27 Novembre 2019

Cile: la rivoluzione è iniziata! Assemblee a Roma, Bologna e Milano

Da oltre un mese il Cile è attraversato da un’immensa rivolta popolare, iniziata per l’aumento dei biglietti del trasporto pubblico. il governo ha reagito in maniera disperata e violenta per riportare l’ordine, ma non è servito a nulla. Oggi è chiaro che le proteste sono andate oltre l’aumento del biglietto. Come dice uno dei più popolari slogan: non sono 30 pesos, sono 30 anni. Il cile è infatti il paese dove il modello neoliberista del capitalismo si è imposto per primo e si è spinto più in là, grazie alla dittatura di Pinochet. Ma ora tutto ciò si è trasformato nel suo contrario e i giovani e i lavoratori stanno rifiutando in toto questo modello di sfruttamento.

Le masse cilene si stanno dotando di strumenti di democrazia diretta, assemblee popolari che si riuniscono periodicamente chiamate “cabildos abiertos”. Rompere con questo sistema non solo è possibile, ma è necessario. I lavoratori cileni ci stanno dando un’importante lezione: vieni a discuterne con noi!

Abbiamo organizzato tre assemblee a Milano, Bologna e Roma.

Sarà presente, direttamente dal Cile, Gustavo Burgos, direttore del sito della sinistra marxista www.elporteno.cl.

 

ROMALunedì 2 dicembre ore 18,30

BOLOGNAMercoledì 4 Dicembre, ore 17

MILANO – Giovedì 5 dicembre,  ore 18

 

Per tutte le info: [email protected] – 0266107298

 

Leggi anche:

Articoli correlati

“Viva la Rivoluzione socialista mondiale” – Entusiasmo alle stelle per Alan Woods all’assemblea di Bologna

La sala principale del circolo Arci Guernelli (che ringraziamo per l’ospitalità) ieri sera era stracolma per l’assemblea Revolution for future, introdotta da Alan Woods, segretario della Tendenza marxista internazionale, in Italia in questi giorni per un tour che, dopo Milano e Bologna, toccherà anche Napoli e Roma.

Sinistra classe rivoluzione Bologna contro i vergognosi sgomberi di Làbas e Crash

Esprimiamo la nostra totale solidarietà a Làbas e Crash e con fermezza ribadiamo la nostra determinazione nel fronteggiare questo modello di società che nulla ha da offrire a studenti, lavoratori e disoccupati.
Sosterremo attivamente iniziative di lotta che si batteranno contro chi questo modello propone, come la Giunta Merola che, con quest’ennesima operazione, ha confermato tutto il suo volto filopadronale e antisociale, ragioni per le quali dovrebbe andarsene.

Cile – L’accordo tra governo e opposizione è una trappola costituzionale

Un accordo tra il partito al potere e tutti i partiti dell’opposizione (ad eccezione del Partito comunista) sul percorso per una nuova costituzione è stato annunciato stamattina presto. Tutti (dai Democratici Cristiani, al Partito Socialista e al Frente Amplio) sono stati d’accordo a stare dentro il gioco dell ‘”unità nazionale” e hanno acconsentito a una “via d’uscita istituzionale”, comparendo nella stessa foto, tutti assieme, per le prime pagine dei giornali.

Milano, sabato 12 maggio – Seminario su Maggio 68 e populismo

I video delle relazioni svolte al seminario Populismo, dalle origini latinoamericane ai giorni nostri Nel maggio del 1968 le fondamenta del capitalismo tremavano nel cuore dell’Europa, aprendo un processo rivoluzionario

Le interviste di Scr continuano!

Sinistra classe rivoluzione continua le sue interviste! Ogni lunedì le troverai sul nostro canale youtube. Ti ricordiamo inoltre i nostri interventi  in videoconferenza del venerdì, sempre alle 18,30, sempre su

Cile – L’aumento del biglietto scatena un’insurrezione popolare

Il governo del capitale in Cile ha dichiarato guerra ai poveri. Ha dichiarato lo stato di emergenza e il coprifuoco nelle principali città, una misura che non era stata vista dal 1987, ai tempi della dittatura. Ci sono già stati undici morti. L’immensa rivolta popolare ha messo gravemente in difficoltà il governo che reagisce in maniera disperata. È in atto una mobilitazione storica mai vista dalle proteste che portarono alla caduta del dittatore Pinochet.