1 Giugno 2021 Antonio Forlano (direttivo nazionale Filt-Cgil)

Diciamo NO al contratto merci e logistica!

Avevamo fiutato giusto quando, a seguito del grande sciopero del settore (29 marzo) tutto era rientrato in un grande silenzio indecifrabile. Forse questa espressione di forza e determinazione ha spaventato un po’ tutti per la grande ripresa di protagonismo del movimento dei lavoratori. Come risposta, le segreterie sindacali si sono chiuse in una trattativa nel completo silenzio, trattative al vertice, nessun coinvolgimento dei delegati e lavoratori. Non è certo una novità, è un metodo che abbiamo contestato da sempre, ma che oggi arriva alle estreme conseguenze. Queste si riassumono in due punti:

1) Il peggior aumento salariale da 25 anni, con la durata del contratto che passa da 3 a 4 anni. L’aumento medio è sceso dal 13,4% del rinnovo 2004 al 5,94 dell’attuale.

2) Su tutto il resto (orari, flessibilità, penalità, inquadramenti, ecc.) ci dobbiamo tenere il pessimo contratto 2016. Poi, a giugno, si aprirà una trattativa senza piattaforma, senza scadenza, senza nessuna trasparenza, su questi capitoli. Più che una promessa, una minaccia.

Per il nostro settore il covid-19 è stato uno “stress test” che ha reso strategico il ruolo della classe lavoratrice del settore, dichiarato “essenziale” perché ha sostenuto l’intera economia con le sue competenze e sacrifici. Ma quando si tratta di “quantificare”, la proposta economica è una presa in giro.

Ci parlano di 104 euro a fine 2024. In verità saranno 90, perché avremo 10 euro come edr (elemento distinto della retribuzione) per 13 mensilità… che poi spariranno! Più 4 euro per Sanità integrativa ed ente bilaterale, la cui utilità è sempre sospetta!

Per ben 17 mesi di vacanza contrattuale (il contratto era scaduto a fine 2019) si erogano 230 euro, e neppure subito! Un dato che mostra come il valore una tantum ha un valore mese standard: 13 euro/mese che rimangono inchiodati da oltre 10 anni (ultimi tre rinnovi).

E sui diritti e le tante aspettative dei lavoratori? Continueremo a bere calici amari! n cambio di questi 4 spiccioli resteremo tutti vincolati al contratto 2016! 44 ore, penali, clausole sociali monche, flessibilità, quote di precarietà, salario, inquadramenti superati ecc…

Firmare questo accordo per poi aprire tavoli su tutti questi capitoli significa che il contratto nazionale sparisce come strumento di difesa generale della categoria, diventa un cantiere sempre aperto alle incursioni delle aziende, che hanno già reso chiaro a inizio trattativa dove vogliono arrivare: la politica di Amazon fa da apripista!

Per questi motivi abbiamo promosso un appello di delegati e lavoratori del settore merci, in opposizione a questa ipotesi di accordo. Un primo momento di mobilitazione e confronto è stato organizzato con l’assemblea nazionale del 22 maggio.

Basta trattative sulla testa dei lavoratori, basta regali ad aziende che stanno macinando profitti! Pretendiamo assemblee in tutti i luoghi di lavoro e una vera mobilitazione! Salario e diritti per tutti, per un vero contratto nazionale!

Clicca per scaricare il volantino del COMITATO PER IL NO AL RINNOVO DEL CCNL.

Articoli correlati

Trasporti

La vicenda Uber rivela la natura marcia del capitalismo

In questo articolo Laura Perez, della sezione canadese della Tendenza marxista internazionale, analizza l’ascesa di Uber all’interno dell’industria dei taxi e le sue conseguenze sul mercato del lavoro. A perderci sono sempre i lavoratori, e gli unici a guadagnarci, in ultima analisi, è sempre il grande monopolio capitalista.

Trasporti

Sciopero logistica: una giornata di lotta ai cancelli di Ups Milano!

Dopo lo sciopero nazionale in Amazon del 22 marzo, che ha visto una partecipazione più che soddisfacente, il 29 marzo è stata la volta di tutto il settore merci e logistica per il rinnovo del contratto nazionale.

Trasporti

Logistica, il fronte è rovente!

Oltre tre settimane di sciopero in Sda Express di Carpiano (Milano), 100mila pacchi fermi e infine la serrata aziendale. Questa l’evoluzione della vertenza nel corriere di Poste italiane che conta a livello nazionale 1500 dipendenti diretti, 4mila autisti e 2500 facchini.

Trasporti

Sosteniamo il primo sciopero in Italia dei lavoratori Amazon

Il 22 marzo sarà sciopero nazionale di 24 ore dei lavoratori diretti e degli appalti Amazon. Lo hanno convocato obtorto collo i sindacati il 10 marzo scorso dopo aver preso atto dell’intransigente indisponibilità da parte di Amazon Italia di discutere delle condizioni e dei salari dei lavoratori.

Trasporti

Fedex-Tnt vuole licenziare 500 lavoratori

Il corriere internazionale Fedex ha acquisito Tnt, quarta compagnia per fatturato a livello internazionale. Per ripagare l’investimento, come da copione, ha dichiarato solo in Italia quasi 500 esuberi, 361 in tronco, altri 115 camuffati da trasferimenti.

Lotte e Sindacato

Alitalia: i lavoratori respingono il ricatto padronale

Il 24 aprile si è chiuso il referendum imposto ai lavoratori Alitalia sulla vergognosa pre-intesa firmato il 14 aprile da sindacati, governo e azienda. Il risultato è stato netto, su 11.673 lavoratori aventi diritto hanno votato in 10.184, quasi il 90%. Di questi il 67% ha bocciato la pre-intesa.