vittima di una vera e propria azione squadrista, di una violenza cieca che molti hanno ricondotto a una generica “cultura dell’odio”, le cui radici sarebbero le più disparate: l’ambiente delle palestre, le arti marziali, i modelli propinati dai media mainstream e via discorrendo. Per questi delinquenti razzisti la vita di Willy non valeva nulla tanto che il giorno dopo, un familiare degli indagati si è espresso addirittura così: “Cosa hanno fatto? Alla fine non hanno fatto niente. Hanno solo ucciso un extracomunitario”.

Ma il degrado sociale che produce violenza e sopraffazione ha delle cause ben precise.

Artena è un piccolo paese di 15.000 abitanti, afflitto da disoccupazione giovanile di massa, spaccio e consumo di droga, dove l’abbandono scolastico è ancora una piaga. Problemi comuni a molte realtà di provincia e alle periferie delle grandi metropoli trasformate da questo sistema in crisi in vere e proprie discariche sociali.

Problemi che sono il prodotto del sistema economico nel quale viviamo, un sistema violento che produce sfruttamento e disgregazione sociale, creando un terreno fertile per la propaganda razzista e reazionaria usata dalle destre per fomentare l’odio utile a distogliere le masse dai problemi reali.

Ma come si combattono l’odio, il razzismo e il fascismo le masse ce lo stanno insegnando oltreoceano.

Il movimento che sta infiammando gli Stati Uniti, Black Lives Matter, e i numerosi scioperi dei lavoratori a sostegno delle proteste sono la dimostrazione che l’odio, la violenza, il razzismo, non si combattono chiedendo il permesso alle istituzioni o con l’impiego delle forze dell’ordine, ma con l’unità di classe e il protagonismo delle masse.

Il razzismo non è un’opinione o un problema “culturale”, ma il prodotto di un sistema economico, il capitalismo, basato sul profitto e lo sfruttamento.

La lotta per una società nuova non può che passare per l’abbattimento di questo sistema!

NO al fascismo! NO al razzismo!
BLACK LIVES MATTER!

ORGANIZZATI E LOTTA CON NOI!

Scarica questo volantino in formato pdf

Articoli correlati

Antifascismo e Antirazzismo

Emmanuel vive nella nostra rabbia!

Il volantino che distribuiremo stasera a Fermo.

Antifascismo e Antirazzismo

Non un passo indietro! Il fascismo si ferma nelle piazze, piaccia o meno a Minniti!

Non un passo indietro! Saremo presenti al corteo a Macerata e in tutte le piazze antifasciste convocate in questi giorni per ribadire che solo con la mobilitazione di massa si potranno spazzare via i rigurgiti fascisti. Una mobilitazione che deve basarsi sull’unione dei lavoratori e degli sfruttati, contro il padronato e il capitalismo.

Antifascismo e Antirazzismo

Adesione alla manifestazione del 16 giugno a Roma, “Basta disuguaglianze”

SCR aderirà alla manifestazione del 16 giugno a Roma e scenderà in piazza a fianco dei compagni dell’Usb e delle altre realtà politiche e sociali che vorranno essere presenti, ma soprattutto scenderemo in piazza a fianco dei nostri fratelli e compagni immigrati, che rappresentano il settore più sfruttato ed oppresso della classe sociale a cui apparteniamo.

Antifascismo e Antirazzismo

Aggressione fascista a Crema!

Lunedì notte, tra l’una e mezza e le due, a Ombriano, quartiere di Crema, c’è stata un’aggressione fascista.

Antifascismo e Antirazzismo

Modena – La destra all’attacco della Settimana della salute mentale

Lo scorso 8 febbraio il consigliere della regione Emilia Romagna Tommaso Foti (Fratelli d’Italia-AN) ha presentato un’interrogazione nella quale, “nel pieno rispetto della libertà di opinione”, chiedeva all’AUSL di Modena “ assicurazioni in merito alla terzietà, e quindi all’obiettività” con cui viene annualmente organizzato il “Màt – Settimana della Salute Mentale” dal Dipartimento di Salute Mentale e Dipendenze Patologiche.

Antifascismo e Antirazzismo

25 aprile – Nel passato Resistenza, nel futuro Rivoluzione!

Non è possibile ridurre al semplice ripristino della democrazia le aspirazioni di chi si unì alla Resistenza. Farlo significherebbe non tenere conto del suo carattere profondamente insurrezionale. Chiunque ancora oggi in occasione del 25 Aprile si cimenti nell’arduo compito di riscrivere la storia lo fa chiudendo gli occhi di fronte alle sollevazioni proletarie di quei venti mesi.