23 Settembre 2015

Ciao compagna Miranda

Dopo una breve malattia, ieri è venuta a mancare la compagna Miranda Belletti.

Storica sostenitrice della nostra battaglia all’interno del partito della Rifondazione Comunista e delle nostre iniziative. Dopo la parabola discendente del partito con entusiasmo aveva accettato di diffondere il nostro giornale, FalceMartello, nel proprio quartiere, a Bologna.

La ricorderemo come una combattente che ha speso la vita per la causa degli oppressi e fonte di ispirazione per le nuove generazioni.

Che la terra ti sia lieve, ciao compagna Miranda.

Articoli correlati

Adiosu, compagno Enzo

Pesa dover scrivere qualche riga su un compagno che ancora si immagina vicino. È impossibile far scorrere le dita sulla tastiera senza che le lacrime bagnino le une e l’altra.

Rivoluzione n° 12

Lavorare senza fine? Diciamo no!

Brasile: Unità in difesa dei diritti e delle conquiste dei lavoratori! Indipendenza e lotta di classe!

Il volantino diffuso da Esquerda marxista, la sezione brasiliana della Tmi, nel corteo dello scorso 31 marzo a San Paolo.

25 APRILE – Basta tricolore e unità nazionale: la Resistenza fu “rossa” !

Non c’è nessuna seria ragione per festeggiare il 25 aprile con un abbraccio, fisico o simbolico che sia, tra “tutti gli italiani”. Per questo, dopo Bella Ciao intoneremo Fischia il vento e Bandiera Rossa. E troveremo nuova energia e unità per batterci contro governo e padroni che, oggi, vorrebbero scaricare tutto il peso della catastrofe sanitaria su lavoratori, pensionati e giovani.

Cronache dalla Crisi – ISEM di Vigevano: flessibilità, esternalizzazioni e cassa integrazione

Pubblichiamo volentieri un’intervista a un delegato sindacale della Isem di Vigevano fatta dai nostri compagni di Sinistra Classe Rivoluzione di Pavia. È un esempio di sfruttamento della classe lavoratrice da parte di una proprietà senza scrupoli.

É l’ora! Sinistra di classe anche alle elezioni!

Il nostro movimento si impegna, assieme ad altre forze della sinistra rivoluzionaria, affinché nell’imminente scontro elettorale sia presente una lista che rappresenti in modo coerente il punto di vista di classe, di chi lavora e subisce lo sfruttamento di questo sistema economico.