Coronavirus? Studenti, arrangiatevi o sette in condotta!

I decreti sulla scuola e le prassi adottate dai diversi istituti rispecchiano le misure contraddittorie adottate per gli altri ambiti della società.
Nella settimana dal 2 al 6, dopo la chiusura delle scuole, le misure adottate dai singoli istituti sono state spesso a discrezione del Dirigente Scolastico.
La disposizione ministeriale era di attivare forme di didattica online, definite un’opportunità di innovazione. Ora, studiare da casa è necessario in questa situazione di emergenza, ci mancherebbe! Ma questo si è concretizzato in un’imposizione dall’alto a studenti e famiglie, oltre che ai docenti, obbligati allo “smart working” e ad arrangiarsi per utilizzare strumenti elettronici, tutti diversi quindi, da individuare ed imporre agli alunni (registro elettronico, Skype, social network, piattaforme online… Di proprietà e sotto il controllo privato, con grande gioia dei giganti dell’informatica). Con buona pace della privacy di tutti.
Il risultato è stato lo stesso caos delle altre misure.
Anche all’ITS Deledda-Fabiani di Trieste, gli studenti e le loro famiglie hanno dovuto adeguarsi ad una didattica che prevedeva, a discrezione dei singoli insegnanti, studio autonomo o classi online, con orari stabiliti dal docente.
Non è stato possibile per gli studenti sollevare il problema che non tutti hanno a disposizione mezzi adatti; anche queste obiezioni sono state ritenute mancanza di collaborazione e di quel senso di responsabilità che ci viene chiesto durante questa emergenza.
Da questa settimana si dovrebbe rispettare l’orario, ma sarà obbligatoria la giustificazione, e la didattica online sarà oggetto di valutazione didattica e disciplinare (non escluso il sette in condotta)! Il programma già “svolto” non sarà ripetuto, chiaramente bisogna correre dietro al programma, mentre ancora aspettiamo certezze su come saranno svolte verifiche ed esami.
La logica è sempre quella di far pagare le conseguenze dell’emergenza a studenti, lavoratori e famiglie, e scaricare la responsabilità sui docenti in nome di una finta “libertà di insegnamento”, riconosciuta soltanto quando si tratta di chiederci sforzi straordinari, come sempre senza avere voce in capitolo.

 

 

Articoli correlati

Studenti

Il governo attacca la scuola, rispondiamo compatti

Il 12 marzo Renzi annunciava in pompa magna la riforma della scuola.  Ora titoli come “Assumeremo i precari” o “Investiremo maggiormente nella scuola” si susseguono sui giornali nel vano tentativo

Studenti

La scuola allo sbaraglio! – Studenti e lavoratori, lottiamo uniti per la sicurezza e il diritto allo studio!

Dopo una didattica a distanza che ha lasciato indietro milioni di studenti in tutta Italia e che non ha fornito, nella maggioranza dei casi, gli strumenti necessari per affrontare l’anno scolastico successivo, la ministra Azzolina ha fissato il rientro a scuola in presenza per il 14 settembre.

Giovani

Dichiarazione della Tmi: per un cambiamento rivoluzionario, contro il cambiamento climatico!

Il movimento internazionale degli scioperi sul clima ha avuto ripercussioni in tutto il mondo. Nell’ultimo anno, nel corso di diverse giornate di azione globali, milioni di giovani da oltre 100 paesi hanno scioperato per unirsi alle proteste del “fridays for future”, rivendicando un’azione immediata contro la crisi climatica.

Giovani

Non un passo avanti – Un bilancio della seconda assemblea nazionale di Fridays for Future

Il 5 e 6 ottobre si è tenuta a Napoli la seconda assemblea nazionale di Friday for Future (FFF). Il primo giorno si sono svolti in contemporanea tre workshop (giustizia climatica, struttura interna, comunicazione e pratiche), il secondo l’assemblea plenaria.

Studenti

Bologna si mobilita: chiediamo servizi, ci danno repressione

“Adesso basta!” Questo è stato il grido che molti studenti dell’ateneo di Bologna hanno lanciato in questi giorni, in risposta all’ennesimo tentativo da parte delle istituzioni accademiche di militarizzare la zona universitaria.

Studenti

Università di Trento: proibito andare al bagno!

Nella facoltà di lettere dell’università di Trento non è più possibile accedere liberamente ai bagni. Recentemente l’amministrazione, dietro sollecitazione della lista studentesca di estrema destra “Atreju”’, ha limitato la fruizione del