19 Giugno 2020

Comer di Cavriago (Re): 60 ore di sciopero contro i licenziamenti mascherati

Non sempre lavorare per un’azienda florida è garanzia di stabilità. Non solo i lavoratori delle aziende in crisi possono subire attacchi e peggioramenti delle condizioni lavorative.

Esattamente quello che stanno sperimentando i più di 150 lavoratori della Comer Industries di Cavriago (RE), azienda leader nel settore dei riduttori di forza. La proprietà a inizio giugno ha comunicato che avrebbe spostato l’intero stabilimento a 40 km di distanza, a Reggiolo. Se si considera che la stragrande maggioranza delle maestranze abita nelle zone limitrofe allo stabilimento, si capisce l’enorme disagio che subirebbero a doversi fare, in media, due ore in più di strada al giorno tra andata e ritorno. Senza considerare che il turno del mattino inizia alle 5 di mattina e gli spostamenti in inverno possono essere molto disagevoli tra gelo e nebbia. In pratica un peggioramento sostanziale della vita lavorativa con ovvie ripercussioni su quella privata e familiare.

La proprietà ha argomentato la scelta in termini di risparmio sui costi per rilanciare gli investimenti a Reggiolo. Il fatto che lascia sgomenti e increduli gli operai di Cavriago è che il loro stabilimento è tra i più produttivi del gruppo, e questo non versa certo in cattive condizioni economiche. Sul suo sito la Comer Industries dichiara di aver fatto nel 2019 ricavi netti per oltre 404 milioni di euro, così che negli ultimi 2 anni ha potuto dividere tra i soci azionisti ben 19 milioni di utili! Per questo i lavoratori non hanno creduto alla scusa del risparmio sui capannoni di Cavriago, perché un risparmio di circa 500mila euro, a fronte del giro d’affari dell’azienda, sarebbe irrisorio.

I lavoratori hanno interpretato la mossa come un licenziamento collettivo mascherato. In molti sanno che non tutti i lavoratori saranno disposti ad un cambio così drastico nella loro vita, e per un motivo o per l’altro alcuni certamente saranno portati ad autolicenziarsi. Questo si che sarebbe un bel risparmio per l’azienda, e un modo molto furbesco per aggirare il blocco dei licenziamenti prima che scada il 18 agosto.

Contro l’arroganza padronale i lavoratori hanno subito dimostrato molta combattività. Al tavolo con le rappresentanze sindacali la proprietà non si è mossa dalle sue posizioni facendo muro contro i sindacalisti. Così le 40 ore di sciopero inizialmente dichiarate sono diventate 6o, per dare un segnale all’azienda. Anche perché non ci sono garanzie. La paura di venir licenziati pur accettando il trasferimento è alta. La paura è che accorpando due stabilimento si creino delle figure lavorative doppie, in eccesso, che la proprietà potrebbe eliminare in seguito dichiarando gli esuberi.

Giustamente i lavoratori hanno capito che questa vertenza non può essere risolta a Cavriago, ma deve coinvolgere anche i lavoratori degli altri stabilimenti del gruppo, a Reggiolo e Pegognaga (MN), come una delegazione di operai di Reggiolo ha dichiarato durante il presisio del 16 giugno.

Come SCR durante la vertenza a Cavriago abbiamo portato il nostro sostegno attraverso un volantino di esortazione alla solidarietà operaia come unico argine allo strapotere padronale. Nei prossimi giorni ne stamperemo un altro che distribuiremo a Reggiolo per invitare a sostenere nei fatti la lotta dei colleghi di Cavriago.

Solo attraverso il conflitto si possono difendere i posti di lavoro. Il compito del sindacato è quello di coordinare tutte le lotte delle aziende in crisi nel reggiano e convocare uno sciopero generale a difesa dell’occupazione!”

Articoli correlati

Comer Cavriago – La lotta è stata sconfitta, ma era inevitabile?

Sabato 4 Luglio è si è conclusa la vertenza alla Comer Industries di Cavriago, dopo 19 giorni di sciopero, e 26 di presidio con 10 notti con blocco delle merci. Purtroppo l’accordo raggiunto in prefettura legittima nei fatti la linea dell’azienda, seppur con qualche aggiustamento.

Non un passo indietro. I lavoratori di Gela in lotta!

Lunedì 18 gennaio circa 2500 lavoratori, tra indotto e diretto, hanno proclamato lo sciopero ad oltranza bloccando tutti gli accessi alla raffineria e alla città. Una città che di fatto vive grazie al lavoro della raffineria e che ora progressivamente sta morendo. Ai lavoratori in protesta si sono uniti familiari, negozianti e artigiani, fino al corteo di oggi 26 gennaio, in quella che non è più solo una vertenza aziendale ma è una lotta di tutta la città.

La lotta vittoriosa dei facchini in Motovario

I 18 facchini dipendenti della cooperativa Mt Service addetti alla logistica nella ditta metalmeccanica Motovario (440 dipendenti e tra i leader mondiali nella produzione di riduttori) dopo un giorno e

Lezioni della vertenza FIAC, dopo l’accordo del 16 luglio

BOLOGNA – Dopo 36 giorni di sciopero e 53 di presidio ai cancelli, nella notte di giovedì 16 luglio si è raggiunto l’accordo che mette un punto nella vertenza dei

Solidarietà ai lavoratori Si.Cobas

Esprimiamo la massima solidarietà e partecipazione al movimento di lotta dei lavoratori nella difesa dei loro diritti e della propria organizzazione, che in questo momento manifestano sotto al carcere di Modena chiedendo il rilascio immediato di Aldo Milani.

Dalla parte dei lavoratori Almaviva in lotta!

Il volantino che abbiamo distribuito oggi al presidio di Napoli e che diffonderemo domani allo sciopero dei lavoratori Almaviva.