23 marzo 2018

Erdogan: giù le mani da Afrin e dal Rojava!

Il 18 marzo le truppe dell’esercito turco ed i suoi alleati jihadisti dell’Esercito Libero Siriano hanno occupato la città di Afrin, cantone a grande maggioranza kurdo della Federazione Democratica della Siria del Nord. Saccheggi, torture, umiliazione della popolazione e decapitazione pubblica di due combattenti kurdi sono stati il biglietto da visita di queste bande assassine e reazionarie che il sito web del quotidiano Repubblica ha avuto la spudoratezza – prima di essere subissato di proteste – di chiamare “ribelli”.

Dopo due mesi di eroica resistenza contro l’operazione “Ramoscello d’ulivo” lanciata dal presidente della Turchia Erdogan, le milizie YPG (Unità di protezione del popolo) e YPJ (Unità di protezione della donna) hanno favorito la fuga dei civili verso la provincia di Aleppo e posto le basi di una resistenza militare alle forze d’occupazione. I kurdi sono stati scaricati sia da Putin – che ha ritirato le forze armate russe dal cantone di Afrin e concesso lo spazio aereo all’aviazione militare turca – che dagli Stati Uniti, che fino a poche settimane fa hanno utilizzato le YPG-YPJ nell’offensiva contro l’ISIS nella provincia siriana di Deir Ez-zor. Tanto la Russia quanto gli USA sono stati mossi dalla ricerca – in competizione – di un avvicinamento diplomatico con la Turchia. Neanche l’Unione Europea ha mosso un dito per fermare l’attacco di Erdogan e delle bande jihadiste. A nessuno di queste potenze, inoltre, dispiacerà l’indebolimento della guerriglia kurda, unica forza di massa di orientamento progressista in quella zona del Medio Oriente. I prossimi obiettivi di Erdogan sono Manbij – tenuta dalle Forze Democratiche Siriane la cui spina dorsale sono i combattenti kurdi – e gli altri due cantoni kurdi in Siria, Kobane e Qamishlo. In sostanza, Erdogan cerca di schiacciare i kurdo-siriani e le loro esperienze di auto-governo che, peraltro, dal suo punto di vista bordeggiano pericolosamente gran parte della zona kurda della Turchia dove operano da più di tre decenni le forze guerrigliere del PKK (Partito dei lavoratori del Kurdistan), alleate con le YPG-YPJ. Non per niente, l’obiettivo finale sono le zone del Kurdistan iracheno controllate dal PKK nella zona montagnosa del Qandil. In quest’ultima parte del piano, la Turchia avrebbe già l’appoggio del governo iracheno di Baghdad, anch’esso ansioso di indebolire la propria minoranza kurda, in particolare dopo il referendum per l’indipendenza organizzato nel settembre 2017.

Durante l’attacco ad Afrin, il governo italiano ha giocato la stessa parte dei suoi omologhi occidentali. Gentiloni, infatti, ha cordialmente ricevuto Erdogan il 5 febbraio a Roma, mentre era già in corso l’offensiva su Afrin. La sera, poi, Erdogan è stato invitato ad una cena colma di uomini d’affari col patrocinio del presidente di Confindustria Boccia. L’interscambio commerciale tra Italia e Turchia ammonta a 20 miliardi di euro, gli interessi sono particolarmente estesi nel settore della difesa e il padronato italiano non vuole certo rovinare i suoi rapporti col governo turco a causa della lotta di un popolo oppresso. Già che c’era, nelle 24 ore passate a Roma Erdogan ha incontrato pure papa Francesco I, il quale lo ha trattato amichevolmente e in seguito ha tenuto un’omelia sulla pace!

Abbiamo già chiarito, su questo sito, le ragioni per le quali appoggiamo la lotta delle YPG-YPJ. Le ultime vicende provano, ancora una volta, che le potenze imperialiste usano le aspirazioni nazionali del popolo kurdo finché ne hanno l’interesse e le tradiscono appena ne hanno la convenienza. D’altra parte, noi non sacrifichiamo il sacrosanto diritto del popolo kurdo all’autodeterminazione, inclusa l’indipendenza, all’altare della geopolitica e dell’appoggio al regime reazionario di Assad, come fanno invece il PCI ed il PC rizziano. Per questo ci siamo uniti e ci uniremo alle mobilitazioni in solidarietà con la lotta kurda e contro tutti i campi imperialisti presenti in Siria.

Articoli correlati

Cosa significa il nuovo attacco militare alla Siria?

Sabato 14 aprile, gli Stati Uniti e i loro “alleati”, la Gran Bretagna e la Francia, hanno bombardato molteplici obiettivi governativi in Siria, in un’operazione che aveva come obiettivo siti legati ai presunti programmi di guerra chimica.

La caduta di Aleppo e la resistenza del popolo curdo

La riconquista di Aleppo, la seconda città della Siria, da parte delle forze governative lo scorso dicembre, rappresenta un punto di svolta non solo nella guerra civile siriana, ma anche per il complesso delle relazioni mondiali. Una guerra civile sanguinosa, che ha distrutto un paese. Una tragedia umanitaria che ha pochi precedenti e che ha un unico responsabile: l’imperialismo.

Afrin – Appoggiamo la lotta dei curdi contro l’invasione della Turchia!

La lotta del popolo curdo per il diritto di vivere liberamente secondo i propri desideri e di avere la propria patria deve essere la lotta di tutti i lavoratori e i giovani contro la classe capitalista, che trascina l’umanità in un pozzo nero di barbarie.

Aleppo, Mosul e l’ipocrisia imperialista

Spesso si dice che esistono le bugie, le grandi bugie e la statistica. A questa lista dovremmo aggiungere la diplomazia, la cui capacità di mentire si è ormai elevata a vera e propria forma d’arte. È compito dei marxisti quello di aprire uno squarcio nel velo della diplomazia e della propaganda, per metterne in evidenza il cinismo e mostrare i veri interessi che nasconde.

La provocazione della Turchia: porterà alla guerra?

Questa mattina l’esercito turco ha‭ ‬abbattuto un aereo militare russo al confine con la Siria.‭ ‬Non è chiaro finora se sia stato‭ ‬abbattuto dalla contraerea o da un jet.‭ ‬Ma questo è solo un dettaglio.‭ ‬Ciò che è chiaro è che‭ ‬è stata una provocazione palese dalla cricca dominante turca.‭

Siria – L’intervento russo e l’impasse dell’imperialismo Usa

Dopo quattro anni di guerra civile, 300mila morti e milioni di profughi, il conflitto in Siria entra in una nuova fase. La Russia ha deciso di intervenire e dalla fine di settembre sta bombardando sistematicamente il territorio controllato dalle milizie anti-Assad e dall’Isis.