24 Maggio 2018

Giù le mani dalla Casa Internazionale delle Donne!

Il 17 maggio la giunta 5 stelle di Virginia Raggi ha approvato la mozione della consigliera Guerrini che prevede la “messa a norma” della gestione dello stabile della Casa internazionale della donna a Roma e di mettere al bando i locali per destinarli ad altre associazioni.

La vicenda è iniziata a novembre dello scorso anno quando la Casa internazionale ha ricevuto un’ingiunzione di pagamento di oltre 800 mila euro di mensilità di affitto non pagate. Il tutto ignorando l’iter per un accordo sul nuovo canone da pagare, pattuito con la precedente giunta Marino, di 9 mila euro al mese. Questo edificio, un ex convento, fu occupato alla fine degli anni ottanta dal movimento delle donne romano per diventare un luogo abitativo e coordinamento di varie attività. Da oltre trent’anni, la Casa internazionale è un punto di riferimento soprattutto per le donne vittime di violenza, un centro di ascolto e di progettualità in cui si offrono servizi socio sanitari, psicologici e sportelli legali tutto completamente gratuito. La risposta della piazza non si è fatta attendere: un migliaio di persone hanno presieduto davanti al Campidoglio durante la seduta manifestando la loro disapprovazione e chiedendo il ritiro della mozione.

L’attacco alla Casa internazionale della donna rientra in un progetto che la giunta Raggi ha messo in campo da quando si è insediata nei confronti di edifici storici romani occupati anni fa. In due anni di giunta 5 stelle a Roma sono stati sgomberati decine di palazzi occupati a partire dalla vergognosa vicenda dello stabile occupato da immigrati a piazza Indipendenza con cariche e soprusi da parte della polizia. Il vero volto del movimento 5 stelle ormai si è svelato anche a Roma. In una realtà come quella romana, che rispecchia quella nazionale, in cui lo smantellamento dei servizi sociali è sotto gli occhi di tutti , in cui i consultori chiudono, la sanità pubblica è ormai un miraggio, gli asili pubblici sono sempre più ridotti al lumicino, i pentastellati non si differenziano da altri con idee politiche differenti.

Molti si chiedono come è possibile che un sindaco donna faccia chiudere un luogo di lotta e di simbolo per le donne: la risposta è semplice: Virginia Raggi non rappresenta tutta le donne; non rappresenta le donne lavoratrici che hanno il problema di combinare lavoro e maternità, non rappresenta le donne vittime di violenza, non rappresenta le donne che da decenni si mobilitano per una vera emancipazione femminile e chiedono diritti. Le vicende romane sono un’anticipazione di quello che sarà il futuro governo nazionale.

I luoghi di lotta vanno difesi nelle piazze, creando coordinamenti tra le varie mobilitazioni che ci sono in campo a Roma e facendo sentire la propria voce per la riappropriazione dei luoghi che hanno simboleggiato lotte passate che mai come oggi sono sempre più attuali.

 

Articoli correlati

Le donne e la rivoluzione in Pakistan (+ Video)

Una delle serate del congresso mondiale 2016 della Tendenza Marxista Internazionale (TMI) è stata dedicata alla discussione sulla lotta delle donne in Pakistan.

San Camillo di Roma – Sì al concorso, no all’obiezione di coscienza

Ieri il Presidente della regione Lazio, Nicola Zingaretti, ha annunciato l’assunzione di due medici non obiettori di coscienza presso l’Ospedale San Camillo di Roma. Questi medici hanno partecipato a un concorso indetto nel 2015 solo per medici non obiettori.

Marxista-femminista?

È davvero necessario definirmi femminista per rendere chiaro il mio impegno rispetto all’emancipazione della donna, così come rispetto all’emancipazione della mia classe?

26 Novembre tutti a Roma per gridare “Ni una menos!”

Il 25 novembre ricorre la Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne che fu istituita nel 1999. Il 26 novembre saremo in piazza a Roma e vogliamo che da quella piazza parta non solo una marcia che esprima la rabbia delle donne ma sia l’inizio di una mobilitazione generale che prenda esempio dalla radicalità e dalle forme di lotta vittoriose viste nelle strade di Varsavia.

Lettera aperta alla rete “Non una di meno”

Siamo lavoratrici, studentesse, militanti politiche e sindacali, compagne che hanno partecipato al percorso di discussione e mobilitazione contro la violenza sulle donne che in Italia si è dispiegato tra la manifestazione di Roma del 26 novembre e la straordinaria giornata di lotta dell’8 marzo.

Non una di meno, un bilancio critico dell’Assemblea nazionale del 22-23 aprile

Nel fine settimana del 22-23 aprile si è tenuta a Roma l’assemblea nazionale della rete Non una di meno, la terza dopo le due precedenti di Roma (27 novembre) e Bologna (4-5 febbraio) e la prima dopo la giornata di lotta internazionale dell’8 marzo che in Italia, come in decine di altri paesi in tutto il mondo, ha visto mobilitarsi migliaia di donne.