31 Ottobre 2019

Fpt industrial Pregnana – No alla chiusura!

Oggi, 31 ottobre, i lavoratori della Fpt di Pregnana Milanese hanno organizzato un presidio contro la chiusura del loro stabilimento. Sinistra classe rivoluzione era presente, con l’articolo sulla vertenza pubblicato nel numero in corso di Rivoluzione.

Martedì 1° ottobre i lavoratori della Fpt Industrial di Pregnana (Milano) che produce motori per mezzi marini, hanno ricevuto la comunicazione che entro maggio 2020 l’azienda cesserà la produzione.
L’intenzione del gruppo Cnh Industrial, proprietario anche delle sedi di Torino e Foggia, è di concentrare nel capoluogo piemontese la produzione di motori. 300 lavoratori messi per strada e subiranno la stessa sorte altrettanti nell’indotto, a meno che non siano disponibili a trasferirsi a Torino o a percorrere 260 chilometri al giorno.
Cnh Industrial, proprietaria della Fpt Industrial, è parte del gruppo Exor che ha come principale azionista la famiglia Agnelli. Dal rapporto finanziario Exor del 2019, risulta che nella prima metà del 2017 i profitti sono stati di 916 milioni di euro, 741 milioni nella prima metà del 2018, mentre per lo stesso periodo del 2019 hanno già raggiunto i 2,4 miliardi.
I lavoratori di Pregnana hanno scioperato e manifestato sotto il palazzo della regione Lombardia, confidando in una sponda istituzionale. La loro rivendicazione è il completo rifiuto della chiusura e mobilitazione incondizionata per mantenere in funzione lo stabilimento. Come risposta invece le istituzioni hanno cercato di smorzare l’impeto dei lavoratori. Da un lato hanno dichiarato che li sosterranno ad un tavolo del Ministero, dall’altro giustificano la strategia dell’azienda. Infatti hanno argomentato che la crisi del settore automobilistico e la svolta green dell’economia possono essere dei validi motivi per chiudere.
Ciononostante i lavoratori non si sono fatti mettere i piedi in testa e hanno risposto chiaramente che “la riconversione della produzione la deve pagare l’azienda e che non si può mettere l’ambiente contro il lavoro! Non vogliamo promesse ma fatti!!”
Il messaggio dei lavoratori è chiaro, lo stabilimento di Pregnana non si chiude. Le esperienze pregresse, come il ben noto caso Whirlpool, insegnano che non ci si può fidare né dello Stato né delle sue istituzioni, che alla fine sono sempre dalla parte dei padroni.
Pregnana non è l’unico stabilimento del gruppo Cnh sotto attacco, è stata annunciata la chiusura anche dello stabilimento di San Mauro Torinese, 370 dipendenti che producono macchinari per l’edilizia, e un forte ridimensionamento di quello di Modena (movimentazione terra), e la riorganizzazione degli stabilimenti Iveco, in vista di una probabile cessione.
La lotta dei lavoratori Cnh deve essere una lotta di tutti gli stabilimenti, coordinata e discussa dai lavoratori e dai delegati in ogni passaggio, unica garanzia capace di dare più forza alla mobilitazione ed evitare la contrapposizione tra i vari stabilimenti.

Articoli correlati

Almaviva – I lavoratori bocciano sonoramente l’accordo!

L’accordo è sonoramente bocciato dai lavoratori, a Palermo, dove si concentrano più della metà dei licenziamenti, i No sono stati 2.519 (il 95 per cento) contro appena 110 Sì. Anche a Roma (900 esuberi) e a Napoli (400 esuberi) il No vince con percentuali bulgare.

Cronache dalla Crisi – ISEM di Vigevano: flessibilità, esternalizzazioni e cassa integrazione

Pubblichiamo volentieri un’intervista a un delegato sindacale della Isem di Vigevano fatta dai nostri compagni di Sinistra Classe Rivoluzione di Pavia. È un esempio di sfruttamento della classe lavoratrice da parte di una proprietà senza scrupoli.

Non un passo indietro. I lavoratori di Gela in lotta!

Lunedì 18 gennaio circa 2500 lavoratori, tra indotto e diretto, hanno proclamato lo sciopero ad oltranza bloccando tutti gli accessi alla raffineria e alla città. Una città che di fatto vive grazie al lavoro della raffineria e che ora progressivamente sta morendo. Ai lavoratori in protesta si sono uniti familiari, negozianti e artigiani, fino al corteo di oggi 26 gennaio, in quella che non è più solo una vertenza aziendale ma è una lotta di tutta la città.

Almaviva: l’unico esubero è Tripi

Non c’è pace per i lavoratori di Almaviva. Dopo la vertenza della scorsa estate, conclusa col ritiro di 3mila esuberi in cambio di nuovi ammortizzatori sociali per l’azienda, ecco che a settembre si è aperta una nuova ristrutturazione.

Come si lavora alle Poste dopo Amazon

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di un lavoratore precario di Poste Italiane

Trieste – No agli esuberi in Wartsila!

L’azienda annuncia 90 esuberi, i lavoratori rispondono con uno sciopero che ha visto il 100% della forza lavoro incrociare le braccia il 26 aprile.