14 novembre 2015

Contro il razzismo! No all’unità nazionale! Lottiamo insieme contro questo sistema che produce miseria, ingiustizia, sfruttamento e terrorismo!

-Scioccati, indignati, disgustati dai vili attentati terroristici a Parigi della scorsa notte, che per ora hanno causato 128 morti e numerosi feriti. Il nostro pensiero va alle vittime e alle loro famiglie.

-Se è confermato che gli “estremisti islamici” sono dietro la strage, questi ultimi hanno di nuovo fatto un regalo formidabile alla propaganda islamofobica e razzista, sottoponendo a una pressione enorme su tutta la comunità musulmana della Francia e del resto d’Europa.

-Bisogna respingere ogni tentativo di far ricadere la responsabilità collettiva degli attentati  sulla comunità musulmana o sulla religione musulmana in quanto tale.

-Il razzismo verso arabi e musulmani che divampa sui social network e sui mass media dopo ieri sera è abietto e deve essere combattuto energicamente. Tuttavia la solidarietà, che  si è organizzata ieri sera spontaneamente tra gli abitanti dei quartieri di Parigi colpiti dagli attentati, dimostra il potenziale che esiste  per lo sviluppo di un movimento antirazzista e contro lo sciovinismo.

-Bisogna respingere  tutti i tentativi dei governi, e del governo francese prima di tutto, di mettere in atto nuove leggi “anti-terrorismo” al solo scopo di ridurre i nostri diritti democratici e di ghettizzare le comunità musulmane nelle nostre città, in particolare i giovani delle periferie degradate.

-Tali leggi saranno utilizzate anche contro i sindacalisti e ogni attivista progressista o qualunque altro movimento che voglia cambiare la società. Ricordiamoci come i media e la “giustizia” hanno trattato i lavoratori di Air France che si sono opposti al nuovo piano di ristrutturazione dell’azienda.

-Già dopo l’attentato contro Charlie Hebdo, Parigi era diventata una città militarizzata con soldati a ogni angolo della strada. Tuttavia ciò non ha evitato nuovi attentati.

-Il governo francese utilizzerà questi attentati per conquistare un appoggio popolare verso le sue avventure imperialiste in Africa e nel resto del mondo in nome della lotta al terrorismo. Noi denunciamo in particolare le ciniche manovre della Francia in Siria, che hanno contribuito allo smembramento del paese, all’esodo di milioni di persone e al rafforzamento dei gruppi terroristici. Non possiamo in alcun modo far passare in sordina la nostra opposizioni alle operazioni imperialiste.

-La classe dominante e il governo “socialista” approfitteranno di questi attentati e dell’emozione che susciteranno per spostare l’attenzione dei lavoratori dalla crisi, dalle sue conseguenze sociali disastrose e dalle politiche reazionarie messe in atto nell’interesse del padronato. Questo è il senso di numerosi appelli “all’unità nazionale”, che deve essere assolutamente respinta dalle organizzazioni di sinistra, dei giovani e dei lavoratori.

-Senza alcun intento giustificativo verso i fanatici religiosi, bisogna provare a comprendere il terreno su cui si sviluppa il fanatismo per meglio combatterlo.

-La spiegazione di questo fanatismo non si trova nel Corano, ma nelle condizioni sociali economiche e politiche nelle quali vivono la maggior parte dei giovani musulmani, oggetto di ingiustizie, discriminazioni, umiliazioni e repressione.

-In tale contesto, una minoranza di giovani si riconosce nella demagogia jihadista, esprimendo in maniera deformata un sentimento di ingiustizia e un desiderio di lotta verso questo sistema. Si sbagliano.

-La sinistra, il movimento operaio, non possono rifugiarsi negli appelli morali, antireligiosi, alla difesa repubblicana o dell’attuale democrazia per combattere il terrorismo e il fanatismo religioso.

-La sinistra deve impegnarsi in una lotta contro questo sistema e non abbandonarla. La sinistra deve dare a questi giovani un futuro e deve organizzarli su base di classe per porre fine alla miseria del capitalismo.

-Lottiamo insieme per porre fine a questo sistema marcio che produce questo genere di massacri, al fine di creare le basi materiali per una vera società umana basata sulla fratellanza e la solidarietà e non sull’odio e la divisione.

Scarica il volantino di Sinistra classe rivoluzione (in formato pdf)

Articoli correlati

Francia – É lotta di classe!

Lo spettro di un nuovo Maggio ’68 inizia ad aleggiare minaccioso sulla classe dominante francese. La riforma del lavoro del ministro El-Khomri, un Jobs Act renziano in salsa francese, ha innescato una mobilitazione di massa della gioventù e della classe lavoratrice.

Francia: Loi Travail, lo scontro decisivo ha inizio!

La lotta contro la riforma sul lavoro è entrata in una nuova fase, una fase decisiva. Lo sviluppo degli scioperi e dei blocchi a oltranza in molti settori chiave dell’economia ha cambiato la dinamica del movimento. Tutto si sta accelerando

Francia – Quali lezioni dal movimento contro la riforma del lavoro‭?

Dopo quattro mesi di mobilitazione,‭ ‬11‭ ‬giornate d’azione nazionale e alcuni movimenti parziali di sciopero a oltranza‭ (‬raffinerie,‭ ‬camionisti,‭ ‬rifiuti ecc.‭) ‬la lotta contro la riforma del mercato del lavoro sembra sul punto di spegnersi

Francia – La resistenza ai tagli al settore pubblico risveglia la memoria del maggio ’68

Lo sciopero dei ferrovieri del 3 aprile scorso, che ha visto la partecipazione del 77% dei macchinisti, del 69% dei controllori e la soppressione di centinaia di treni ha rappresentato un altro capitolo dello scontro sociale di cui è testimone la Francia nelle ultime settimane. Questo articolo di marxist.com ne spiega i retroscena e ne delinea il potenziale esplosivo.

Oggi in Francia domani in Italia – La lotta di classe non ha frontiere!

“La Cgt non detta legge”, questo è l’avvertimento ai sindacati del primo ministro socialista francese Manuel Valls. Gli ha fatto eco la Confindustria, chiedendo al governo di “ristabilire urgentemente lo Stato di diritto e di garantire ai salariati ed agli imprenditori la possibilità di lavorare”.

Francia: no alla El Khomri, è solo l’inizio!

Lo scorso 9 marzo, giorno in cui era prevista la discussione in parlamento del progetto di legge El Khomri (il ministro del lavoro), mezzo milione di giovani e di lavoratori sono scesi in piazza in tutta la Francia contro la riforma.