18 Dicembre 2020 Sinistra classe rivoluzione Trieste

Flex (Trieste) – Rompiamo il silenzio! Per la salute e per il lavoro!

Il volantino che i compagni di Sinistra classe rivoluzione Trieste stanno distribuendo davanti alla Flex, una delle principali aziende metalmeccaniche della provincia, al centro di una crisi sanitaria e occupazionale.

È passato più di un mese dall’incontro tra Flextronics e i sindacati nel corso del quale l’azienda ammetteva che “l’attuale volume della produzione non è più in grado di saturare pienamente gli attuali livelli occupazionali di Flex, e rischia di non esserlo più a causa dell’ottimizzazione dei tempi e delle fasi di lavoro che di fatto richiedono meno ore rispetto a prima. Questo nonostante le recenti acquisizioni di attività” (comunicato delle Segreterie territoriali, 12 Novembre 2020).
Tradotto dal sindacalese significa che nonostante la Flex continui a macinare profitti, una quota sostanziale di manodopera non servirà presto più, mentre è probabile per chi resterà in fabbrica che quello che loro chiamano “ottimizzazione dei tempi e delle fasi” si trasformerà in un aumento dei ritmi e dello sfruttamento e che già intravediamo nella richiesta recente di straordinari.
Sappiamo chi saranno i primi sulla lista: i lavoratori interinali, la cui posizione non è mai stata risolta veramente dall’azienda e che rimangono il “problema storico” dell’azienda dai tempi di Alcatel.
Tutto questo in una multinazionale che dichiara 25 miliardi di fatturato e che, come tante aziende in Italia (il 30% di chi ha chiesto CIG non ha avuto cali di fatturato), sta usando il covid come scusa per ristrutturare, licenziare e delocalizzare (che per Flex non è una novità).
Ma questa pandemia, se per alcune aziende è un pretesto per aumentare i propri profitti (anche a spese dello Stato), per i lavoratori è una tragedia vera che non solo minaccia la salute e la vita delle persone ma rende il lavoro sempre più insostenibile tra cambi di turni, ferie forzate, CIG e straordinari.
Con la minaccia diretta della pandemia e decine di posti di lavoro sul giro d’aria se il silenzio dell’azienda è prevedibile, quello dei sindacati no.
C’è una naturale preoccupazione tra i lavoratori, sul futuro occupazionale e sulle misure di sicurezza per il contenimento del contagio.
Quanti lavoratori sono stati/sono attualmente contagiati? Quanti in quarantena? I protocolli di sicurezza sono applicati, chiari e univoci per tutti (compresi i dipendenti CEVA e Sodexo)? Quale futuro per l’azienda e per gli interinali?
Dall’azienda vogliamo risposte, non cesti di frutta secca! E’ ora di rompere il silenzio dentro e fuori la fabbrica perché il futuro di Flextronics non riguarda solo i suoi dipendenti, ma tutta la provincia già colpita dalla crisi del commercio e del turismo.

Pretendiamo chiarezza, innanzitutto dai sindacati. Questo significa dare ai lavoratori la possibilità di confrontarsi in un’assemblea sindacale (online o fuori dai cancelli, a distanza di sicurezza) che deve essere convocata quanto prima. Un mese fa i metalmeccanici hanno scioperato per il rinnovo del CCNL, a cui la Confindustria ha risposto con la stessa chiusura e arroganza che Flex sta dimostrando nei confronti dei suoi dipendenti. Bisogna legare questa battaglia generale a quella contro i futuri licenziamenti!Tutti i lavoratori e le lavoratrici dello stabilimento, somministrati, diretti e delle ditte in appalto hanno lo stesso interesse: difendere tutti i posti lavoro, lottare per un salario adeguato e per diritti certi, avere il pieno controllo della situazione sanitaria in azienda per la salvaguardia della propria salute.

  • No agli esuberi e agli straordinari. Se l’azienda fa profitti nessuno dev’essere lasciato a casa!

  • Assunzione di tutti gli interinali. Stesso lavoro, stessi diritti!

  • Aumenti salariali e diritti certi. Rilanciare la lotta per il rinnovo del CCNL.

    Siamo lavoratori, non carne da macello!

Articoli correlati

Corrispondenze Operaie

Messina – I politici piangono, ma solo gli operai muoiono

Porto di Messina, 29 novembre 2016. Quattro operai stanno svolgendo lavori di manutenzione nella nave “Sansovino”, imbarcazione che fa la spola tra Messina e Lampedusa.

Lotta al precariato

Come si lavora alle Poste dopo Amazon

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di un lavoratore precario di Poste Italiane

Corrispondenze Operaie

Dopo Pasqua, un test e si torna in fabbrica! La fame di profitto dei padroni a Bologna

La regione Emilia Romagna ha deciso di avviare una strategia di campionamento della popolazione a cui sottoporre il test sierologico in modo tale da permettere la graduale riapertura delle attività economiche. L’impazienza dei padroni per una celere riapertura è palese.

Corrispondenze Operaie

Nella battaglia contro il virus non siamo tutti sulla stessa barca

Se c’è una cosa che l’emergenza sanitaria sta dimostrando è che al governo e ai padroni della salute dei lavoratori interessa ben poco, bisogna fermare l’epidemia, ma nello stesso tempo garantire la continuità produttiva. “Giù le mani dalle aziende!”, come dice Bauli, presidente di Confindustria Verona.

Corrispondenze Operaie

Accordo Amazon – La lotta non è in saldo!

Dopo il primo grande ciclo di lotte messo in atto dai lavoratori Amazon del sito di Piacenza, che li aveva visti scioperare anche durante il Black Friday (il giorno dei grandi sconti) e a Natale, il 22 maggio è stato siglato un accordo tra i sindacati confederali e l’azienda.

Corrispondenze Operaie

La STM di Agrate Brianza non chiude, mentre il virus uccide

Il Coronavirus miete vittime anche tra i lavoratori!
Sono tre i lavoratori metalmeccanici scomparsi in questi giorni per complicazioni da covid-19 tra Milano e la Brianza, uno all’Engie, uno alla Rcs Thales di Gorgonzola e infine un lavoratore della ST Microelectronics di Agrate Brianza.