16 Novembre 2017

FIOM: le elezioni Rsu alla GD di Bologna sono un monito

Come ampiamente preannunciato dal disastroso esito avuto nel rinnovo del contratto aziendale anche alle elezioni per il rinnovo della RSU alla GD di Bologna (storica fabbrica roccaforte e cuore della contrattazione dei metalmeccanici della CGIL non solo in Emilia ma a livello nazionale) la Fiom crolla, perde 300 voti e si attesta al 37% delle preferenze diventando addirittura secondo sindacato e facendosi superare da Usb. Se si pensa che questo risultato sia un semplice incidente di percorso o una eccezione frutto delle peculiarità dell’azienda in questione ci si sbaglia di grosso. Quello che è accaduto in GD è un monito per tutta la Fiom su cui il gruppo dirigente e l’organizzazione nel suo complesso devono riflettere con molta attenzione.

Come già ho avuto modo di ribadire nell’ultima Assemblea Generale, credere che quanto accaduto non abbia attinenza con le scelte di svolta nella linea sindacale assunte negli ultimi mesi dalla Fiom significherebbe commettere un grave errore di miopia. Non si può pensare di chinare il capo e rinunciare alle ragioni di 7 anni di battaglie firmando un contratto nazionale disastroso come quello siglato non più tardi di un anno fa e pensare che questo non abbia alcuna conseguenza sulla tenuta della nostra organizzazione. Firmando quel contratto unitario con Fim e Uilm, la Fiom nella percezione di una parte significativa di lavoratori è ora “rientrata nei ranghi” ed è diventata uguale agli altri.

Questo lascia un vuoto politico a sinistra che inevitabilmente altri potranno in tutto o in parte colmare, siano USB, cobas o parvenu dell’ultima ora. Se dal punto di vista economico il prezzo salatissimo delle scelte fatte è stato e sarà pagato dai lavoratori, non v’è dubbio che il prezzo politico più salato lo sta pagando e lo pagherà la Fiom. Il caso GD non ne è che una rappresentazione plastica.

La rabbia sana e sacrosanta che i lavoratori esprimevano, esprimono ed esprimeranno in maniera ancora più forte dato il peggioramento costante delle condizioni di vita e di lavoro, non trova e troverà più nella Fiom il suo unico e naturale punto di riferimento perché con le sue scelte essa paga un crollo profondo ed intrinseco di autorevolezza.

Diventa perciò necessario aprire una riflessione seria sulla strada che si è deciso di intraprendere. Una strada minata fatta di welfare aziendali, sanità integrative e pagamenti in natura al posto di salari e diritti. I lavoratori da sempre premiano e valorizzano la coerenza, ma con altrettanta linearità puniscono senza appello l’incoerenza. È bene non scordarselo mai.

Articoli correlati

“No alla proposta di Federmeccanica. Sì al diritto di critica in Fiom”

Il comitato Centrale di giovedì 29 settembre si è concluso con la presentazione di due dispositivi finali contrapposti che alleghiamo. Quello approvato dalla maggioranza e quello proposto dall’area il Sindacato è un’altra cosa.

Intervento di Paolo Brini al CC della FIOM del 9 Settembre 2016

Quello che è accaduto nelle scorse settimane mi pare dimostri come la linea dettata dalla famosa lettera della BCE dell’agosto 2011 abbia trionfato su tutti i fronti e come il

Contratto dei metalmeccanici: un accordo da bocciare!

Si invitino tutti i lavoratori metalmeccanici non solo a votare No ma soprattutto ad iscriversi alla Fiom pretendendo di diventarne protagonisti attivi diretti e coscienti. Pretendendo che la più grande ed importante organizzazione del movimento operaio di questo paese abbandoni la strada della collaborazione di classe e riprenda la via del conflitto e della rottura delle compatibilità con questo sistema.

Referendum Fincantieri: i lavoratori puniscono le scelte della Fiom

Nei giorni 25 e 26 luglio, presso tutti gli stabilimenti Fincantieri, i lavoratori sono stati chiamati ad esprimersi con un voto sull’ipotesi di accordo siglata unitariamente da Fim Fiom e Uilm per il rinnovo del contratto aziendale. Il risultato finale complessivo vede il SI prevalere di misura con il 57% (2885) dei voti contro il 42% (2125) dei NO.

CONTRATTO METALMECCANICI: 1,7 euro lordi di aumento è un insulto!

Come spesso accade la realtà è più grottesca delle previsioni. Per i metalmeccanici ci si aspettava infatti quest’anno un aumento salariale di una cifra irrisoria attorno ai 9 euro lordi. Invece l’Istat ha reso noto il dato del cosiddetto indice IPCA reale secondo cui l’inflazione sarebbe cresciuta nel 2016 dello 0,1%. Questo significa che, in base a quanto previsto dal contratto nazionale appena firmato non solo da Fim e Uilm ma anche dalla Fiom, l’aumento mensile in busta paga per i lavoratori sarà di 1,7 euro lordi al 5° livello (1,5 euro per un 3° livello).

I metalmeccanici vogliono soldi veri!

Il 4 settembre Fim-Fiom-Uilm hanno approvato la piattaforma unitaria per il rinnovo del contratto nazionale dei metalmeccanici. La nuova piattaforma richiede un aumento salariale sui minimi dell’8% (pari a circa 153 euro) a fronte dei tre anni passati in cui a malapena si sono ottenuti 30 euro. È la presa d’atto del fallimento del precedente accordo, al quale ci opponemmo sia nella Fiom che nelle fabbriche.