Modena – Giù le mani dalla Maserati!

Oggi, 12 dicembre, i lavoratori di Maserati Auto scioperano per quattro ore. Di seguito, il nostro comunicato.

La Fiat continua a scaricare la propria crisi sui lavoratori.
Da un lato assicura i lauti profitti agli azionisti, dall’altro mette in cassa integrazione i lavoratori da #Modena a #Torino fino a Pomigliano chiudendo addirittura interi stabilimenti come quello a Termini Imerese.
Quando c’è da produrre si ipersaturano gli stabilimenti e si “spremono” i lavoratori fino all’osso, riempiendo i mercati con milioni di vetture invendute che fanno solo crescere i profitti di chi comanda.
Basta solo ricordare che #Marchionne quest’anno ha portato a casa ben 50 mln di euro e che i profitti di Exor (la società controllante della famiglia Agnelli) nei primi 6 mesi del 2017 sono più che raddoppiati rispetto al primo semestre 2016 passando da 430 a 916 milioni di euro.

Tutte le leggende propagandate per anni a sinistra sul capitalismo “dal volto umano” si sono rivelate un feroce inganno.
La Fiat conosce un solo linguaggio: il linguaggio della forza. Per ogni fabbrica minacciata dalla chiusura la risposta deve essere l’occupazione; rivendicare la redistribuzione del lavoro esistente fra tutti i lavoratori del gruppo, a parità di salario;ritornare a parlare di nazionalizzazione della Fiat, senza alcun indennizzo, a difesa dei posti di lavoro e a vantaggio della collettività.
Occorre unire il fronte di tutti i lavoratori del gruppo #FCA e soprattutto di quelli che vivono da anni in cassa integrazione. Una lotta per le garanzie occupazionali riguarda tutti gli stabilimenti del gruppo FCA.

Solo una svolta radicale di lotta può strappare risultati.
Bene hanno fatto la Rsu Fiom Maserati Modena e la Fiom Cgil Modena a proclamare 4 ore di sciopero con presidio per martedì prossimo 12 dicembre. Questo deve essere il primo passo per estendere e generalizzare a tutti gli stabilimenti la lotta per la difesa dell’occupazione, dei diritti e della dignità dei lavoratori.
Scr darà sempre il suo sostegno attivo e sarà sempre al fianco dei lavoratori della #Maserati e del gruppo FCA.

 

Articoli correlati

Metalmeccanici

L’intervento di Paolo Brini al Comitato centrale della Fiom – 21 maggio 2016

Il comitato centrale della Fiom, a fronte della totale intransigenza di Federmeccanica, ha condiviso l’idea di proporre dopo l’incontro del prossimo 24 maggio un pacchetto di ore di sciopero, il blocco degli straordinari e lo sciopero generale con manifestazioni regionali per la metà di giugno. Di seguito potrete leggere l’intervento di Paolo Brini.

Metalmeccanici

Solidarietà con i lavoratori in lotta di Kragujevac

La solidarietà dei lavoratori del gruppo Fca in Italia

Metalmeccanici

Embraco, l’unica soluzione è la nazionalizzazione

Oggi ai lavoratori dell’Embraco non rimane che una cosa da fare, occupare e rivendicare la nazionalizzazione sotto il controllo dei lavoratori dello stabilimento. Per evitare che l’azienda venga smantellata, per riprendere la produzione e dimostrare che può funzionare anche senza il cosiddetto management, e che col controllo operaio e l’appoggio dello stato si può distribuire quello che si produce.

Metalmeccanici

No alla repressione politica in Fiom

Negli scorsi giorni il Collegio Nazionale di Garanzia (CNG) della Cgil ha emanato la propria “sentenza” in merito all’interpello avanzato dai segretari generali della Fiom del Molise e della Basilicata riguardante una parte degli RSA del gruppo FCA.

Metalmeccanici

Preparare subito il conflitto! – Intervento di Paolo Brini al CC FIOM (20 febbraio 2020)

Compagne e compagni, credo che noi si debba uscire da questa discussione avendo chiaro due questioni di fondo. La prima è che, anche a fronte dell’ennesimo incontro inutile avuto ieri

Metalmeccanici

Contratto dei metalmeccanici: un accordo da bocciare!

Si invitino tutti i lavoratori metalmeccanici non solo a votare No ma soprattutto ad iscriversi alla Fiom pretendendo di diventarne protagonisti attivi diretti e coscienti. Pretendendo che la più grande ed importante organizzazione del movimento operaio di questo paese abbandoni la strada della collaborazione di classe e riprenda la via del conflitto e della rottura delle compatibilità con questo sistema.