18 Settembre 2020 Sinistra classe rivoluzione

Giustizia per Willy – “Non può esistere un capitalismo senza razzismo” (Malcolm X)

Nella notte tra sabato 5 e domenica 6 settembre a Colleferro, in provincia di Roma un giovane di 21 anni, Willy Monteiro Duarte, è stato brutalmente assassinato per aver tentato di aiutare un ex compagno di scuola, vittima di un tentativo di pestaggio.

A pestare a morte Willy, giovane lavoratore immigrato di seconda generazione, originario di Capo Verde, sono stati dei criminali che da tempo seminavano terrore nella zona con violenze e pestaggi, dediti ad attività di spaccio e truffa, ormai noti come la “banda di Artena”.

Willy è stato vittima di una vera e propria azione squadrista, di una violenza cieca che molti hanno ricondotto a una generica “cultura dell’odio”, le cui radici sarebbero le più disparate: l’ambiente delle palestre, le arti marziali, i modelli propinati dai media mainstream e via discorrendo. Per questi delinquenti razzisti la vita di Willy non valeva nulla tanto che il giorno dopo, un familiare degli indagati si è espresso addirittura così: “Cosa hanno fatto? Alla fine non hanno fatto niente. Hanno solo ucciso un extracomunitario”.

Ma il degrado sociale che produce violenza e sopraffazione ha delle cause ben precise.

Artena è un piccolo paese di 15.000 abitanti, afflitto da disoccupazione giovanile di massa, spaccio e consumo di droga, dove l’abbandono scolastico è ancora una piaga. Problemi comuni a molte realtà di provincia e alle periferie delle grandi metropoli trasformate da questo sistema in crisi in vere e proprie discariche sociali.

Problemi che sono il prodotto del sistema economico nel quale viviamo, un sistema violento che produce sfruttamento e disgregazione sociale, creando un terreno fertile per la propaganda razzista e reazionaria usata dalle destre per fomentare l’odio utile a distogliere le masse dai problemi reali.

Ma come si combattono l’odio, il razzismo e il fascismo le masse ce lo stanno insegnando oltreoceano.

Il movimento che sta infiammando gli Stati Uniti, Black Lives Matter, e i numerosi scioperi dei lavoratori a sostegno delle proteste sono la dimostrazione che l’odio, la violenza, il razzismo, non si combattono chiedendo il permesso alle istituzioni o con l’impiego delle forze dell’ordine, ma con l’unità di classe e il protagonismo delle masse.

Il razzismo non è un’opinione o un problema “culturale”, ma il prodotto di un sistema economico, il capitalismo, basato sul profitto e lo sfruttamento.

La lotta per una società nuova non può che passare per l’abbattimento di questo sistema!

NO al fascismo! NO al razzismo!
BLACK LIVES MATTER!

ORGANIZZATI E LOTTA CON NOI!

Scarica questo volantino in formato pdf

Articoli correlati

Antifascismo e Antirazzismo

2 maggio 2014, il massacro di Odessa – Noi non dimentichiamo!

Il 2 maggio 2014 , otto anni fa, gruppi paramilitari fascisti e nazisti assaltarono la Casa dei Sindacati di Odessa, in Ucraina, dandole fuoco. Nell’incendio e sotto i colpi di bastone e di arma da fuoco, perirono 42 giovani e lavoratori, militanti di organizzazioni comuniste e antifasciste.

Antifascismo e Antirazzismo

Modena – Si vietino i banchetti e ogni agibilità ai fascisti!

Nonostante le ennesime aggressioni fasciste di questi giorni ( ultima quella di ieri al segretario della Fiom-Cgil di Forlì) a #Modena lo scorso 9 dicembre è stato permesso al movimento “vitale e pulito” tanto caro a #Mentana e #Formigli ma soprattutto alla famiglia Spada di #CasaPound di fare un banchetto in centro così come a #Carpi è stato concesso al comitato di affari manghenello/aspersorio di #ForzaNuova di fare altrettanto.

Antifascismo e Antirazzismo

Milano, Stazione centrale: la maschera ipocrita del Partito democratico

Dopo la retata delle “forze dell’ordine” davanti alla stazione centrale di Milano con incredibile spiegamento di mezzi e uomini si è scatenato il dibattito. Mentre quello stesso pomeriggio sul piazzale della stazione Matteo Salvini improvvisava un comizio e incitava alla pulizia etnica, il sindaco Sala lamentava di non essere stato avvertito dalla Questura e si gloriava di essere il primo cittadino della “città dell’accoglienza”.

Antifascismo e Antirazzismo

Un’infame aggressione all’organizzazione dei lavoratori

Il comunicato di Giornate di Marzo, Area d’Alternativa in Cgil, sull’attacco squadrista alla sede nazionale della Cgil a Roma

Antifascismo e Antirazzismo

1977-2017: nelle lotte dei compagni Walter vive!

Il 30 settembre di 38 anni fa veniva assassinato a Roma Walter Rossi, giovane militante di Lotta continua, per mano dei fascisti. Ad oggi nessuno è stato condannato per quel vile omicidio.
Ricordiamo il compagno Walter riproponendo un articolo scritto, in sua memoria, nel 2007.

Storia e Memoria

Per non dimenticare: quando erano gli italiani ad emigrare

“Gli immigrati si prendono il lavoro e le case, mentre gli italiani non hanno nulla! Il governo dovrebbe pensare prima agli italiani.” Quante volte sentiamo queste frasi, sbandierate da televisione e stampa, soprattutto da quella più bieca, e dai demagoghi di destra? Quelli che diffondono queste idee però non spiegano che, immigrati o no, il governo non aiuterà gli italiani, e che l’innalzamento dell’età pensionabile e i tagli al welfare non avvengono per colpa degli immigrati. La disoccupazione e la povertà non sono un prodotto dell’immigrazione; la verità è che la borghesia italiana ha per anni “importato” nel paese la forza lavoro a buon mercato per trarne vantaggio, allo stesso modo in cui, in passato, la esportava, creando grande fonte di reddito per lo Stato italiano.