Dichiarazione di voto contraria sull’elezione della Segretaria FP CGIL

L’8 Giugno l’Assemblea Generale della FP CGIL ha eletto la nuova Segretaria Serena Sorrentino su proposta dei Centri Regolatori, dopo 6 anni di Segreteria Dettori.

La nuova Segretaria è stata eletta col 95% a favore, 4 Astenuti e 5 voti Contrari. Di seguito la dichiarazione di voto contraria dell’Area Il Sindacato è un’altra Cosa.

———————————————————————————————————————-

Nella dichiarazione programmatica di Sorrentino che non abbiamo condiviso, c’è un passaggio che invece abbiamo apprezzato, ossia quando ha detto che ad un unanimismo di facciata preferisce la chiarezza delle posizioni.

É con questa chiarezza che dichiariamo il nostro voto contrario. Sia Camusso nella presentazione della candidatura, sia Sorrentino nella dichiarazione programmatica hanno fatto riferimento al “cambiamento nella continuità”. Non siamo d’accordo, non è per nulla sufficiente. Ci vorrebbe piuttosto una svolta radicale.

7 anni di assenza contrattuale, ma c’è chi nella categoria sta anche peggio, diritti cancellati uno ad uno, tagli ai servizi pubblici con relativa privatizzazione sono attacchi la cui responsabilità pesa, oltre che su chi li sta effettivamente producendo, anche sul gruppo dirigente della categoria e di tutta la Cgil, altro che continuità!

Del resto Serena Sorrentino non è stata lontana da questi ruoli e da queste responsabilità in questi anni visto che è stata nella Segreteria Confederale proprio per seguire queste tematiche. Del resto sulla Confederazione pesa la responsabilità di continuare a non unificare le lotte in corso, un’esigenza prioritaria. Così come pesa la decisione di non aver voluto lottare sul serio e fino in fondo per fermare il Jobs Act, a differenza di come stanno facendo in Francia le lavoratrici ed i lavoratori.

Ebbene così come nella dichiarazione di voto abbiamo avuto modo di ascoltare che la nuova Segretaria, se sarà eletta, non avrà pregiudizio alcuno nei confronti di chi la pensa diversamente da lei, anche noi non avremo pregiudizi e saremo disponibili a cambiare idea se la nuova Segretaria dovesse finalmente svoltare radicalmente e voler lottare anche in Italia come in Francia.

Mario Iavazzi p. Il Sindacato è un’altra cosa

Articoli correlati

Pubblico Impiego

Rivogliamo tutto quello che ci hanno tolto – Intervento di Silvia Chili

Riportiamo l’intervento della compagna Silvia Chili, RSU FP-CGIL dell’Ospedale S. Orsola Malpighi di Bologna all’assemblea del 1 Luglio 2015 organizzata da Cgil-Cisl-Uil dal titolo “CONTRATTO SUBITO” Cari compagni, care compagne,

Pubblico Impiego

Case di riposo e comunità residenziali: gli operatori sociosanitari e gli educatori non sono carne da macello!

Pubblichiamo un appello di operatori sanitari e educatori di case di riposo e comunità residenziali che denunciano la grande carenza di sicurezza nelle strutture. Carenze che sono la causa dell’enorme

Senza categoria

Rivoluzione n° 12

Lavorare senza fine? Diciamo no!

Pubblico Impiego

Sanità in Lombardia – Si scrive privato, si legge strage

Trapelano in questi giorni le ammissioni del Governo che già da inizio gennaio sapeva che la pandemia in Italia ci sarebbe stata, preferendo tacere e muovendosi a tentoni, invece di intervenire prontamente per evitare le tristi conseguenze che già conosciamo. E nel mezzo della bufera, la Lombardia, col numero più alto di vittime, demolisce la favoletta della tanto sbandierata “eccellenza lombarda”

Pubblico Impiego

Funzione pubblica: serve una lotta vera!

  Il 18 dicembre si è riunito il direttivo nazionale della FP-Cgil. La categorie dell’impiego pubblico è nel pieno del rinnovo del contratto nazionale. Contratto fermo dal 2009. Pubblichiamo l’intervento al direttivo

Corrispondenze Operaie

Cronache dalla Crisi – ISEM di Vigevano: flessibilità, esternalizzazioni e cassa integrazione

Pubblichiamo volentieri un’intervista a un delegato sindacale della Isem di Vigevano fatta dai nostri compagni di Sinistra Classe Rivoluzione di Pavia. È un esempio di sfruttamento della classe lavoratrice da parte di una proprietà senza scrupoli.