10 Ottobre 2019

Giù le mani dal Rojava! Nessuna fiducia nelle “democrazie” occidentali!

Con il ritiro delle truppe americane dalle zone curde in Siria, Trump ha dato il via libera all’attacco dell’esercito turco alle forze del Ypg. Almeno 5mila soldati sono schierati al confine turco-siriano,pronti all’invasione, e sono già iniziati bombardamenti e raid aerei.

“Sorgente di pace”, così è denominata l’operazione turca. L’attacco sarà invece spietato e feroce. Erdogan è determinato a non lasciare alcuno spazio all’autonomia del Rojava: un Kurdistan indipendente minaccerebbe l’unità della Turchia. L’attacco serve anche a fini interni, il “sultano”, in calo di consensi, ha bisogno di distogliere l’attenzione dei giovani e lavoratori turchi dagli effetti della pesantissima recessione economica. Erdogan sta scherzando col fuoco: la sua offensiva genererà ancora maggiore instabilità, massacri e terrore in Siria e in tutto il Medio oriente.

Ma non è solo Trump a schierarsi dalla parte di Erdogan. La Nato ha autorizzato l’attacco (basta che sia “proporzionato e misurato”). A parole, naturalmente, Onu e Unione europea stigmatizzano l’azione militare, ma nei fatti aiutano il governo di Ankara. L’Ue ha già versato nelle casse di Ankara 5,6 miliardi di euro in tre anni per fermare la rotta balcanica dei profughi. L’Italia, dal 2015, ha autorizzato forniture militari per 890 milioni di euro alla Turchia.

La Russia, vero dominus della situazione in Siria, chiude un occhio nei confronti delle azioni di Erdogan ai cui ha venduto pure il sistema missilistico S-400. Putin non è interessato né alla democrazia né tantomeno ai diritti delle nazioni oppresse in Siria. Vuole stabilità e la tutela degli interessi russi, e si allea di volta in volta con chiunque sia disposto a garantire al meglio tutto ciò.

In questo “grande gioco” i curdi sono stati utilizzati come carne da macello contro l’Isis e poi sono stati abbandonati al loro destino.

A proposito, la Turchia è parte integrante dell’alleanza contro Daesh, ci ripetono i mass media. In questa offensiva il principale alleato dell’Esercito turco è… l‘Esercito libero siriano, un coacervo di mercenari jihadisti sul libro paga delle monarchie del Golfo e a cui è stata fornita la patente di “campione della democrazia” dall’Occidente. Saranno questi tagliagole, nei piani di Ankara, a prendere il posto dell’Ypg!

Nella guerra civile siriana le potenze imperialiste regionali e mondiali giocano una partita decisiva, in cui nel corso di questi anni non hanno esitato a usare il dramma dei popoli oppressi per i propri interessi. Cinicamente gli Stati uniti lo hanno fatto con la lotta eroica del popolo curdo, decisivo nella resistenza contro il fondamentalismo islamico.

La solidarietà verso la causa del Kurdistan non potrà arrivare da Washington, così come da nessun governo europeo. Tantomeno dalla Russia o dall’Iran, e a nulla serviranno gli appelli all’Onu. L’ipocrisia delle “democrazie occidentali” è svelata davanti agli occhi del pianeta.

I miliziani dell’Ypg, come tutti i lavoratori e i giovani curdi, devono contare solo sulle proprie forze e sulla solidarietà internazionalista dei lavoratori e giovani di tutto il mondo.

Difendiamo il diritto di autodeterminazione del popolo kurdo e siamo al fianco della sua lotta.

La soluzione della questione nazionale kurda non può risolversi dentro le frontiere del Rojava ma solo sulla base di una rivoluzione socialista che unisca lavoratori e le masse oppresse di tutte le nazionalità e le religioni del Kurdistan, della Siria, della Turchia e di tutto il Medio Oriente.

 

Scarica questo testo come volantino in formato .pdf

Articoli correlati

Cosa significa il nuovo attacco militare alla Siria?

Sabato 14 aprile, gli Stati Uniti e i loro “alleati”, la Gran Bretagna e la Francia, hanno bombardato molteplici obiettivi governativi in Siria, in un’operazione che aveva come obiettivo siti legati ai presunti programmi di guerra chimica.

Siria – L’intervento russo e l’impasse dell’imperialismo Usa

Dopo quattro anni di guerra civile, 300mila morti e milioni di profughi, il conflitto in Siria entra in una nuova fase. La Russia ha deciso di intervenire e dalla fine di settembre sta bombardando sistematicamente il territorio controllato dalle milizie anti-Assad e dall’Isis.

La caduta di Aleppo e le nebbie della guerra

Aleppo è caduta. Dopo quattro anni di una guerra di logoramento sanguinosa la città più grande della Siria e il principale centro commerciale prima della guerra civile è di nuovo sotto controllo del regime di Assad. Per i ribelli e i loro sostenitori stranieri rappresenta un colpo umiliante che avrà conseguenze importanti a livello interno e internazionale.

Erdogan: giù le mani da Afrin e dal Rojava!

Le ultime vicende provano, ancora una volta, che le potenze imperialiste usano le aspirazioni nazionali del popolo kurdo finché ne hanno l’interesse e le tradiscono appena ne hanno la convenienza. D’altra parte, noi non sacrifichiamo il sacrosanto diritto del popolo kurdo all’autodeterminazione, inclusa l’indipendenza, all’altare della geopolitica. Per questo ci siamo uniti e ci uniremo alle mobilitazioni in solidarietà con la lotta kurda e contro tutti i campi imperialisti presenti in Siria.

La caduta di Aleppo e la resistenza del popolo curdo

La riconquista di Aleppo, la seconda città della Siria, da parte delle forze governative lo scorso dicembre, rappresenta un punto di svolta non solo nella guerra civile siriana, ma anche per il complesso delle relazioni mondiali. Una guerra civile sanguinosa, che ha distrutto un paese. Una tragedia umanitaria che ha pochi precedenti e che ha un unico responsabile: l’imperialismo.

Afrin – Appoggiamo la lotta dei curdi contro l’invasione della Turchia!

La lotta del popolo curdo per il diritto di vivere liberamente secondo i propri desideri e di avere la propria patria deve essere la lotta di tutti i lavoratori e i giovani contro la classe capitalista, che trascina l’umanità in un pozzo nero di barbarie.