4 luglio 2016

Francia – Quali lezioni dal movimento contro la riforma del lavoro‭?

Dopo quattro mesi di mobilitazione,‭ ‬11‭ ‬giornate d’azione nazionale e alcuni movimenti parziali di sciopero a oltranza‭ (‬raffinerie,‭ ‬camionisti,‭ ‬rifiuti ecc.‭) ‬la lotta contro la riforma del mercato del lavoro sembra sul punto di spegnersi.‭ ‬Il governo non ha risparmiato nulla per imporsi:‭ ‬utilizzo dell’articolo‭ ‬49.3‭ ‬della Costituzione per evitare il voto parlamentare,‭ ‬polizia contro picchetti operai e assemblee studentesche,‭ ‬lacrimogeni e persino il tentativo di vietare il corteo sindacale del‭ ‬23‭ ‬giugno di Parigi,‭ ‬evenienza non registrata sin dal‭ ‬1962.‭ ‬Il padronato ha diretto e spalleggiato il governo.‭ ‬Gattaz,‭ ‬presidente del Medef‭ (‬la Confindustria francese‭)‬,‭ ‬ha addirittura accostato,‭ ‬con maldestri distinguo,‭ ‬la minaccia del terrorismo fondamentalista dell’ISIS e l’azione di sciopero della Cgt‭; ‬la risposta specifica degli elettrici del sindacato è stata quella di staccare il contatore dalla residenza di vacanza di Gattaz e mostrarlo come‭ “‬trofeo‭” ‬in un’assemblea locale‭!

In realtà,‭ ‬durante la lotta la Cgt è emersa come l’alternativa,‭ ‬possente,‭ ‬al campo governativo e padronale.‭ ‬Anzi un vero e proprio antagonista di Hollande e Valls.‭ ‬L’azione di alcuni suoi settori d’avanguardia con influenza di massa ha certamente rafforzato tale sentimento.‭ ‬Lo stesso movimento‭ ‬Nuit Debout,‭ ‬capace di coinvolgere settori giovanili alla prima politicizzazione,‭ ‬non si è separato dalla mobilitazione operaia ma ha cercato,‭ ‬al contrario,‭ ‬di infondervi ulteriore energia.‭ ‬La traiettoria di‭ ‬Nuit Debout può comprendersi anche osservando quanto le critiche isteriche della grande stampa ad uno dei suoi promotori,‭ ‬l’economista di sinistra F.‭ ‬Lordon,‭ ‬siano state in breve tempo oscurate dalle colate di inchiostro contro la Cgt.

Ora il progetto di legge è tornato al parlamento,‭ ‬dopo l’esame del senato,‭ ‬e si avvia alla sua approvazione estiva finale.‭ ‬Alla vigilia della dodicesima giornata d’azione nazionale,‭ ‬il‭ ‬5‭ ‬luglio,‭ ‬il segretario di‭ ‬Force Ouvrière‭ ‬(Fo‭) ‬si desolidarizza dal corteo parigino e quello della Cfdt‭ (‬la seconda confederazione sindacale francese‭)‬,‭ ‬da marzo schierato a favore della legge,‭ ‬ingiunge al governo di tirare dritto e non modificare nulla di sostanziale.‭ ‬Il segretario della Cgt afferma invece che la questione si deciderà‭ “‬nelle piazze‭” ‬ma,‭ ‬purtroppo,‭ ‬è stato proprio il gruppo dirigente nazionale della Cgt a non aver messo in campo una strategia di generalizzazione dello sciopero quando questa potenzialità era implicita nella situazione,‭ ‬a fine maggio-inizio giugno.

Chi sperava in una mediazione del conflitto esce sconfitto.‭ ‬Stiamo parlando,‭ ‬quindi,‭ ‬della‭ “‬fronda‭” ‬parlamentare del partito socialista ma anche di ampi settori dei vertici sindacali,‭ ‬a partire da Fo.‭ ‬Il governo ed il presidente Hollande hanno tenuto duro e chiarito che sull’articolo‭ ‬2,‭ ‬quello che attribuisce il primato agli accordi di impresa,‭ ‬non ci sono modifiche possibili.‭ ‬Il Medef ha intimato che la legge non deve essere vuotata del suo contenuto.‭ ‬Le modifiche all’articolo‭ ‬13,‭ ‬ancora ipotetiche,‭ ‬potranno al massimo limare il principio affermato al punto‭ ‬2.‭ ‬Gli incontri del governo con la Cgt si sono rivelati,‭ ‬dunque,‭ ‬una tattica temporeggiatrice a favore della classe dominante ed uno specchietto per le allodole contro i lavoratori.

Se la mobilitazione operaia uscirà sconfitta da questo primo scontro campale,‭ ‬e ciò è ovviamente negativo,‭ ‬questo non significa che la Cgt sia isolata nella società o che le forze dei giovani e dei lavoratori siano indebolite.‭ ‬Il movimento contro la riforma del lavoro,‭ ‬infatti,‭ ‬ha determinato un risveglio politico importante:‭ ‬la gioventù non si era impegnata così massicciamente nella lotta dalla vittoria del‭ ‬2006‭ ‬contro il salario di inserimento‭ (‬CPE‭)‬,‭ ‬gli operai erano generalmente in stallo dalle mobiltazioni del‭ ‬2010‭ ‬contro la riforma delle pensioni.‭

Il clima politico e sociale in Francia è oggi interamente cambiato.‭ ‬È la prima volta a livello internazionale, dall’inizio della crisi del‭ ‬2008,‭ ‬ che in una mobilitazione di così grande portata e durata gli scioperi di massa hanno avuto un ruolo centrale.‭ ‬Una radicalizzazione politica a sinistra sta prendendo forma e spazio a livello di massa,‭ ‬sebbene sia presto per identificarne le conseguenze sul terreno organizzativo.‭ ‬Le intenzioni di voto a Melenchon alle presidenziali del‭ ‬2017‭ ‬esprimono soltanto parzialmente ciò che si agita nella società.‭ ‬Possiamo intanto affermare che l’analisi proposta dopo l’ascesa elettorale del Fronte nazionale da giornalisti superficiali o da disillusi su una Francia che va irrimediabilmente a destra è stata fatta a pezzi dalla realtà.

Articoli correlati

Francia – Il governo “socialista” impone per decreto la Loi Travail

Di fronte all’eventualità di essere messo in minoranza dai ribelli del proprio gruppo parlamentare, il Primo ministro francese Valls ha usato i poteri d’emergenza previsti dall’articolo 49.3 della costituzione francese per far passare l’odiata legge El Khomri.

Attacchi terroristici a Parigi – Come può rispondere il movimento operaio?

Il fondamentalismo islamico reazionario ha colpito di nuovo, in una serie di attacchi coordinati in diverse località di Parigi, uccidendo la scorsa notte 120 persone e lasciandone ferite altre dozzine.

Il PCF e le elezioni presidenziali francesi del 2017

Le elezioni presidenziali del 2017 sono al centro di una nuova e profonda crisi nel Partito comunista francese (PCF). Il segretario nazionale del partito, Pierre Laurent, ha rivolto un appello da diversi mesi per un “candidato comune” delle “forze vive della sinistra”, dicendosi rammaricato delle “divisioni”. In nome di questo approccio, la dirigenza del PCF si è rifiutata di coinvolgere il partito e i suoi attivisti nella campagna per Jean-Luc Mélenchon, che è stato il candidato del Fronte di sinistra nelle elezioni presidenziali del 2012.

Varese: dopo gli attentati a Parigi è vietato il dissenso

Lo scorso lunedì 16 novembre, a pochi giorni dagli attentati in Francia, sei studentesse dell’Itc Daverio di Varese si sono rifiutate di osservare il minuto di silenzio proposto in tutta

Francia: no alla El Khomri, è solo l’inizio!

Lo scorso 9 marzo, giorno in cui era prevista la discussione in parlamento del progetto di legge El Khomri (il ministro del lavoro), mezzo milione di giovani e di lavoratori sono scesi in piazza in tutta la Francia contro la riforma.

La vittoria apparente del macronismo 

Il primo turno delle elezioni legislative si è contraddistinto per un nuovo record d’astensionismo: 51,3 % dell’elettorato (nel 2012 arrivò al 42,8 %). L’ “ondata” della coalizione En Marche/Modem deve dunque essere considerata nella sua giusta dimensione, in quanto gli astenuti sono molto più numerosi degli elettori della “maggioranza presidenziale”.