23 settembre 2015

Ciao compagna Miranda

Dopo una breve malattia, ieri è venuta a mancare la compagna Miranda Belletti.

Storica sostenitrice della nostra battaglia all’interno del partito della Rifondazione Comunista e delle nostre iniziative. Dopo la parabola discendente del partito con entusiasmo aveva accettato di diffondere il nostro giornale, FalceMartello, nel proprio quartiere, a Bologna.

La ricorderemo come una combattente che ha speso la vita per la causa degli oppressi e fonte di ispirazione per le nuove generazioni.

Che la terra ti sia lieve, ciao compagna Miranda.

Articoli correlati

Il giorno della donna

In occasione della Giornata internazionale della donna, oggi 8 marzo pubblichiamo questo articolo scritto nel 1913 da Aleksandra Kollontaj, rivoluzionaria russa e dirigente del partito bolscevico.

Cronache dalla Crisi – ISEM di Vigevano: flessibilità, esternalizzazioni e cassa integrazione

Pubblichiamo volentieri un’intervista a un delegato sindacale della Isem di Vigevano fatta dai nostri compagni di Sinistra Classe Rivoluzione di Pavia. È un esempio di sfruttamento della classe lavoratrice da parte di una proprietà senza scrupoli.

Contro l’offensiva padronale – La soluzione è solo nella lotta!

Ad aprile è circolato a Modena il volantino di un’agenzia interinale che offriva manodopera sottocosto. Il volantino recitava: “Vinci la crisi con lavoratori interinali a contratto rumeno. Risparmi il 40

Classe, partito, direzione

Perché è stato sconfitto il proletariato spagnolo (questioni di teoria marxista) In questo articolo Lev Trotskij controbatte efficacemente, delineando un bilancio della sconfitta della rivoluzione spagnola degli anni Trenta, alle

Dichiarazione di voto contraria sull’elezione della Segretaria FP CGIL

L’8 Giugno l’Assemblea Generale della FP CGIL ha eletto la nuova Segretaria Serena Sorrentino su proposta dei Centri Regolatori, dopo 6 anni di Segreteria Dettori.

Il “grande gioco” delle cooperative di distribuzione

Era facilmente prevedibile che la crisi economica e il conseguente calo di vendite, dovuto a disoccupazione e cassa integrazione, avrebbe avuto conseguenze importanti sulla grande distribuzione, privata e cooperativa. Che