27 Gennaio 2022 Ilic Vezzosi

Esplodono le bollette di gas e luce

L’inizio del 2022 sarà caratterizzato per la classe lavoratrice da una stangata senza precedenti sui costi delle bollette energetiche. Arera, l’autorità di regolamentazione del settore, ha calcolato un aumento per la famiglia tipo del 55% per la luce e del 41,8% per il gas. Queste cifre, riportate dai mass media, vanno però contestualizzate. Sono percentuali che tengono già conto dell’intervento miserevole del governo, che in legge di bilancio ha stanziato 3,8 miliardi a copertura molto parziale degli aumenti. Queste cifre riguardano peraltro il rapporto con il trimestre precedente. Infatti, secondo i calcoli della stessa Arera, prendendo come riferimento i dodici mesi si vede un aumento del 68% per la luce, pari a 334 euro, e del 64% per il gas (610 euro), rispetto alla spesa complessiva del 2021.

Questi aumenti vengono imputati all’aumento generale del costo delle materie prime, in particolare del gas. Non è un caso infatti che il padronato abbia già cominciato a piangere miseria a reti unificate, spiegando a tutti quanto siano in difficoltà, poverini, e come saranno costretti, loro malgrado, dovendo difendere il loro profitto da un aumento generalizzato dei costi delle materie prime, ad aumentare i prezzi finali al consumatore. Cioè a scaricare, ancora una volta, l’aumento dei costi sulle spalle dei lavoratori. Perché questa è la realtà, ed è solo l’inizio. In alcuni settori, come quello della ceramica, alcune fabbriche sono arrivate a bloccare la produzione, mettendo tutti i lavoratori in cassa integrazione. Quindi i lavoratori, alla fine, pagano tre volte: l’aumento delle bollette, l’aumento dei prezzi e la cassa integrazione per il blocco della produzione.

L’aumento del costo delle materie prime viene quasi sempre presentato come qualcosa di inevitabile, di naturale, come una carestia o un terremoto, qualcosa al di fuori del controllo degli esseri umani. Una lettura del tutto ideologica, cioè mirata a coprire la realtà, che è invece quella di un sistema economico anarchico, fondato sulla ricerca del profitto di pochi e sulla incessante lotta di tutti contro tutti. Un sistema che, tra le tante storture, è profondamente inefficiente, incapace di organizzare razionalmente la produzione e la distribuzione, tanto dei beni quanto delle materie prime. Non c’è infatti oggi, a livello mondiale, carenza di gas, o una domanda molto superiore alla disponibilità delle fonti. E’ solo un problema di distribuzione e di lotta insensata all’accaparramento.

La borghesia, interessata esclusivamente alla massimizzazione del profitto, riesce solo a scaricare i costi sui lavoratori mentre chiede lauti fondi dallo Stato. Non riescono e non possono immaginare un altro sistema, gestito razionalmente ed equamente, a partire dalla nazionalizzazione dell’industria energetica, in cui la bussola sia l’interesse generale dell’umanità e non quello di pochi. Questo compito spetta quindi alla classe lavoratrice.

Articoli correlati

Politica generale

Il M5S e le elezioni comunali a Roma: la fine di un’epoca

Nel giugno di 5 anni fa il Movimento 5 Stelle otteneva un plebiscito alle comunali a Roma eleggendo Virginia Raggi sindaco con il 67,15%. Questa vittoria, un vero e proprio tsunami con consensi che arrivavano a sfiorare l’80% in alcune delle più popolose periferie romane, era parte dell’ascesa che avrebbe spinto i grillini al governo nazionale. Possiamo dire senza margine di errore che il Comune di Roma è stato il primo banco di prova del governo dei Cinque Stelle, in cui si sono visti tutti i limiti della loro politica interclassista.

Politica generale

Lo stato sociale nell’emergenza coronavirus: #Restateacasa e #Arrangiatevi

Il distanziamento sociale necessario a contrastare la diffusione del contagio da coronavirus è stato promosso con campagne mediatiche che esaltano la bellezza dello stare in casa: “finalmente ci possiamo dedicare a tutto quello che non riusciamo a fare nel normale tran tran quotidiano”. Ma la realtà è ben diversa.

Politica generale

La destra si combatte nelle piazze

Sono passati pochi giorni dal voto ma già il copione del prossimo governo inizia a profilarsi. Ci sono tre padroni che hanno in mano un bel guinzaglio: l’imperialismo USA, l’Unione Europea con la BCE e il padronato italiano. E sono fiduciosi di poter facilmente guidare Giorgia Meloni e i suoi alleati facendone in poco tempo dei cagnolini presentabili nei salotti buoni.

Politica generale

La crisi della sinistra e le elezioni in Friuli-Venezia Giulia

Nel grande libro dei fallimenti della sinistra riformista in Italia, le elezioni del 4 marzo avrebbero dovuto rappresentare un’utile postfazione per chiudere un prodotto editoriale da cui nemmeno gli stessi autori hanno tratto nessuna lezione. Le elezioni regionali in Friuli Venezia Giulia del 29 aprile si preannunciano però come una quarta di copertina dai tratti tragicomici.

Politica generale

L’estate dei manganelli

Non basteranno né le menzogne, né i manganelli per far regnare la pace sociale. La crisi ha accorciato troppo la coperta, milioni di persone hanno ormai capito che il loro futuro è già stato distrutto. È verso di loro che dobbiamo rivolgerci, per fare di questo autunno una stagione di lotta e della prossima campagna elettorale il momento dello smascheramento del sistema politico di questo paese.

Politica generale

Coronavirus – Sì alla tutela della salute! No alle misure indiscriminate e al commercio della paura!

Non accettiamo che in nome dell’emergenza a pagare siano sempre gli stessi, mentre il governo premurosamente garantisce che i padroni possano continuare tranquillamente a fare profitti e affari scaricando tutti i costi sulla collettività!