28 Aprile 2015

EXPO 2015 – Affamare e sfruttare il pianeta!

La lunga attesa è dunque finita. Dopo tre anni di cantieri, “forse non tutto sarà finito per l’inaugurazione, ma sarà pronto e visitabile tutto il bello di Expo”, il sindaco di Milano Pisapia, conclude con questa frase la sua visita ai cantieri di Expo del giorno di Pasquetta, con il commissario unico di Expo Giuseppe Sala a fare da guida. Quest’ultimo, orgogliosamente, fa notare che i lavori non si sono fermati neanche per le festività pasquali e che in questo rush finale tutto precede a ritmi molto positivi.
Ovviamente! Dato che per ultimare tutto entro il Primo maggio ormai si lavora anche di notte, con turni oltre le venti ore. E a preoccupare lorsignori non sono certo la salute o i contratti regolari o meno degli operai sfiancati da turni massacranti. Sono invece gli extracosti: il Padiglione Italia, quello per cui si sta lavorando a questi ritmi forsennati, aveva un costo iniziale di 63 milioni di euro, diventati negli ultimi due mesi 92 milioni. Meno male che 18.500 lavoratori durante l’esposizione non saranno pagati così, forse, Expo Spa riuscirà a raggiungere il pareggio di bilancio. 
C’è anche tutta la partita della vendita dei biglietti d’ingresso: le prospettive più rosee parlano di 20 milioni di tagliandi staccati. I più importanti tour operator mondiali sono all’opera già da tempo per raggiungere questo obiettivo, mentre in Italia non solo le agenzie turistiche si stanno adoperando per tagliare questo traguardo: anche il Pd milanese fa la parte del bagarino! Da aprile 2015, i giovani milanesi che si iscriveranno al Pd potranno ottenere il 50 per cento di sconto sul biglietto d’ingresso. Non ci si può aspettare altro, d’altronde, da un partito ormai totalmente invischiato nelle logiche del grande capitale e che ha completamente voltato le spalle ai lavoratori e ai giovani. Non a caso è uno dei principali ed entusiasti promotori del volontariato per Expo.

Per permettere tutto questo, i governi nazionali e locali che si sono susseguiti, sono passati sopra tutto e tutti, modificando leggi e regolamenti ogni qualvolta ce n’è stato bisogno, come ad esempio la legge sul consumo di suolo in Lombardia che permetterà a palazzinari e speculatori di cementificare 55mila ettari di suolo in più (alla faccia della sostenibilità ambientale, tanto cara, a parole, a Expo Spa). O modificando ad hoc per i sei mesi dell’esposizione i contratti dei lavoratori dei trasporti, della ristorazione e di quanti saranno utili per far funzionare la baracca. Oppure, ancora, come quando sono stati chiusi entrambi gli occhi davanti alle aziende appaltatrici dei lavori invischiate fino al collo con organizzazioni mafiose e che se ne infischiamo dei più elementari diritti dei lavoratori, mentre questi ultimi rischiano la vita per costruire le futuristiche strutture di Expo disegnate dalle ben note archistar.

Lo Stato per l’ennesima occasione volta le spalle a tutti, inchinandosi di fronte al grande capitale.
E allora il problema non è della disorganizzazione e della corruzione “all’italiana”, ma di un sistema che mette la logica del profitto sopra di tutto. Indicateci infatti, una grande multinazionale che non ha le mani in pasta nell’Expo.
Forse tutto il “bello” di Expo sarà visitabile, ma anche tutto il “brutto” si vede eccome e già da tempo.

Articoli correlati

NO TAV – Condannata per una tesi di laurea

Negli ultimi mesi abbiamo visto l’inasprirsi della repressione contro il movimento No Tav in Val Susa. Tale repressione colpisce anche studenti universitari che si trovano in valle a fini di ricerca. È il caso di Roberta Chiroli, laureata in antropologia alla Ca’ Foscari di Venezia, che noi abbiamo intervistato:

La truffa della sanità integrativa aziendale

Con la crisi i capitalisti hanno visto nella privatizzazione dei servizi essenziali la possibilità di fare profitti facili, senza rischi. Così, dopo i fondi pensione, vediamo l’assalto ai servizi sanitari

Mandiamolo a fondo!

Il 9 luglio l’Economist di Londra usciva con una copertina intitolata “The Italian Job” che ritraeva l’Italia come un autobus sull’orlo di un precipizio nel quale era già precipitata una Gran Bretagna simboleggiata da un taxi londinese. La crisi italiana è matura e può scoppiare in qualsiasi momento.

Solo la lotta di classe può portare il cambiamento!

La politica economica del governo è ancora completamente avvolta nella nebbia. La confusione è il frutto di un dato politico fondamentale: il governo giallo-verde è fermamente intenzionato a fare una manovra che non tocchi gli interessi consolidati.

Se non se ne vanno con le urne, cacciamoli con le lotte!

Non sappiamo come finiranno i balletti parlamentari di questi giorni, se il governo durerà o se alla fine si andrà a elezioni. Una cosa però ce l’abbiamo chiara: se riusciranno a rinviare le elezioni sine die l’impegno deve essere quello di contribuire alla costruzione di un movimento di lotta, di massa, contro il Governo, contro le politiche di austerità e contro l’Europa del capitale.

Elezioni a Roma: la sinistra che non c’è e quella che bisogna costruire

Roma nel 2016 è una città stravolta da anni di mostruosi tagli alla spesa corrente che hanno portato al collasso trasporti, case, strade, raccolta dei rifiuti e tutti i servizi pubblici.