3 novembre 2017

Catalogna – Libertà per i prigionieri politici! Respingiamo il 155! Sciopero generale!

Pubblichiamo la traduzione del volantino che i compagni di Revolució, il giornale catalano della Tendenza marxista internazionale, stanno distribuendo in queste ore nelle proteste di massa contro l’arresto di otto ministri del governo catalano. La magistratura spagnola ha chiesto l’estradizione anche per Puidgemont e altri quattro ministri attualmente in Belgio. Anche l’ufficio di presidenza del Parlamento catalano è sotto inchiesta per aver permesso la discussione sulla dichiarazione d’indipendenza.

Nella Spagna del 21° secolo, sostenuta da tutta l’Unione europea, consentire che avvenga un dibattito in parlamento e perseguire la realizzazione di un elementare diritto democratico come quello dell’autodeterminazione è un reato. Tutta l’esperienza di questi ultimi due mesi in Catalogna dimostra che la conquista dei diritti democratici può arrivare solo tramite metodi rivoluzionari e la messa in discussione del sistema economico capitalista.

La reclusione senza cauzione degli otto membri del governo che si erano recati a testimoniare dinanzi all’Alta corte spagnola è uno scandalo assoluto e una grave violazione dei diritti democratici più elementari da parte del regime del ‘78. Ricordiamo che pagano per aver organizzato il referendum dell’indipendenza dal 1 ° ottobre, cioè per l’esercizio di un diritto democratico fondamentale che era stato approvato dal Parlamento della Catalogna.

Le accuse di “ribellione” e “sedizione” sono un retaggio del codice penale Franchista del 1944, mantenute senza modifiche da parte del regime del ‘78. Anche così, perché vi sia un reato di ribellione sarebbe necessaria una “sollevazione violenta”, che il Primo ottobre non si è verificata in nessun caso. Di ciò non sembrano preoccuparsi il procuratore o il giudice dell’Alta Corte nazionale. Si dimostra ancora una volta che stiamo assistendo a un processo politico contro i diritti democratici del popolo catalano e alla difesa di uno dei pilastri fondamentali del regime del 1978: l’unità della Spagna imposta con la forza e garantita dalle Forze Armate.

L’intenzione è chiara: utilizzare la repressione giudiziaria al suo massimo livello per impartire una lezione a coloro che hanno osato sfidarli.
Ogni democratico coerente ha il dovere di difendere senza titubanze gli imputati e chiedere la loro liberazione immediata, con il proscioglimento da tutte le accuse. Siamo radicalmente contro molte delle politiche sociali ed economiche che questo governo ha applicato, tuttavia, gli incarcerati non sono accusati di questo, ma di aver intrapreso misure concrete per esercitare il diritto democratico all’autodeterminazione. Ecco perché li difendiamo incondizionatamente contro la repressione dello Stato spagnolo. Ci riserviamo, naturalmente, il diritto di criticare le loro politiche e la loro inconsistenza nella difesa dei diritti democratici e nazionali della Catalogna, e la loro strategia inefficace di difesa della Repubblica proclamata il 27 ottobre.

Il regime del ‘78 ha dimostrato fermezza nella difesa dei suoi interessi reazionari. Dobbiamo rispondere allo stesso modo. Facciamo appello a partecipare in maniera massiccia alle manifestazioni di protesta che sono state già convocate oggi e domani, e nella cacerolada di questa sera alle 22 (ieri, ndt). Ma questo non basta; pensiamo che dobbiamo proseguire nelle mobilitazioni per chiedere la libertà dei prigionieri politici, respingere il 155 e lottare per rendere la Repubblica catalana una realtà.

È necessaria una risposta che passi attraverso massicce assemblee dei Comitati di Difesa della Repubblica (CDR) e la creazione di nuovi comitati dove ancora non esistano. Assemblee generali nelle università, il blocco delle attività nelle università e nei centri di studio domani, venerdì. Assemblee nei luoghi di lavoro, sempre domani. Lo sciopero generale degli studenti e manifestazioni in tutte le città! Una grande manifestazione nazionale domenica a Barcellona. Lunedi, sciopero generale per fermare il paese. Riunione nazionale del CDR, dei sindacati e delle organizzazioni per discutere una strategia di lotta continua e crescente per ottenere le nostre richieste.

Libertà senza accuse per i prigionieri politici!
Mobilizzazione di massa nelle piazze!
Respingiamo il 155!
Sciopero generale!
Facciamo diventare la Repubblica catalana una realtà con la lotta rivoluzionaria

REVOLUCIÓ – Corriente Marxista Internazionale
2 novembre 2017

Articoli correlati

Bilancio delle elezioni in Catalogna: solo una politica socialista e rivoluzionaria potrà risolvere la questione nazionale

Le elezioni catalane della scorsa domenica hanno mostrato una società polarizzata, quasi in parti uguali, tra i partiti indipendentisti e tra quelli che invece vogliono continuare a fare parte dello stato spagnolo.

Spagna – La lotta dei portuali: “Nessun passo indietro!”

Il 6 marzo comincerà uno sciopero di nove giorni contro una riforma del settore portuario promossa dal governo di destra di Rajoy. Questa riforma prevede la distruzione dei diritti e delle condizioni dei portuali, liberalizzando i licenziamenti.

Elezioni catalane: un forte voto indipendentista non raggiunge per poco la maggioranza assoluta

Sulla base di un’affluenza decisamente in crescita, pari al 77% (10 punti in più del 2012) le elezioni catalane hanno fornito una maggioranza di seggi ai partiti favorevoli all’indipendenza i quali, tuttavia, non hanno raggiunto una maggioranza assoluta di voti.

Spagna: la crisi del Partito Socialista apre la strada ad un governo di destra

La crisi del Partito socialista spagnolo (PSOE), che si è aperta conun colpo di mano contro il suo leader Pedro Sanchez, si è risolta nel fine settimana con una vittoria decisiva dei golpisti. Questo apre la strada ai vincitori, riuniti intorno al presidente dell’Andalusia, Susana Diaz, e consente la formazione di un governo di destra del Partito Popolare.

Spagna – L’accordo elettorale tra Podemos e IU scatena l’entusiasmo popolare e provoca il panico del regime

Il 9 maggio scorso è stato concluso l’accordo elettorale tra Podemos e Izquierda Unida (IU) per correre uniti alle elezioni del prossimo 26 giugno, insieme alle liste collegate in Catalogna, Galizia e Comunità Valenciana.

La Spagna svolta a sinistra

Le elezioni del 20 dicembre scorso in Spagna hanno condotto a un nulla di fatto, ogni tentativo messo in campo dalla borghesia per dar vita ad un governo di “unità nazionale” è andato in fumo e a distanza di 6 mesi si torna a votare.
Si tratta di una sconfitta senza precedenti della classe dominante spagnola