15 Marzo 2018

Come si lavora alle Poste dopo Amazon

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di un lavoratore precario di Poste Italiane

Questa storia ha inizio quando Poste Italiane inizia ad assumere, con contratti trimestrali rinnovati di volta in volta, per coprire i carichi di lavoro derivanti dalla commessa Amazon. Una collaborazione che dovrebbe garantire molti mesi, se non anni, di lavoro a molti disoccupati, giovani e meno giovani.

Fino a qui tutto bene, citando L’odio, e nessuno sapeva cosa l’aspettasse realmente all’impatto.

Ci siamo trovati immersi in una realtà fatta di numeri da raggiungere, ai quali si chiedeva di abbinare la qualità. Quando si sa che, non sempre, quantità e qualità vanno d’accordo.

Questo caso non fa eccezione.

Non avendo mai avuto un servizio simile, Poste Italiane stava facendo esperienza sulla pelle dei lavoratori. L’importante, naturalmente, era solo rassicurare Amazon di essere in grado di garantire elevatissimi livelli di consegna.

E non c’è voluto molto a capire che il numero di consegne di cui si stava parlando era esagerato anche per un mulo sceso dalle valli. Ma tutto questo non importa, la parola d’ordine era spingere e fare elevate performance ogni giorno.

Proprio la stessa filosofia di Amazon, dove si lavora con ritmi massacranti: un pacco ogni quindici secondi, lavorare a 240 all’ora. Nessuna pausa per le prime quattro ore e mezza del turno, venti o trenta chilometri percorsi ogni giorno e, quando ci si mette a letto, una stanchezza nelle gambe da non riuscire a prendere sonno.

Queste sono le condizioni di lavoro che Poste Italiane impone: postini trasformati in facchini.

Questa spirale va avanti tra l’ansia del rinnovo contrattuale, con continui spostamenti della propria zona, senza mai sosta e l’impossibilità di prendere ferie per le continue pressioni di Poste e di Amazon.

Una continua rincorsa a consegnare il maggior numero di pacchi che non ha neanche soddisfatto Amazon, che ha cominciato a consegnare in proprio nelle zone più centrali e più redditizie della capitale. Così le mansioni di alcuni di noi sono di nuovo cambiate ed ecco che il corriere trimestrale diventa un ibrido postino-corriere-spazzino del mare.

Qui si cela il capolavoro di Poste Italiane: mascherare la disorganizzazione con la spremitura fisica e mentale di tante persone, giovani e non.

I precari non sono lavoratori, sono CTD (Contrattisti a Tempo Determinato). Ciò comporta lavorare per due, rendere ordinari gli straordinari, essere capaci di moltiplicare le energie per esigenze di emergenza, spaccarsi letteralmente le ossa in un lavoro usurante (non ancora riconosciuto come tale) e non poter prendere le ferie quando si vuole.

Si potrebbe ribattere che il lavoro, al giorno d’oggi, è una manna dal cielo, ma si cadrebbe nell’accettazione di ciò a cui vogliono arrivare i padroni, pubblici o privati che siano. Le condizioni di lavoro tendono sempre più al ribasso e si arriva al fatto che vale tutto.

Vale che due ore di straordinario al giorno non sono poi così tante e vale anche che, per la strategia di Poste di dividere i lavoratori, tutto ciò non vale per i lavoratori a tempo indeterminato, che hanno ferie e orari certi.

La lotta tra poveri è servita, nel silenzio dei sindacati che, a parole, stanno vicino ai precari (e vorrebbero la loro stabilizzazione), ma nei fatti si vedono, e fanno campagna acquisti, puntualmente solo quando c’è il rinnovo del contratto precario.

Ed è a questa continua corsa al ribasso e al peggioramento delle condizioni di lavoro che occorre ribellarsi! Con l’unità di tutti i lavoratori di Poste Italiane, precari e a tempo indeterminato, per far sì che né qui, né ad Amazon, e in nessun altro luogo, si possano instaurare condizioni di lavoro massacranti e tornare indietro di due secoli in quanto a diritti dei lavoratori.

 

Articoli correlati

Almaviva: l’unico esubero è Tripi

Non c’è pace per i lavoratori di Almaviva. Dopo la vertenza della scorsa estate, conclusa col ritiro di 3mila esuberi in cambio di nuovi ammortizzatori sociali per l’azienda, ecco che a settembre si è aperta una nuova ristrutturazione.

I callcenter al tempo del coronavirus

Il decreto del 25 marzo limita, ma non azzera, le attività nei call center, nonostante la vittima del coronavirus più giovane nel Lazio sia proprio un lavoratore di un call center romano (aveva 34 anni). Eppure, anche prima della pandemia le condizioni di lavoro all’interno di queste aziende erano abbastanza note.

Messina – I politici piangono, ma solo gli operai muoiono

Porto di Messina, 29 novembre 2016. Quattro operai stanno svolgendo lavori di manutenzione nella nave “Sansovino”, imbarcazione che fa la spola tra Messina e Lampedusa.

Comer di Cavriago (Re): 60 ore di sciopero contro i licenziamenti mascherati

Non sempre lavorare per un’azienda florida è garanzia di stabilità. Non solo i lavoratori delle aziende in crisi possono subire attacchi e peggioramenti delle condizioni lavorative. Esattamente quello che stanno sperimentando i più di 150 lavoratori della Comer Industries di Cavriago (RE).

TAS spa: anche in telelavoro scioperare si può!

Venerdì 3 luglio le RSU di TAS spa hanno proclamato due ore di sciopero per sollecitare la proprietà e la dirigenza a venire incontro, anche in termini economici, alle giuste esigenze dei lavoratori.

Alcatel-Flextronic – Una sconfitta per i lavoratori interinali

I lavoratori di Alcatel-Lucent Trieste hanno detto sì all’accordo di acquisizione proposto dall’americana Flextronics il 23 giugno. 459 sì contro 34 no, una vittoria apparentemente schiacciante. Mancano però all’appello 278