14 Marzo 2020

Coronavirus – Governo, padroni e vertici sindacali all’unisono: la produzione non si ferma!

Il protocollo firmato da Governo, Confindustria, Confapi e Sindacati il 14 Marzo rappresenta una capitolazione ai padroni e ai loro interessi. Si scrive che “la prosecuzione delle attività produttive può avvenire in presenza di condizioni che assicurino alle persone che lavorano adeguati livelli di protezione” ma la sostanza è che la produzione continua, alla faccia dell’obiettivo di fermare la diffusione del contagio.

Si lascia infatti la gestione della sicurezza e dell’emergenza sanitaria nelle fabbriche alla totale discrezione degli imprenditori stessi (quella stessa gestione che in periodi normali è talmente efficace da causare 4 omicidi al giorno sul lavoro).

C’è da dire che il testo in sé non ha alcun carattere prescrittivo, lo stesso governo dichiara che favorisce l’attuazione del protocollo che, per la verità, è in continuità con i suoi decreti che sono una ricetta bella e buona per la diffusione del contagio tra i lavoratori.

Con questo protocollo si scarica sulla responsabilità individuale del singolo lavoratore quanto accade in azienda;

– si dà totale discrezionalità alle aziende poiché la gestione della sicurezza è tutta nelle sue mani

– si calpesta l’art.5 dello statuto obbligando tutti i lavoratori a farsi misurare la temperatura prima di accedere sul posto di lavoro;

– si pone il divieto di qualsiasi riunione in azienda quindi anche alle assemblee sindacali in spazi che consentano la distanza tra un lavoratore un altro;

– si da applicazione anche ai lavoratori delle vergognose disposizioni per il personale sanitario del DL del 9 marzo e che già in maniera arbitraria e scandalosa le medicine del lavoro stanno applicando – agli operatori sanitari, infatti, entrati in contatto con un paziente positivo non si applica più la misura della quarantena, ma la sola sorveglianza sanitaria, e questi lavoratori continuano la loro attività lavorativa e sono sospesi solo nel caso di sintomatologia respiratoria;

– è incentivato l’utilizzo delle ferie senza nemmeno specificare se si tratta di quelle vecchie o di quelle maturate quest’anno o magari ancora da maturare.

Insomma a casa ci si va solo se il padrone vuole e, qualora accedesse, facendo pagare il costo dell’emergenza agli stessi lavoratori.

Questo accordo non solo non migliora nulla ma addirittura peggiora ulteriormente le norme sulla sicurezza e i diritti dei lavoratori!

Si continuino gli scioperi costringendo i padroni a chiudere fino a fine emergenza e i dirigenti sindacali a sostenere questa battaglia.

In Ferrari grazie al lavoro dei rappresentanti sindacali Fiom si è firmato un accordo per cui l’azienda chiude 2 settimane e tutti i lavoratori saranno retribuiti al 100%! L’obiettivo sia questo ovunque si riesca a sostenere una mobilitazione.

La salute dei lavoratori viene prima di tutto!

Articoli correlati

L’ipocrita sentenza della Consulta. Mobilitarsi ora!

Dopo tanta attesa la Corte Costituzionale si è espressa in merito al blocco dei Contratti Nazionali del lavoratori pubblici dopo quasi 6 anni: il blocco del contratto è illegittimo ma…

Le nuove frontiere del conflitto: la logistica

Negli ultimi anni si sono sviluppate lotte molto forti e radicali tra i lavoratori impiegati nel settore della logistica. Spesso protagonisti di queste lotte sono stati i facchini organizzati nel

Dai lavoratori italiani ai lavoratori del mondo – Un appello internazionale!

L’assemblea nazionale “I lavoratori non sono carne da macello, tenutasi ieri, 30 marzo, è stato uno straordinario successo. Vi hanno assistito, naturalmente on line, centinaia di lavoratori e di lavoratrici e decine sono stati gli interventi, tutti interessanti.
L’assemblea ha lanciato anche un appello ai lavoratori di tutto il pianeta, perché solo l’azione unitaria della classe operaia potrà sconfiggere l’emergenza sanitaria attuale e quella economica e sociale che sta irrompendo nelle nostre vite.

Jobs act: controllare per sottomettere

Il 25 giugno sono entrati in vigore terzo e quarto decreto attuativo del Jobs Act. Dopo la tutela contro i licenziamenti illegittimi, si abbatte il diritto a svolgere le mansioni

Sull’accordo Castelfrigo e il giudizio del Si Cobas in merito

Nelle scorse settimane la ditta Castelfrigo di Castelnuovo Rangone è stata protagonista di una lotta molto dura messa in campo dai 130 “facchini” delle cooperative che vi lavorano. Per la prima volta lavoratori di etnie diverse e che non si erano mai nemmeno parlati tra loro, con uno sciopero di oltre 10 giorni ed un picchetto molto duro, hanno vinto assieme una battaglia importante. La vertenza ha assunto un significato ancora maggiore se si pensa che nei primi 3 giorni di sciopero anche i lavoratori diretti sono stati davanti ai cancelli mentre durante l’ultima giornata anche i facchini delle aziende limitrofe, iscritti al Si Cobas, sono scesi in sciopero di solidarietà.

Intervento di Paolo Brini al CC della FIOM del 9 Settembre 2016

Quello che è accaduto nelle scorse settimane mi pare dimostri come la linea dettata dalla famosa lettera della BCE dell’agosto 2011 abbia trionfato su tutti i fronti e come il