Crema: successo dell’assemblea “Nel 2016 la donna è libera?”

Si è svolta il 20 Febbraio a Crema un’assemblea pubblica organizzata dal locale collettivo Sempre in lotta sulla condizione della donna nel 2016 e intitolata significativamente: “Nel 2016 le donne sono libere?”.
Presenti una trentina di persone circa, certo non si tratta di masse, ma comunque di un risultato che ci lascia molto soddisfatti. In platea soprattutto ragazze, nella grande maggioranza studentesse e lavoratrici, soprattutto giovani e molto giovani.
L’assemblea, partendo dalla relazione di Sonia Previato, registra una condizione della donna che è peggiorata e probabilmente retrocessa ad una situazione precedente alle grandi lotte degli anni ’70.
12705180_534331870069582_377562915344079120_n
Il dibattito dell’assemblea è stato enormemente partecipato, la relazione introduttiva ha scoperchiato un vaso di Pandora, dalla quale è emerso un quadro di sfruttamento e discriminazione con la quale ancora, sin dall’infanzia le donne si confrontano. Ma soprattutto sono venuti a galla la rabbia e l’entusiasmo delle compagne più giovani, per le quali, quasi istintivamente, la lotta per la liberazione della donna, in una fase di violenta offensiva della classe dominante, non può limitarsi alla sola difesa di pochi diritti, ma deve necessariamente mettere in discussioni le basi stesse della discriminazione di genere: la proprietà privata dei mezzi di produzione, la società divisa in classi.
Una volta di più si è dimostrata la disponibilità delle giovani generazioni verso idee rivoluzionarie. Certo, si tratta di piccoli gruppi, di avanguardie. I media parlano di una gioventù senza interessi e sfiduciata dalla politica e dalle istituzioni e hanno proprio ragione: disinteressata delle loro falsità, delusa dalla politica che non li rappresenta e nemica di istituzioni che non gli appartengono. La radicalizzazione dei giovani nasce proprio qui e mette in discussione non solo la propria condizione, ma tutto l’impianto del sistema capitalista.
Nel 2016 le donne sono libere? No, decisamente no. Ma scegliere di dedicare la propria vita alla lotta per una società senza violenza e sfruttamento è un grande passo in avanti.

Articoli correlati

Donne

Giù le mani dalla Casa Internazionale delle Donne!

Molti si chiedono come è possibile che un sindaco donna faccia chiudere un luogo di lotta e di simbolo per le donne: la risposta è semplice: Virginia Raggi non rappresenta tutta le donne e le vicende romane sono un’anticipazione di quello che sarà il futuro governo nazionale.

Donne

Adelina è morta. Le sue idee meritano rispetto

Adelina Sejdini è morta. Si è lanciata da un ponte, non ce la faceva più a combattere, malata, la sua battaglia disperata per ottenere la cittadinanza italiana, lei che grazie al fatto di essersi ribellata ai suoi aguzzini aveva consentito l’arresto di 40 persone coinvolte nel racket della prostituzione e della mafia albanese.

Donne

USA: La Corte suprema va all’assalto del diritto di aborto – Rispondiamo con la lotta di classe!

Un’altra bomba senza precedenti ha scosso il mondo già polarizzato della politica americana e della lotta di classe. In una nota interna fatta trapelare all’esterno, redatta dal giudice della Corte Suprema Samuel Alito, la maggioranza di quell’organo reazionario delinea l’intenzione di ribaltare la sentenza Roe v. Wade, la storica decisione del 1973 che ha stabilito che la Costituzione degli Stati Uniti protegge la libertà della donna incinta di scegliere di abortire

Donne

Non una di meno, un bilancio critico dell’Assemblea nazionale del 22-23 aprile

Nel fine settimana del 22-23 aprile si è tenuta a Roma l’assemblea nazionale della rete Non una di meno, la terza dopo le due precedenti di Roma (27 novembre) e Bologna (4-5 febbraio) e la prima dopo la giornata di lotta internazionale dell’8 marzo che in Italia, come in decine di altri paesi in tutto il mondo, ha visto mobilitarsi migliaia di donne.

Donne

Un 8 marzo di lotta più necessario che mai!

L’8 marzo ricorre la giornata internazionale della donna. Negli ultimi anni, questa giornata è tornata ad essere un momento di lotta e mobilitazione a livello nazionale e internazionale. Questo accade non solo perché la condizione delle donne in questi anni, e soprattutto con l’avvento della pandemia, è peggiorata, ma anche perché i diritti delle stesse sono sempre sotto continuo attacco.

Donne

6-7 marzo 2021 – Libere di lottare! Convegno marxista sulla condizione femminile

Le donne sono le più colpite dalla crisi, il livello dell’occupazione femminile è di nuovo precipitato parecchio sotto il 50%, la chiusura delle scuole ha aumentato ulteriormente il loro carico