“Dio lo vuole” la crociata della preside del Selmi

“Deus vult!”(Dio lo vuole): queste sono state le parole di Luciana Contri, preside dell’istituto modenese “F. Selmi”, quando ha tentato di impedire che i rappresentanti dell’Arcigay, invitati dagli studenti, potessero partecipare all’assemblea di istituto del 31 marzo scorso su omofobia, transfobia e discriminazione. Argomento, questo, particolarmente sentito dagli studenti del Selmi, che in un sondaggio lo avevano scelto a larga maggioranza come oggetto della propria assemblea.
  La preside, ansiosa di sperimentare i poteri manageriali della “Buona scuola”, ha deciso di provare a reprimere quella poca autonomia politica che rimane agli studenti nelle scuole, aizzata da un pugno di genitori, novelli crociati, in difesa della famiglia e della Santissima Trinità. Ma non si pensi che Lucianona Contri non abbia provato a mediare! Si è proposto, ad esempio, che del pretume del Ceis potesse fare da “contraddittorio” nell’assemblea: proposta sorprendentemente respinta dagli studenti, che avevano deciso di fare un’assemblea contro l’omofobia! Vistisi chiudere le porte in faccia dalla preside, i rappresentanti d’istituto hanno indetto un sit-in davanti alla scuola: 400 studenti hanno partecipato, portando il caso all’attenzione della città e strappando alla preside la concessione di invitare almeno dei relatori direttamente coinvolti nel tema dell’assemblea, se non proprio i rappresentanti di Arcigay. 
Si può parlare di vittoria, dunque, anche solo per il fatto che tanti studenti si siano mobilitati in difesa della propria agibilità politica e per una scuola laica. Gli studenti del Selmi sono l’esempio di come si risponde ai presidi manager e a Renzi che, con la “Buona scuola”, vorrebbe far diventare questi poliziotti mancati dei feudatari indiscussi dei propri istituti, con una spruzzata di santità e di collusione coi preti, magari, come nel caso di Luciana Contri. Per una scuola pubblica e di qualità, invece, solo la lotta paga!

Articoli correlati

Studenti

Serve una rivoluzione! – Il 12 ottobre in piazza contro Salvini e un futuro di miseria

I giovani oggi devono essere i primi ad attivarsi per questo obiettivo. Il 12 ottobre in piazza, e poi di nuovo in tutte le scuole e università, con discussioni, assemblee, collettivi e organizzandoci in prima persona!

Studenti

Verso il 17 novembre – Siamo studenti, non schiavi!

Il volantino che distribuiremo oggi in tutti i cortei contro l’alternanza scuola-lavoro.

Lotta al precariato

La mobilitazione dei dottorandi dell’Università La Sapienza – Non far pagare ai precari le conseguenze dell’emergenza

La pandemia di Coronavirus ha fortemente impattato su molteplici ambiti del mondo del lavoro e della società italiana. Andando spesso ad aggravare contraddizioni già esistenti ed a colpire duramente i soggetti più deboli e più precari. Quello che è accaduto nel mondo dell’università e della ricerca pubblica non sfugge a questo contesto generale.

Studenti

Scuola – L’unica bocciata è la Azzolina! 

Come per altre questioni, la Azzolina, si è dimostrata incapace e incoerente. L’unico punto fermo è che non si tutela il diritto allo studio. La pandemia ha infatti soltanto aggravato un sistema educativo già precario, al quale sono stati tagliati i fondi per anni.

Studenti

Università di Trento: proibito andare al bagno!

Nella facoltà di lettere dell’università di Trento non è più possibile accedere liberamente ai bagni. Recentemente l’amministrazione, dietro sollecitazione della lista studentesca di estrema destra “Atreju”’, ha limitato la fruizione del

Studenti

Statale di Milano: contro il numero chiuso!

Pubblichiamo il volantino che i Compagni del Collettivo Pantera hanno distribuito all’Università Statale di Milano contro la decisione del Senato Accademico di approvare le linee guida per introdurre il numero programmato, anticamera per il numero chiuso, ai corsi di laurea di Studi Umanistici.