Coronavirus e educatori: Vogliamo il 100% dello stipendio!

La chiusura delle scuole per due settimane a causa del Covid-19 di certo non è responsabilità di chi lavora a scuola.

Infatti, giustamente, il personale scolastico alle dipendenze del MIUR sarà normalmente retribuito, ma le cose andranno diversamente per il personale degli appalti: gli educatori assunti dalle cooperative che operano dagli asili nido fino alla scuola superiore, non avranno garanzia di ricevere il salario.

Sono 5mila in Emilia-Romagna, 3mila in Friuli, 4mila in Lombardia, 3mila in Piemonte, 2600 in Veneto e 650 in Liguria. In totale 20mila lavoratori, che percepiscono stipendi molto magri e che a febbraio rischiano di trovarsi una busta paga ulteriormente decurtata.

Ad oggi nelle trattative tra sindacati confederali, rappresentanza delle cooperative e Governo sembra si stia andando verso il riconoscimento della cassa integrazione in deroga o della FIS. Entrambe le soluzioni comporteranno una riduzione percentuale rispetto all’ordinaria retribuzione.

Nel Comune di Bologna CGIL, CISL e UIL hanno concordato che le ore perse dagli educatori vengano recuperate in un secondo momento (quando e come ce lo diranno loro).

Questi due esempi sono una ulteriore riconferma del trattamento di serie B riservato al settore educativo.

I sindacati, sostenendo questo tipo di disposizioni, non fanno altro che avvallare lo sfruttamento e la precarietà che vivono i lavoratori del settore, ai quali non vengono nemmeno riconosciute le ore di lavoro nel caso in cui il minore assistito sia assente da scuola.

Con l’emergenza Coronavirus in Italia sono state introdotte svariate norme straordinarie per la gestione dell’emergenza sanitaria. Tra i vari divieti e provvedimenti c’è anche il divieto di manifestare e riunirsi, compresa quindi l’organizzazione di assemblee sindacali, e una forte limitazione agli scioperi: si può andare in ufficio, al bar, al ristorante, nei centri commerciali, ma non si possono fare assemblee, nè azioni di sciopero. Evidentemente questo provvedimento ha la funzione di intervenire preventivamente sui rischi conseguenti alla gestione dell’emergenza volendo impedire che dinnanzi a palesi ingiustizie i lavoratori possano lamentarsi.

Crediamo che, piuttosto che avallare o comunque sostenere più o meno attivamente decreti e ordinananze di governo e regioni, tutti i sindacati debbano mettersi a fianco dei lavoratori e organizzare una mobilitazione che impedisca di scaricare sulle spalle dei lavoratori il peso dell’emergenza. I decreti di emergenza devono essere messi in discussione a partire dall’organizzazione di assemblee in tutti i posti di lavoro.

È necessario costruire l’unità tra lavoratori pubblici e privati, per rivendicare lo stesso giusto trattamento, il riconoscimento per tutti del salario al 100%, uguali diritti e retribuzione.

Questa situazione di emergenza ha fatto emergere in modo ancora più chiaro la realtà di precarietà e sfruttamento vissuta da molti lavoratori di questo paese.

È ora di lottare. L’emergenza non la devono pagare i lavoratori. Mobilitiamoci per avere riconosciuto il 100% del salario, ma anche per avere il riconoscimento di diritti e dignità che oggi, per chi lavora nel settore educativo, sono sempre negati.

 

 

Articoli correlati

Scuola

Precaria precarietà (breve cronaca di un ordinario inizio di anno scolastico)

Riceviamo e volentieri pubblichiamo una lettera inviataci da un’insegnante precaria.

Scuola

La scuola lavoro miete la prima vittima

Il 21 gennaio per la prima volta uno studente è morto in alternanza scuola-lavoro.
Lorenzo Parelli, 18 anni appena compiuti, all’ultimo giorno di alternanza, è stato schiacciato da una putrella, una trave di metallo, che lo ha ucciso sul colpo.

Scuola

Scuole e centri estivi: Confindustria chiama, Bonaccini prepara i lazzaretti

Il governatore della Regione Emilia-Romagna è capofila tra quelli che vogliono aprire tutto e ora: “Se ripartono le imprese, non possono non ripartire anche i servizi.” Senza giri di parole, Bonaccini spiega che le imprese devono ripartire per fare profitti, e i lavoratori genitori devono essere liberi dall’“incombenza” dei figli a carico.

Lotta al precariato

“Na Manzoor”… Inaccettabile! I riders respingono l’accordo-truffa

Nel giorno in cui entra in vigore l’accordo truffa tra Ugl e Assodelivery, l’associazione delle piattaforme online di consegna del cibo, abbiamo intervistato un rider bolognese, fra i protagonisti della lotta esplosa in queste settimane.

Scuola

Conquistiamo con la lotta una scuola aperta e sicura!

Occupazioni e proteste studentesche sono tornate in tutta Italia. Hanno cominciato gli studenti romani, seguiti da Catania, Bari, Napoli, Milano e altre città. Gli studenti esprimono la loro rabbia e frustrazione nei confronti del governo che ha gettato la scuola in una situazione insostenibile.

Lotta al precariato

Lo scippo del lavoro: volontari al posto dei lavoratori sulle ambulanze del 118

Dal 1 agosto, a Ferrara, una quota dei servizi del 118, finora svolti dai lavoratori di una Cooperativa in convenzione, è stata affidata ad una associazione di volontariato. Per risparmiare, infatti, l’Ausl ha deciso di rivolgersi ad una delle tante associazioni di soccorso che dispongono di volontari