Contratto metalmeccanici: è ora di lottare – Un appello

Pubblichiamo un appello di delegate e delegati metalmeccanici della Fiom riguardo il rinnovo del CCNL. Invitiamo i nostri lettori e i nostri sostenitori a farlo circolare e a sottoscriverlo.

Sono passati più di tre mesi da quando oltre 360mila lavoratori hanno approvato la piattaforma per il rinnovo. Ricordiamo alcune delle principali richieste contenute:

  • Aumento di oltre 150 euro, cioè circa l’8 per cento sui minimi tabellari

  • Aumento a 700 euro (degli attuali 485) dell’elemento perequativo e la sua estensione a tutti i lavoratori che non godono di un contratto aziendale.

  • Limitazione del lavoro precario con l’inserimento di meccanismi di stabilizzazione, pari condizioni per i dipendenti degli appalti.

  • Clausola sociale, cioè la garanzia del posto di lavoro, nei cambi d’appalto

Una piattaforma che, chi sottoscrive quest’appello ha sostenuto, e che, pur avendo punti critici, è stata vista con favore dai lavoratori dopo che il precedente contratto aveva visto un aumento miserevole (30 euro nel triennio). E non a caso i padroni vantano un +40 per cento di profitti dal 2015.

Ora il contratto è scaduto, e nei primi incontri i rappresentanti di Federmeccanica hanno già preso una posizione di rifiuto sulla richiesta salariale.

Siamo quindi in un momento decisivo. Anziché inseguire tavoli di trattativa inconcludenti i dirigenti sindacali devono venire nelle aziende e discutere come iniziare al più presto la mobilitazione.

Una piattaforma avanzata richiede una mobilitazione adeguata, non si può improvvisare. Tanto più che il problema salariale riguarda anche molte altre categorie: gli alimentaristi sono come noi in fase di trattativa per il rinnovo del contratto, sono anche scaduti il contratto della logistica, del trasporto pubblico, della scuola, dei lavoratori pubblici. E se qualche sindacalista pensa di potersi accontentare degli spiccioli di sgravi distribuiti dal “governo amico”, se lo levi dalla testa: aumento salariale significa che i soldi invece di andare ai profitti vanno ai lavoratori! Il resto sono solo partite di giro.

Dobbiamo unire le forze e lottare tutti insieme. I padroni non vogliono concedere nulla, piangono miseria e il loro più grande desiderio è smantellare il contratto nazionale in tanti contratti di settore, come ha fatto la Fiat col contratto dell’auto o come è accaduto nella grande distribuzione. Non possiamo tardare ulteriormente. Si dia avvio immediatamente ad una campagna a tappeto di assemblee, si proclami il blocco dello straordinario, i primi pacchetti di ore di sciopero e si costituiscano coordinamenti di delegati a vari livelli (territoriali e nazionale) che rendano la mobilitazione più efficace. Si prepari il terreno per la proclamazione di uno sciopero generale della categoria che segni il salto di qualità nell’avvio di questa nuova stagione di lotte.

È tempo di fare come in Francia! È tempo che i lavoratori riprendano la parola e le piazze!

Per adesioni eoradilottare@gmail.com

Scarica questo appello in formato pdf

Prime adesioni:

Paolo Brini (Comitato Centrale Fiom)

Gianplacido Ottaviano (Assemblea Generale Fiom – Rsu Bonfiglioli Bo)

Davide Bacchelli (Rsu Ima – Direttivo Fiom Emilia Romagna)

Luca Ibattici (Rsu Spal Reggio Emilia – Direttivo Fiom Reggio Emilia)

Diego Sabelli (Rsu Elt – Assemblea Generale Fiom Lazio)

Domenico Loffredo (Operaio Fca – Pomigliano Direttivo Fiom Campania)

Vincenzo Chianese (Rsa Ergom – Direttivo Fiom Campagnia)

Davide Ledda (Operaio Cft Parma – Assemblea Generale Fiom Emilia Romagna)

Filippo Agazzi (Rsu Ggi Spa Fiom Parma)

Ferdinando De Marco (Rsu Er Sistemi Sano Polo di Torrile Fiom Parma)

Gian Pietro Montanari (Rsu Toyota Bologna)

Gianluca Sita (Rsu Fiom Ima – Assemblea Generale Fiom Bologna) Domenico Minadeo (Rsu Fiom Metaltarghe – Direttivo Fiom Bologna) Massimo Pieri (Rsu Tas spa – Direttivo Fiom Bologna)

Marco Mussini (Rsu Corghi – Direttivo Fiom Reggio Emilia) Luca Paltrinieri (Rsu Netscout – Direttivo Fiom Modena) Giuseppe Violante (Rsu Maserati – Direttivo Fiom Modena)

Luca d’Angelo (Rsu TR – Direttivo Fiom Modena)

Giuseppe Faillace (Rsu Motovario – Direttivo Fiom Modena) Christian Febbraro (Rsu Dgs Spa – Direttivo Fiom Genova) Fiammetta Fossati (Rsu Fiom Etipack Milano)

Rsa Fiom Ferrari Modena

Rsu Fiom Motovario Modena

Francesca Corcione (Rsu Wam Modena)

Mino Carrozzo (Rsa Maserati Modena)

Luca Lanzi (Rsu Manitou Modena)

Mario Ipocoana (Angelo Po’ – Direttivo Fiom Modena)

Gennaro Sorrentino (Titan – Direttivo Fiom Modena)

Silva Benedetti (Lag – Direttivo Fiom Modena)

Raffaello Signoriello (Otis – Direttivo Fiom Modena)

Gennaro Fedele (Rsa Fiom Cnh Modena)

Giuseppe Amodeo (Rsu Bosch Modena)

Serdal Bazencir (Rsu Bosch Modena)

Scarica l’appello in formato pdf

Articoli correlati

No alle espulsioni dalla Fiom e dalla Cgil

Abbiamo appreso che nell’ultimo Comitato Centrale della Fiom-Cgil tenutosi il 7e 8 Gennaio scorsi è stato comunicato che oltre una decina di nostri compagni RSA Fiom di diversi stabilimenti del gruppo FCA sono stati chiamati in causa da un interpello redatto dai segretari generali della Fiom Molise e Basilicata e rivolto al Collegio Statutario Nazionale della Cgil.

Whirlpool: no alla vendita-truffa!

La vertenza Whirlpool deve porre all’ordine del giorno una risposta allo strapotere padronale che coinvolga l’intero movimento operaio affinché la lotta della Whirlpool sia la lotta di tutti. Per porre fine al fatto che lor signori possano fare il bello e il cattivo tempo bisogna avanzare la parola d’ordine della nazionalizzazione e del controllo operaio.

Nazionalizzare l’Ilva!

Solo con un’Ilva nazionalizzata è possibile elaborare un vero piano di risanamento e rilancio, sotto il controllo dei lavoratori e dei comitati di cittadini in difesa della salute e dell’ambiente. Su questa strada la lotta dell’Ilva può essere la scintilla di una svolta che scuoterebbe la classe lavoratrice di tutto il paese.

Innse – Licenziati gli operai che salirono sul carroponte

Milano, agosto 2009. Dopo 15 mesi di lotta e quattro operai arrampicati su un carro ponte per otto giorni, i lavoratori della Innse riportarono una vittoria importante.

Metalmeccanici – È finito il tempo delle parole, è l’ora della lotta!

Dopo oltre tre mesi di discussione e ben tredici riunioni coi padroni, martedì 16 marzo i sindacati metalmeccanici hanno dovuto rompere con Federmeccanica e Assistal sul rinnovo del contratto nazionale.

ILVA Cornigliano: la lotta è solo all’inizio!

Tre giorni di sciopero, occupazione della fabbrica e blocco della città, è così che gli operai dell’ILVA di Genova Cornigliano hanno risposto all’ennesimo attacco nei loro confronti.