11 Dicembre 2019

Emilia-Romagna al voto – Non è con Bonaccini che si fermerà la destra

Le elezioni in Emilia-Romagna stanno assumendo un’importanza nazionale. Il loro risultato avrà conseguenze immediate sul futuro, già traballante, del governo. Non c’è da stupirsi che Salvini e la Lega si siano gettati sulla regione per una campagna elettorale in grande stile: conquistare la (ex) regione rossa per eccellenza avrebbe un valore simbolico enorme.

La competizione è infatti polarizzata fra due candidati, Bonaccini e Borgonzoni. Il M5S, che qui dieci anni fa aveva ottenuto i suoi primi successi, si trova totalmente alle corde e qualunque sia la sua collocazione in questa disputa, la batosta che riceverà dalla urne sarà sicuramente sonora.

L’ascesa della Lega in Emilia-Romagna non può stupire in nessun modo. La disaffezione di tanti giovani e lavoratori viene da lontano. L’astensione record delle ultime elezioni regionali (si recò alle urne poco più del 37% degli elettori) e il sorpasso della Lega nei confronti del Pd alle ultime europee avrebbero dovuto far squillare un campanello d’allarme nelle stanze del Partito democratico. Invece nei cinque anni di governo a guida Bonaccini, le politiche filopadronali hanno subito un’ulteriore accelerazione, all’insegna dell’autonomia differenziata, naturalmente definita “solidale”, di cui l’attuale giunta è sponsor principale. Il modello Emilia-Romagna non esiste più.

Sanità sempre più privata

Uno dei campi in cui la Regione ha competenze specifiche è la sanità. Qui l’apertura alle aziende private è stata senza freni. Secondo l’Associazione di settore (Aiop) il 96% dei ricoveri nelle strutture private in Emilia-Romagna è finanziato dal Servizio sanitario nazionale, tali strutture coprono il 70% dei ricoveri nel settore della riabilitazione. Se confrontiamo questi dati con la perdita, negli ultimi cinque anni, di 242 posti letto nei soli ospedali della provincia di Bologna, le conclusioni da trarre sono semplici. Per garantire i livelli minimi di servizio, la Regione fa sempre più ricorso alle strutture private, strutture che Bonaccini ha sempre premiato: prima con una legge regionale del 2018 che autorizzava il finanziamento diretto (unica regione assieme alla Lombardia), e poche settimane fa annunciando un aumento delle risorse destinati ai privati, con cui “abbiamo un rapporto molto positivo”.

Un’apertura ai privati che si è fatta strada anche nel trasporto pubblico, dove sono sempre di più le corse appaltate e che ha visto negli ultimi 18 mesi una raffica di aumenti dei biglietti, da Parma a Rimini, passando per Bologna.

Sulle tematiche del lavoro, i vertici di Cgil, Cisl e Uil si dicono soddisfatti per il “patto per il lavoro” siglato con la regione “in discontinuità” con il livello nazionale. Ma oltre al tavolo di trattativa, la discontinuità non si è vista. L’Emilia-Romagna è il regno delle false cooperative che portano vero sfruttamento: i casi Italpizza o Castelfrigo a Modena sono solo degli esempi emblematici. Quando la Regione è intervenuta, è stata per mettere gli ammortizzatori sociali ai lavoratori delle fabbriche che i padroni vogliono chiudere, vedi l’esempio delle vertenze Saeco e La Perla. Lo scorso 21 novembre la Regione ha firmato un patto con le multinazionali per attrarre investimenti esteri. Il presidente della Philip Morris Italia ha ribadito “il nostro interesse a difendere e proteggere questo sistema emiliano-romagnolo”.

Il peggioramento generalizzato dei servizi non è solo una sensazione, lo si può verificare dai bilanci: tra il 2015 e il 2018 la “spending review” ha portato a 445 milioni di euro di risparmi.

Il “volano del turismo”, tanto decantato dalla Giunta, è servito solo ad aumentare a dismisura il precariato, la speculazione privata delle grandi opere (vedi Fico a Bologna, il parco del cibo più grande del mondo, costruito su terreni pubblici ceduti gratis) e a rendere impossibile, soprattutto nelle città d’arte come il capoluogo, trovare una casa in affitto per studenti e famiglie lavoratrici a causa anche della totale deregolamentazione attuata dal centrosinistra.

Un’Emilia Romagna “un passo avanti”… nel favorire gli interessi dei soliti noti, per parafrasare i manifesti di Bonaccini che giganteggiano lungo la Via Emilia. E non è un caso che gli industriali si spellino le mani ad applaudire il presidente uscente.

Le liste a sinistra

Bonaccini e Borgonzoni non sono la stessa cosa, ci mancherebbe. Ma le politiche di Bonaccini e soci hanno spianato la strada alla Lega. Se le mobilitazioni di piazza delle “sardine” portassero un settore di astenuti a recarsi alle urne per la paura della destra e Bonaccini alla fine la spuntasse, cambierebbe ben poco per i lavoratori.

Manca totalmente un partito che difenda gli interessi della classe lavoratrice. Anche l’offerta elettorale a sinistra è ben lontana dalle necessità. Oltre al Pd, a Italia Viva e liste varie del Presidente sarà presente una lista di sinistra, denominata “Coraggiosa” a sostegno di Bonaccini. Composta sostanzialmente dalla forze progressiste che appoggiano il governo nazionale, si nutre dell’eterna illusione di condizionare a sinistra il Pd.

Costituita da ciò che rimane di Rifondazione e da altre forze, sulla scheda elettorale dovremmo trovare anche la lista “L’altra Emilia-Romagna”. La strada è terribilmente in salita per superare lo sbarramento del 5%; quando si afferma che “il vero nemico da battere” è la Borgonzoni, si certifica la propria inutilità di fronte all’elettorato e la subalternità di fatto al centrosinistra, al di là della collocazione formalmente esterna alla coalizione.

Limiti programmatici che non escono da una logica riformista e che pesano anche su altre liste, come Potere al popolo (lo slogan “Sleghiamo l’Emilia-Romagna” si commenta da solo) e il Partito comunista, che tenteranno raccogliere le firme per poter competere nella corsa del 26 gennaio.

Nella nostra regione non c’è più spazio per il riformismo ed è rimasto ben poco da difendere del sistema di servizi che le precedenti generazioni avevano ottenuto con le lotte. Solo riportando al centro di ogni ragionamento il conflitto di classe e un programma che esca dalle compatibilità del sistema capitalista potremo riprenderci quello che abbiamo perso. Sinistra classe rivoluzione lavora a questa prospettiva.

Articoli correlati

Chi non vuole le bandiere nel movimento?

Nelle piazze strabordanti di studenti delle manifestazioni dei Fridays for future ci è capitato, come attivisti di Sinistra Classe Rivoluzione, che ci sia stato chiesto di non diffondere il nostro materiale politico, come questo giornale, le nostre pubblicazioni sull’emergenza ambientale, i nostri libri e opuscoli marxisti.

Boicottiamo il referendum truffa di Zaia e Maroni!

Il prossimo 22 ottobre i residenti in Lombardia e Veneto sono chiamati a votare un “referendum per l’Autonomia” delle rispettive regioni. La propaganda dei due presidenti leghisti usa toni roboanti: secondo il veneto Zaia addirittura “il 22 ottobre possiamo riscrivere la storia”.

Torino – Due anni di giunta Cinquestelle, due anni di ipocrisie!

Pubblichiamo il volantino prodotto dai nostri compagni di Sinistra classe rivoluzione Torino, che fa un bilancio (del tutto negativo) della prima metà di mandato della giunta Appendino.

Libia, Siria, Iraq – No alla guerra imperialista!

Tutto è pronto per l’intervento militare italiano in Libia. Il 25 febbraio scorso si è riunito al Quirinale il Consiglio supremo di Difesa che ha deciso di avviare la predisposizione del contingente italiano. Ashton Carter, capo del Pentagono, ha già fornito la benedizione a una coalizione guidata da Roma.

Elezioni a Roma: la sinistra che non c’è e quella che bisogna costruire

Roma nel 2016 è una città stravolta da anni di mostruosi tagli alla spesa corrente che hanno portato al collasso trasporti, case, strade, raccolta dei rifiuti e tutti i servizi pubblici.

Crisi di governo, sinistra in bancarotta e il “coraggio di essere vili”

Nella storia repubblicana se ne sono viste di tutti i colori, ma una crisi di governo a Ferragosto non conosce precedenti. Evidentemente il fumo con la manovella non era più sufficiente a tenere insieme un governo attraversato da contraddizioni e scontri fra interessi sempre più divergenti tra Lega e Cinque stelle, e dalla paura degli effetti della futura manovra economica.