16 Febbraio 2016

Castelfrigo: le cariche e le intimidazioni non fermano la lotta

Castelnuovo Rangone (Mo) – Alla Castelfrigo è ripreso lo sciopero ad oltranza con presidio, dopo che l’azienda ha interrotto in maniera unilaterale le trattative.

Dopo che a fine gennaio i lavoratori esterni, seguiti dalla maggioranza dei lavoratori diretti, erano scesi in sciopero richiedendo che venisse riconosciuta la loro reale mansione, l’azienda aveva accettato di aprire un tavolo di trattativa. I lavoratori decidevano quindi di sospendere la mobilitazione (vedi Rivoluzione n.14).

A quel punto la Castelfrigo è tornata ad assumere un atteggiamento intransigente, chiudendo ogni possibile discussione.

Ma non ha fatto i conti con la determinazione dei lavoratori, che giovedì sono immediatamente tornati in sciopero ad oltranza, bloccando completamente la produzione.

Una determinazione tale che ha spinto la Cgil a organizzare la mobilitazione, un tendone per ripararsi dalla pioggia battente e come punto ristoro, oltre che a portare lavoratori, delegati sindacali e i direttivi Fiom e Flai al completo davanti all’azienda in supporto ai facchini e ai picchettaggi.

L’azienda si sente forte non solo dell’appoggio dalle altre industrie del settore per le quali il riconoscimento delle leggi e quindi i diritti dei lavoratori, non e’ altro che una perdita di profitti quindi ben vengano le false cooperative che portano manodopera a basso costo, ma anche dalla politica, visto che nei giorni scorsi il deputato del Pd Matteo Ricchetti (ma non dubitiamo che abbia l’appoggio del partito al complete) ha definito lo lotta alla Castelfrigo come “scioperi contro chi vuole lavorare”.

È in questo contesto che i padroni della Castelfrigo, hanno chiamato dei vigilantes e le forze dello stato per contrastare i picchetti. Dopo che venerdi scorso la polizia ha intimidito i lavoratori che volevano parlare con i (pochi) facchini che cercavano di entrare, ieri mattina ha effettuato una carica contro il picchetto. Il carattere intimidatorio è palese, dal momento che, a parte alcuni tempi determinati, i lavoratori, sia diretti che indiretti, sono rimasti fuori dai cancelli.

Il morale al presidio è alto, come pure la determinazione.

oggi ci sarà un ulteriore incontro tra l’azienda, i lavoratori e i rappresentanti di Flai e Filt. Se non ci saranno dei passi indietro da parte dei padroni, va alzato il livello dello scontro, organizzando una cassa di resistenza e uno sciopero provinciale, perché come stanno dimostrando queste giornate, non ci sono istituzioni amiche, ma solo la lotta unita dei lavoratori.

Articoli correlati

Almaviva – I lavoratori bocciano sonoramente l’accordo!

L’accordo è sonoramente bocciato dai lavoratori, a Palermo, dove si concentrano più della metà dei licenziamenti, i No sono stati 2.519 (il 95 per cento) contro appena 110 Sì. Anche a Roma (900 esuberi) e a Napoli (400 esuberi) il No vince con percentuali bulgare.

WHIRLPOOL – Lotta dura, accordo al ribasso

Governo, sindacati e azienda si uniscono in un coro entusiasta: l’accordo firmato il 2 luglio salvaguarda, a loro dire, i posti di lavoro, cancella la minaccia dei 2.060 esuberi e

Proges – Come perdere una lotta senza sparare un colpo

Quando una cooperativa perde un appalto in favore di un’altra, quella subentrante è obbligata per legge all’assunzione dei lavoratori che sono impiegati in quel cantiere alle stesse condizioni a cui

Bormioli – Una lotta che riguarda tutti i lavoratori

Il volantino che oggi diffonderemo agli operai e agli impiegati della Bormioli di Fidenza.

Modena, vertenza Italpizza: in lotta contro un sistema schiavista!

Nella lotta della Italpizza stiamo rivedendo un film già visto alla Castelfrigo negli scorsi anni. Un sistema di ipersfruttamento ad opera di aziende con giri d’affari esorbitanti che, approfittando della Legge Biagi, macinano profitti sulla pelle di lavoratori per lo più stranieri sottoposti a condizioni disumane tramite il gioco delle finte cooperative e della intermediazione di manodopera.

Almaviva: l’unico esubero è Tripi

Non c’è pace per i lavoratori di Almaviva. Dopo la vertenza della scorsa estate, conclusa col ritiro di 3mila esuberi in cambio di nuovi ammortizzatori sociali per l’azienda, ecco che a settembre si è aperta una nuova ristrutturazione.