25 Settembre 2019

Congresso del Partito laburista: crescono la sinistra e le posizioni radicali

I compagni di Socialist appeal, la sezione britannica della Tendenza marxista internazionale, sono intervenuti a Brighton, all’interno e all’esterno del congresso laburista. I nostri delegati hanno fatto interventi appassionati dal palco a favore di posizioni socialiste. E i nostri banchetti all’esterno del congresso hanno ricevuto un’accoglienza entusiasta da parte degli altri delegati e degli invitati all’assise.

Pubblichiamo ampi estratti del loro rapporto.

 

La Clause 4 ottiene una standing ovation – lotta per il socialismo!

Ben fatto delegati! Nonostante l’opposizione della direzione nazionale del partito (Nec), si è verificato un appoggio massiccio della base per ripristinare la “Clause 4” (la “clausola 4 dello Statuto del Partito, ndt), cancellata da Tony Blair nel 1995.

Il 62% dei delegati votati dalle circoscrizioni del Partito ha appoggiato la proposta di modifica dello statuto per ripristinare la formulazione originale della clausola 4: “Assicurare ai lavoratori, manuali o intellettuali, i pieni frutti del proprio lavoro e la distribuzione più equa possibile sulla base della proprietà comune dei mezzi di produzione, distribuzione e scambio, e del miglior sistema ottenibile di amministrazione e controllo collettivi di ogni settore o servizio.”

Questo è un risultato fantastico, che mostra il forte sostegno di base che esiste nel movimento laburista per i principi socialisti espressi nella clausola 4.

Sfortunatamente, tuttavia, i sindacati, con il loro “block vote” (pacchetti di voti controllati dai vertici dei vari sindacati affiliati al partito, ndt) hanno votato contro, il che significa che il cambiamento dello statuto non è passato.

Tuttavia, il NEC ha ora promesso una revisione della formulazione. Dobbiamo continuare a fare una campagna per garantire che si tratti di una revisione decisa dagli iscritti e non di una classica revisione di un comitato nominato dall’alto destinata a raccogliere polvere su qualche scaffale.

È la base che deve decidere quali sono gli obiettivi e i valori del nostro partito. E crediamo che questi obiettivi e valori debbano attenersi alle aspirazioni e i principi socialisti delineati nella Clause 4 originaria.

 

Interventi appassionati

La conferenza ha ascoltato discorsi brillanti di compagni di Forest of Dean, Wallasey e Wavertree – tutti che parlavano a favore del ripristino della Clause 4. Hanno avuto un’enorme risposta positiva da parte dei delegati, ottenendo persino una standing ovation. È chiaro che gli iscritti al partito vogliono ripristinare la Clause 4.

“Il motivo per cui abbiamo adottato la clausola 4 era che il capitalismo aveva fallito”, ha dichiarato Jim Brookshaw, delegato della Forest of Dean, che ha presentato l’emendamento allo Statuto. “Il nostro compito non è quello di salvare il capitalismo, ma di rovesciarlo”.

Jim ha citato la versione di Blair, che elogia il mercato e le meraviglie della concorrenza. Jim ha affermato di aver sperimentato in prima persona queste “virtù” del mercato quando, come tipografo, ha scioperato per un anno contro il magnate Murdock in difesa del posto di lavoro, insieme a migliaia di altri lavoratori, tutti in seguito licenziati.

Ha affermato che il Partito laburista deve difendere un’economia pianificata socialista, non l’anarchia del mercato.

Jim ha anche criticato il NEC per essersi opposto alla proposta di ripristino del testo originario, consigliandone invece una “revisione”. “C’è gia stata una revisione nel 1995 con Blair”, ha osservato Jim, “e sappiamo come è andata a finire”.

Ha concluso dicendo: “se la proprietà comune andava bene per Keir Hardie (uno dei padri fondatori del Partito laburista, ndt), non vedo perché non dovrebbe andare bene a noi”.

L’emendamento è stato appoggiato da Mike Hogan di Wavertree, che ha collegato la Clause 4 alle orribili realtà della PFI (partnership pubblico-privato) e della privatizzazione viste a Liverpool e ai disastri delle politiche a favore del mercato.

Il compagno di Wallasey, Luke Agnew, ha fatto una grande intervento. Ha sostenuto l’emendamento dando l’esempio della sua vita quotidiana di lavoratore, dominata da una corsa al ribasso e dalla precarietà. È necessaria una trasformazione fondamentale della società, ha concluso.

I compagni riprenderanno con rinnovato vigore la campagna “Labour4Clause4” per il ripristino della Clause 4, attraverso una serie di assemblee in tutti le circoscrizioni del Partito. Ai margini del congresso i compagni hanno organizzato un’assemblea che ha avuto un grande successo.

 

Lezioni sulla debacle riguardo Tom Watson: abbiamo bisogno di una riselezione obbligatoria dei dirigenti

Tom Watson (vice-leader del Labour) è giustamente detestato dalla maggioranza dei iscritti per il ruolo che ha avuto nel minare la leadership di Jeremy Corbyn. Dal primo giorno, questo aspirante Machiavelli è stato l’epicentro di tutte le trame anti-Corbyn. Prima se ne va, meglio è.

Tuttavia, il modo in cui il leader di Momentum (il movimento fondato nel 2015 per sostenere la candidatura di Corbyn, ndt) Jon Lansman ha tentato di sbarazzarsi di Watson ha fatto il gioco del vice leader. Il tentativo burocratico di rimuovere Watson, abolendo la posizione di vice leade,r è stata visto semplicemente come una palese manovra.

L’assemblea pubblica sulla “Clause 4” al congresso di Brighton

Dopo che questa manovra è fallita, Watson si è sfregato le mani. Ha immediatamente attaccato Jon Lansman, affermando soddisfatto: “Questa mossa di Jon Lansman è fallita in modo spettacolare. Ha rafforzato il mio sostegno all’interno del PLP (gruppo parlamentare, ndt) ed è stato fortemente criticato dai media “.

Watson ha ragione. Coloro che erano contro di lui nel NEC sono stati costretti a battere in ritirata velocemente.

Le modalità per rimuovere Watson devono essere politiche.

Il motivo per cui non può essere rimosso è perché le regole del partito affermano che per mettere in discussione la carica di vicepresidente è necessario l’appoggio del 20% dei parlamentari. Ma, data l’attuale composizione del gruppo parlamentare, composta da seguaci di Blair, questa soglia aiuta la destra.

Ciò solleva la questione della deselezione. Se il gruppo parlamentare fosse composto da veri rappresentanti della base, questa soglia del 20% sarebbe facilmente raggiungibile. Attraverso una spinta dal basso verso l’alto, potrebbe essere lanciata una candidatura di sinistra e potrebbe essere eletto un nuovo vice leader, in sintonia con la base.

Ciò sottolinea che la battaglia per completare la trasformazione del partito laburista rimane saldamente all’ordine del giorno.

Sfortunatamente, a causa dei compromessi fatti durante la conferenza dello scorso anno, quando la rielezione obbligatoria è stata esclusa dall’agenda, abbiamo perso un anno per quanto riguarda la democratizzazione del partito.

Ora che i nodi stanno arrivando al pettine e Lansman ha tentato di utilizzare misure burocratiche dall’alto verso il basso per risolvere un problema politico.

Sono in corso “trigger ballots” (un meccanismo non obbligatorioche fa scattare la procedura di riselezione del candidato parlamentare nelle Circoscrizioni del Partito Laburista, ndt), ma questi non bastano. Abbiamo bisogno di una riselezione obbligatoria.

 

La mozione sul Green New Deal mostra perché dobbiamo lottare per trasformare il sindacato

I delegati che si sono fatti portavoce del Green New Deal devono ormai essere molto stanchi. Per due notti di seguito, sono stati impegnati in un lungo dibattito sulla formulazione della mozione più popolare alla conferenza del Partito laburista di quest’anno.

La questione è stata chiaramente una di quelle fondamentali della conferenza laburista. Gli scioperi sul clima hanno scosso il mondo negli ultimi 12 mesi. L’ultima giornata di azione – che si è svolta venerdì scorso, il giorno prima dell’inizio della conferenza – ha visto una partecipazione stimata di 100.000 persone nella sola Londra. E una protesta teatrale e di grande impatto di Extinction Rebellion ha bloccato ieri le strade di Brighton.

Il grande interesse per questo problema scottante si è riflesso fra la base di Labour. Mozioni per un Green new deal erano state proposte da 128 sezioni del partito prima della conferenza.

La mozione principale proveniente dagli iscritti richiedeva molte richieste radicali, tra cui “la fornitura di servizi universali”, “l’espansione della proprietà pubblica e democratica dovunque sia necessario” e una garanzia di “posti di lavoro ben retribuiti, sindacalizzati e verdi per tutti” .

Tuttavia, nonostante queste assicurazioni, i delegati di determinati settori dei sindacati affiliati hanno resistito all’ambiziosa mozione proposta. Soprattutto i grandi sindacati industriali come il GMB temono che l’impegno per “emissioni zero di carbonio entro il 2030” metterà a rischio posti di lavoro in settori dell’energia o altamente inquinanti. La loro priorità dicono, è quella di difendere i lavori attuali e esistenti.

Invece di resistere a questo movimento e ad un’azione urgentemente necessaria per salvare il pianeta, i dirigenti sindacali dovrebbero lottare per un’economia pianificata socialista, sotto il controllo e la gestione dei lavoratori.

Su tale base, il problema delle fabbriche obsolete potrebbe essere gestito in modo realmente condiviso; i lavoratori potrebbero essere riqualificati e le fabbriche riconvertite; nuovi posti di lavoro verdi potrebbero essere creati su vasta scala; e i benefici delle moderne tecnologie potrebbero essere diffusi in tutta la società.

Il Green new deal non è affatto l’unica questione di questa settimana in cui i delegati sindacali si sono trovati in conflitto con i delegati provenienti dalle circoscrizioni. In diverse occasioni importanti negli ultimi due giorni, i voti di blocco dei sindacati hanno sconfitto le richieste progressiste provenienti dalle circoscrizioni del partito, incluso il ripristino della clausola 4.

Frustrati, alcuni membri del partito onesti potrebbero trarre la conclusione che l’unica soluzione a questo problema è diminuire il ruolo dei sindacati alla Congresso o più in generale nel partito. Ma questa sarebbe solo una misura organizzativa per risolvere un problema fondamentalmente politico.

Invece, è necessario portare la rivoluzione di Corbyn – che ha trasformato il Partito Laburista negli ultimi quattro anni – nei sindacati. Ciò significa democratizzare l’intero movimento operaio a tutti i livelli.

Ma soprattutto, significa portare settori freschi e radicalizzati di lavoratori e giovani a iscriversi ai sindacati e trasformarli in strumenti combattivi – strumenti che devono essere utilizzati dalla classe operaia nella lotta per il socialismo.

Articoli correlati

Gran Bretagna – Theresa May si è dimessa, ora cacciamo tutti i Tories!

Theresa May ha finalmente concluso la sua avventura di governo dopo tre anni di tergiversamenti. Stamattina, davanti al numero 10 di Downing street, ha pronunciato un discorso pieno di lacrime, nel quale il primo ministro ha annunciato che si sarebbe dimessa il 7 giugno. La corsa per la successione inizierà la settimana successiva, quando inizieranno veramente i fuochi d’artificio.

Elezioni anticipate in Gran Bretagna – Theresa May lancia il guanto di sfida

Il primo ministro Tory, Theresa May, ha annunciato elezioni politiche anticipate per l’8 giugno prossimo e ha chiesto un mandato diretto per traghettare il Regno Unito verso la Brexit, il divorzio con l’UE.

Esplode la bomba Brexit

Chiunque guardi con obiettività la situazione europea e mondiale può trarne solo una conclusione: il Brexit non è stato altro che il classico fiocco di neve che mette in moto una valanga che non aspettava altro che di precipitare.

Gran Bretagna – Dopo le elezioni si apre una nuova fase

Il nuovo governo di Theresa May non potrà durare a lungo. La coalizione con il DUP (un partito unionista di estrema destra) è già stata soprannominata “coalizione del caos” per le contraddizioni interne che la attraversano. È molto probabile quindi che ci saranno nuove elezioni politiche prima della scadenza naturale e non è da escludere che alla prossima tornata i laburisti possano ottenere la maggioranza dei voti

Gran Bretagna: è guerra civile nel partito laburista

Ieri sono terminate le operazioni di voto per le elezioni del leader del Partito laburista e sabato 24 settembre verrà proclamato il risultato. Jeremy Corbyn è in vantaggio secondo tutti i sondaggi, malgrado la massiccia propaganda scatenata nei suoi confronti da mass media, classe dominante e destra laburista. Questo articolo, pubblicato su Rivoluzione n°22, analizza il processo in corso.

Brexit: l’establishment britannico ha perso il controllo

Ogni nuovo voto nella Camera dei comuni britannica riafferma solo la paralisi del parlamento. Ieri i parlamentari hanno votato contro la prospettiva di una Brexit senza accordo, ma subito dopo hanno votato contro qualsiasi alternativa che eviterebbe questa opzione. Quali sono le prospettive?