Datalogic (Bologna) – 27 marzo, sciopero contro l’intransigenza padronale

La Datalogic produce sistemi di controllo e dispositivi di sicurezza per l’industria e commercio. In particolare deve la sua fortuna all’invenzione e sviluppo dei lettori dei codici a barre portatili che trovano il loro utilizzo praticamente in ogni campo della produzione e dei servizi.

Però secondo i decreti del governo non si tratta di un’attività indispensabile e quindi dovrebbe chiudere.

Questa non è l’opinione della proprietà che vuole mantenere aperto lo stabilimento produttivo di Monte San Pietro perché è un’azienda high-tech che fornisce anche aziende pubbliche che svolgono attività di primaria importanza per la collettività. Certo i codici a barre sono ovunque e sul sito Datalogic si trovano le istruzioni per mantenere efficienti e igienici i lettori perché non diventino mezzo di diffusione del Covid-19. Così come si rassicura che in azienda si lavora senza rischi di contagio. Però giorni fa Datalogic fu al centro delle critiche del sindacato perché negava l’utilizzo dello smart working, alla faccia dell’azienda high-tech!

D’altra parte i padroni di Datalogic, non sono soli, nella sola provincia di Bologna ben duemila aziende hanno chiesto deroghe al prefetto…

Allora la risposta sarà una sola, sciopero per tutta la giornata venerdì 27 marzo indetto dalla Fiom.

E chissà se le forze dell’ordine, così solerti nel controllo di chi passeggia interverranno contro i padroni colpevoli di anteporre il profitto alla salute dei lavoratori.

Articoli correlati

Corrispondenze Operaie

ATM – La dignità non ha prezzo

Se le “opere” previste per Expo sono in ritardo, l’organizzazione del lavoro di tutto il personale che dovrà operare per il funzionamento stesso dell’evento è, se possibile, ancora più indietro.

Corrispondenze Operaie

La lotta vittoriosa dei facchini in Motovario

I 18 facchini dipendenti della cooperativa Mt Service addetti alla logistica nella ditta metalmeccanica Motovario (440 dipendenti e tra i leader mondiali nella produzione di riduttori) dopo un giorno e

Corrispondenze Operaie

La lotta alla Castelfrigo: il buono, il brutto e il cattivo

La fine di questa orgogliosa lotta contro l’inferno del settore carni e delle (false) cooperative, portata avanti coraggiosamente da lavoratori doppiamente sfruttati, in quanto prevalentemente immigrati, non è ancora arrivata. Ma deve esserci una svolta immediata. L’immensa esperienza accumulata alla Castelfrigo non può andare dispersa!

Corrispondenze Operaie

Bologna – I lavoratori IMA dovranno presentare il conto

In questa situazione che è stata la prima veramente critica negli ultimi 20 anni crediamo che la figura di Vacchi si sia mostrata per quello che è sempre stata. La borsa, quindi il profitto, hanno avuto la precedenza sulla sicurezza di chi produce quella ricchezza. Quando l’azienda sarà a pieno regime, dovremo essere all’altezza della situazione e mettere in campo tutta la capacità di mobilitazione dei lavoratori IMA per presentare il conto all’azienda.

Lotta al precariato

Come si lavora alle Poste dopo Amazon

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di un lavoratore precario di Poste Italiane

Corrispondenze Operaie

Amazon, si sciopera in tutta Europa… E in Italia?

Il 17 luglio c’è stato lo sciopero europeo di Amazon nel giorno del Prime day, Spagna, Germania, Polonia si sono fermate.