1 febbraio 2017

Febbraio 1917: l’insurrezione rovescia lo zar

L’atto iniziale della rivoluzione russa durò cinque giorni, dal 23 al 27 febbraio 1917. La partecipazione del regime zarista alla prima guerra mondiale era stata un’avventura ignominiosa, ma la sbornia patriottica del luglio 1914 durò poco.

Trenta mesi di sconfitte, di stragi, di fame e penuria crescenti, precipitano il paese nel caos. Negli ultimi mesi del 1916 riprendono gli scioperi.

Il 23 febbraio (8 marzo), giornata internazionale della donna, a Pietrogrado alle manifestazioni di protesta davanti ai forni si uniscono i primi contingenti di scioperanti. 128mila operai e operaie incrociano le braccia. Nei due giorni successivi il movimento dilaga in uno sciopero generale. Le richieste di “pane” lasciano il passo alle rivendicazioni politiche: contro la guerra, contro l’autocrazia. Per tre giorni operai, poliziotti e soldati si fronteggiano nella città. La polizia apre sporadicamente il fuoco e viene a sua volta attaccata. Ma le truppe esitano.

La guarnigione non è più la stessa che nel 1905-06 aveva represso nel sangue la prima rivoluzione. La guerra ha logorato tutto, decine di migliaia di soldati, molti della riserva, molti ex operai, non hanno più nessun desiderio di sparare contro i tedeschi, e meno ancora contro gli operai di Pietrogrado.

Gli episodi di fraternizzazione, gli appelli, i comizi improvvisati davanti alle caserme si moltiplicano; la massa in rivolta avvolge da ogni lato i soldati, gli ufficiali cercano di sottrarre le truppe a questo abbraccio che le disgrega. Ma il 26 febbraio il governo ordina di aprire il fuoco. Gli scontri in alcuni casi diventano vere e proprie scaramucce. È il punto di rottura: comandato di aprire il fuoco, il reggimento Pavlovsky si ammutina e spara contro la polizia. In meno di 48 ore l’ammutinamento dilaga, i soldati ribelli “corrono da una caserma all’altra per fare uscire gli altri reparti”; la guarnigione fraternizza, lo zar viene “convinto” ad abdicare dopo che i suoi generali lo pongono di fronte alla realtà: non solo a Pietrogrado, ma in tutto il fronte non c’è un reparto disposto a combattere per il suo regime. L’insurrezione ha vinto.

Il governo provvisorio che si forma, tuttavia, assomiglia ben poco alle masse insorte: presieduto da un principe “liberale”, formato interamente industriali e grandi proprietari, rappresenta le classi possidenti che fino al giorno prima hanno ostacolato con tutte le loro forze la rivoluzione e che hanno gettato la Russia in guerra. L’avvocato socialrivoluzionario Kerensky abbellisce il nuovo ministero come ornamento “rivoluzionario”. Quante altre volte nella storia le masse hanno rovesciato un regime odiato solo per essere derubate il giorno dopo della loro vittoria?

Ma accanto al governo provvisorio, un altro potere sorge dal febbraio: riprendendo la tradizione della rivoluzione del 1905, operai e soldati eleggono i loro delegati al Soviet (consiglio) di Pietrogrado, esempio presto seguito in tutto il paese.

Con cinque giorni di lotta e al prezzo di 1400 vittime, gli operai e i soldati di Pietrogrado rovesciano una monarchia secolare. Se per i liberali del governo la rivoluzione è già finita, per le masse che si raccolgono attorno al Soviet, essa è appena cominciata…

[1 – continua]

Articoli correlati

Lenin e Trotskij: dopo il Febbraio ci sarà un’altra rivoluzione

Quando lo zar viene rovesciato (13 marzo), Lenin è in esilio in Svizzera; Trotskij, espulso dalla Francia su pressioni dell’ambasciata zarista, è a New York.

Le Tesi di aprile – I compiti del proletariato nella nostra rivoluzione

Giunto a Pietrogrado nella notte del 3 aprile, naturalmente solo a mio nome e con le riserve dovute alla mia insufficiente preparazione potevo presentare alla riunione del 4 aprile un

Alla vigilia dell’insurrezione

Alla fine dell’estate del 1917 l’alta marea riprende a spingere in avanti il partito bolscevico. Il tentativo di colpo di Stato del generale Kornilov, spazzato via in pochi giorni dalla mobilitazione delle masse, lascia scoperto anche il governo Kerenskij, le cui complicità col generale sono evidenti.

Le “giornate di aprile”

Quando Lenin avvertì che nella rivoluzione le masse erano cento volte più a sinistra dei bolscevichi, a molti dovette sembrare solo una frase ad effetto.

“Stalin” di Lev Trotskij, alla rassegna Bookcity di Milano!

Presentazione, all’interno della rassegna di Bookcity, dell’edizione di “Stalin” di Trotskij che la nostra casa editrice, AC Editoriale, ha pubblicato in occasione del centenario della Rivoluzione russa. Si tratta dell’ultimo lavoro lasciato incompiuto del dirigente bolscevico.

Lenin, Trotskij e i bolscevichi nel 1917

Luglio 1917: Lev Trotskij aderisce al Partito bolscevico assieme ai mezrajontsi, gli “interdistrettuali”. Un gruppo di circa 4mila membri, forte soprattutto fra il proletariato di Pietrogrado comprendente figure del calibro di Urickij, Joffe, Lunačarskij, Riazanov e Volodarskij, che giocheranno un ruolo centrale nell’Ottobre e, in seguito, nel gruppo dirigente del partito. L’adesione di Trotskij al bolscevismo rappresenta l’espressione, dal punto di vista organizzativo, di un accordo politico sostanziale tra quest’ultimo e la linea di Lenin.