“Dio lo vuole” la crociata della preside del Selmi

“Deus vult!”(Dio lo vuole): queste sono state le parole di Luciana Contri, preside dell’istituto modenese “F. Selmi”, quando ha tentato di impedire che i rappresentanti dell’Arcigay, invitati dagli studenti, potessero partecipare all’assemblea di istituto del 31 marzo scorso su omofobia, transfobia e discriminazione. Argomento, questo, particolarmente sentito dagli studenti del Selmi, che in un sondaggio lo avevano scelto a larga maggioranza come oggetto della propria assemblea.
  La preside, ansiosa di sperimentare i poteri manageriali della “Buona scuola”, ha deciso di provare a reprimere quella poca autonomia politica che rimane agli studenti nelle scuole, aizzata da un pugno di genitori, novelli crociati, in difesa della famiglia e della Santissima Trinità. Ma non si pensi che Lucianona Contri non abbia provato a mediare! Si è proposto, ad esempio, che del pretume del Ceis potesse fare da “contraddittorio” nell’assemblea: proposta sorprendentemente respinta dagli studenti, che avevano deciso di fare un’assemblea contro l’omofobia! Vistisi chiudere le porte in faccia dalla preside, i rappresentanti d’istituto hanno indetto un sit-in davanti alla scuola: 400 studenti hanno partecipato, portando il caso all’attenzione della città e strappando alla preside la concessione di invitare almeno dei relatori direttamente coinvolti nel tema dell’assemblea, se non proprio i rappresentanti di Arcigay. 
Si può parlare di vittoria, dunque, anche solo per il fatto che tanti studenti si siano mobilitati in difesa della propria agibilità politica e per una scuola laica. Gli studenti del Selmi sono l’esempio di come si risponde ai presidi manager e a Renzi che, con la “Buona scuola”, vorrebbe far diventare questi poliziotti mancati dei feudatari indiscussi dei propri istituti, con una spruzzata di santità e di collusione coi preti, magari, come nel caso di Luciana Contri. Per una scuola pubblica e di qualità, invece, solo la lotta paga!

Articoli correlati

Bologna si mobilita: chiediamo servizi, ci danno repressione

“Adesso basta!” Questo è stato il grido che molti studenti dell’ateneo di Bologna hanno lanciato in questi giorni, in risposta all’ennesimo tentativo da parte delle istituzioni accademiche di militarizzare la zona universitaria.

Grande successo della Conferenza di Sempre in lotta

Non possiamo che fare questo bilancio della nostra Conferenza nazionale, che si è tenuta a Milano dal 2 al 4 aprile. Il dibattito si è aperto con una discussione sul

Varese: dopo gli attentati a Parigi è vietato il dissenso

Lo scorso lunedì 16 novembre, a pochi giorni dagli attentati in Francia, sei studentesse dell’Itc Daverio di Varese si sono rifiutate di osservare il minuto di silenzio proposto in tutta

No al numero chiuso – Per un’università aperta a tutti, gratuità e di qualità

Il testo del volantino che stiamo distribuendo davanti a tutte le università in Italia.

Verso il 17 novembre – Siamo studenti, non schiavi!

Il volantino che distribuiremo oggi in tutti i cortei contro l’alternanza scuola-lavoro.

Alternanza scuola-lavoro – Dalle favole alla realtà

La maschera di ipocrisia che copriva il vero volto dell’alternanza scuola-lavoro, alla luce degli eventi e delle dichiarazioni delle ultime settimane, è definitivamente caduta. I recenti scandali hanno nuovamente messo in luce tutto ciò che di marcio si nasconde dietro le false promesse che la classe dominante ha propinato agli studenti e ai lavoratori sin dall’approvazione della Buona Scuola