12 Dicembre 2017

Modena – Giù le mani dalla Maserati!

Oggi, 12 dicembre, i lavoratori di Maserati Auto scioperano per quattro ore. Di seguito, il nostro comunicato.

La Fiat continua a scaricare la propria crisi sui lavoratori.
Da un lato assicura i lauti profitti agli azionisti, dall’altro mette in cassa integrazione i lavoratori da #Modena a #Torino fino a Pomigliano chiudendo addirittura interi stabilimenti come quello a Termini Imerese.
Quando c’è da produrre si ipersaturano gli stabilimenti e si “spremono” i lavoratori fino all’osso, riempiendo i mercati con milioni di vetture invendute che fanno solo crescere i profitti di chi comanda.
Basta solo ricordare che #Marchionne quest’anno ha portato a casa ben 50 mln di euro e che i profitti di Exor (la società controllante della famiglia Agnelli) nei primi 6 mesi del 2017 sono più che raddoppiati rispetto al primo semestre 2016 passando da 430 a 916 milioni di euro.

Tutte le leggende propagandate per anni a sinistra sul capitalismo “dal volto umano” si sono rivelate un feroce inganno.
La Fiat conosce un solo linguaggio: il linguaggio della forza. Per ogni fabbrica minacciata dalla chiusura la risposta deve essere l’occupazione; rivendicare la redistribuzione del lavoro esistente fra tutti i lavoratori del gruppo, a parità di salario;ritornare a parlare di nazionalizzazione della Fiat, senza alcun indennizzo, a difesa dei posti di lavoro e a vantaggio della collettività.
Occorre unire il fronte di tutti i lavoratori del gruppo #FCA e soprattutto di quelli che vivono da anni in cassa integrazione. Una lotta per le garanzie occupazionali riguarda tutti gli stabilimenti del gruppo FCA.

Solo una svolta radicale di lotta può strappare risultati.
Bene hanno fatto la Rsu Fiom Maserati Modena e la Fiom Cgil Modena a proclamare 4 ore di sciopero con presidio per martedì prossimo 12 dicembre. Questo deve essere il primo passo per estendere e generalizzare a tutti gli stabilimenti la lotta per la difesa dell’occupazione, dei diritti e della dignità dei lavoratori.
Scr darà sempre il suo sostegno attivo e sarà sempre al fianco dei lavoratori della #Maserati e del gruppo FCA.

 

Articoli correlati

Il problema non è il “populismo” ma la crisi di una linea sindacale

A Bologna tra il 2008 e il 2016 si sono persi 7mila posti di lavoro metalmeccanici – da 53mila a 47mila – di cui 6mila operai e mille gli impiegati.

Referendum Fincantieri: i lavoratori puniscono le scelte della Fiom

Nei giorni 25 e 26 luglio, presso tutti gli stabilimenti Fincantieri, i lavoratori sono stati chiamati ad esprimersi con un voto sull’ipotesi di accordo siglata unitariamente da Fim Fiom e Uilm per il rinnovo del contratto aziendale. Il risultato finale complessivo vede il SI prevalere di misura con il 57% (2885) dei voti contro il 42% (2125) dei NO.

Solidarietà con i lavoratori in lotta di Kragujevac

La solidarietà dei lavoratori del gruppo Fca in Italia

Innse – Licenziati gli operai che salirono sul carroponte

Milano, agosto 2009. Dopo 15 mesi di lotta e quattro operai arrampicati su un carro ponte per otto giorni, i lavoratori della Innse riportarono una vittoria importante.

Solidarietà ai delegati della Fca di Termoli

La settimana scorsa la maggioranza dei delegati Rsa dello stabilimento Fca di Termoli ha convocato uno sciopero dello straordinario per sabato 21 novembre.

A lavorare in fabbrica…si diventa matti!

Il 23 ottobre a Modena nell’ambito della “Settimana della Salute Mentale” organizzata dal Dipartimento di Salute Mentale dell’Asl di Modena, la Fiom locale e nazionale hanno organizzato in collaborazione con il DSM una assemblea pubblica dal titolo “A lavorare in fabbrica si diventa matti”.