27 Marzo 2020

Datalogic (Bologna) – 27 marzo, sciopero contro l’intransigenza padronale

La Datalogic produce sistemi di controllo e dispositivi di sicurezza per l’industria e commercio. In particolare deve la sua fortuna all’invenzione e sviluppo dei lettori dei codici a barre portatili che trovano il loro utilizzo praticamente in ogni campo della produzione e dei servizi.

Però secondo i decreti del governo non si tratta di un’attività indispensabile e quindi dovrebbe chiudere.

Questa non è l’opinione della proprietà che vuole mantenere aperto lo stabilimento produttivo di Monte San Pietro perché è un’azienda high-tech che fornisce anche aziende pubbliche che svolgono attività di primaria importanza per la collettività. Certo i codici a barre sono ovunque e sul sito Datalogic si trovano le istruzioni per mantenere efficienti e igienici i lettori perché non diventino mezzo di diffusione del Covid-19. Così come si rassicura che in azienda si lavora senza rischi di contagio. Però giorni fa Datalogic fu al centro delle critiche del sindacato perché negava l’utilizzo dello smart working, alla faccia dell’azienda high-tech!

D’altra parte i padroni di Datalogic, non sono soli, nella sola provincia di Bologna ben duemila aziende hanno chiesto deroghe al prefetto…

Allora la risposta sarà una sola, sciopero per tutta la giornata venerdì 27 marzo indetto dalla Fiom.

E chissà se le forze dell’ordine, così solerti nel controllo di chi passeggia interverranno contro i padroni colpevoli di anteporre il profitto alla salute dei lavoratori.

Articoli correlati

Trieste – Con le lavoratrici e i lavoratori delle mense scolastiche

Sono circa 150 i lavoratori dei servizi mensa comunali che rischiano di ritrovarsi un salario sotto la soglia di povertà.
Di questi 150, 143 sono lavoratrici tra cuoche, aiuto cuoche, personale di servizio, ecc.

La lotta vittoriosa dei facchini in Motovario

I 18 facchini dipendenti della cooperativa Mt Service addetti alla logistica nella ditta metalmeccanica Motovario (440 dipendenti e tra i leader mondiali nella produzione di riduttori) dopo un giorno e

Varese – Clinica La Quiete chiusa, lavoratori per strada!

Dopo oltre quattro mesi di lotta lo scorso 30 maggio la clinica La Quiete di Varese è stata definitivamente chiusa, tramite apposizione di sigilli da parte dell’ufficiale giudiziario.

Almaviva: la resa dei conti tra azienda e lavoratori è solo rimandata

Dopo oltre due mesi e mezzo di lotta la vertenza Almaviva si chiude con un accordo firmato dall’azienda con il governo e i sindacati. Quello firmato all’alba del 31 maggio non è una vittoria per i lavoratori, è un accordo che non risolve del tutto e strutturalmente la crisi del settore

Air Italy liquida in tronco 1450 dipendenti

La mattina dell’11 febbraio gli azionisti di Air Italy si riuniscono e già dal pomeriggio comunicano, senza alcun preavviso, ai lavoratori il loro licenziamento, con una mail, perché da lì a breve l’azienda verrà messa in “liquidazione in bonis” e i dipendenti dovranno così perdere il proprio posto di lavoro.

Almaviva – Vincere si può!

Il volantino che distribuiremo oggi in piazza a Roma in occasione dello sciopero dei lavoratori Almaviva.