23 Settembre 2015

Ciao compagna Miranda

Dopo una breve malattia, ieri è venuta a mancare la compagna Miranda Belletti.

Storica sostenitrice della nostra battaglia all’interno del partito della Rifondazione Comunista e delle nostre iniziative. Dopo la parabola discendente del partito con entusiasmo aveva accettato di diffondere il nostro giornale, FalceMartello, nel proprio quartiere, a Bologna.

La ricorderemo come una combattente che ha speso la vita per la causa degli oppressi e fonte di ispirazione per le nuove generazioni.

Che la terra ti sia lieve, ciao compagna Miranda.

Articoli correlati

Francia – Dopo il secondo turno, preparare la controffensiva al governo Macron !

Lo scorso fine settimana in Francia, durante il secondo turno delle elezioni legislative, il 57,4% degli elettori non si è recato alle urne. La composizione della nuova Assemblea Nazionale è più che mai slegata dalla realtà politica del paese.

É l’ora! Sinistra di classe anche alle elezioni!

Il nostro movimento si impegna, assieme ad altre forze della sinistra rivoluzionaria, affinché nell’imminente scontro elettorale sia presente una lista che rappresenti in modo coerente il punto di vista di classe, di chi lavora e subisce lo sfruttamento di questo sistema economico.

Pakistan – Quando il terrorismo diventa una risorsa strategica!

Nella sera di domenica 28 marzo, un attentatore suicida si è fatto esplodere in un parco giochi a Lahore. Fino ad ora sono almeno 72 i morti accertati e più di 250 i feriti.

Il “grande gioco” delle cooperative di distribuzione

Era facilmente prevedibile che la crisi economica e il conseguente calo di vendite, dovuto a disoccupazione e cassa integrazione, avrebbe avuto conseguenze importanti sulla grande distribuzione, privata e cooperativa. Che

Dichiarazione di voto contraria sull’elezione della Segretaria FP CGIL

L’8 Giugno l’Assemblea Generale della FP CGIL ha eletto la nuova Segretaria Serena Sorrentino su proposta dei Centri Regolatori, dopo 6 anni di Segreteria Dettori.

25 APRILE – Basta tricolore e unità nazionale: la Resistenza fu “rossa” !

Non c’è nessuna seria ragione per festeggiare il 25 aprile con un abbraccio, fisico o simbolico che sia, tra “tutti gli italiani”. Per questo, dopo Bella Ciao intoneremo Fischia il vento e Bandiera Rossa. E troveremo nuova energia e unità per batterci contro governo e padroni che, oggi, vorrebbero scaricare tutto il peso della catastrofe sanitaria su lavoratori, pensionati e giovani.