21 Novembre 2022 Alex Grant (da marxist.ca)

Canada: La minaccia di uno sciopero generale sconfigge la legislazione “back-to-work”

Per la prima volta, i lavoratori canadesi hanno imposto il ritiro della legislazione “back-to-work” [che in Canada rende illegale uno sciopero].
La lotta esemplare dei 55.000 lavoratori dell’istruzione dell’Ontario ha ottenuto un’importante vittoria parziale. Il governo pensava di schiacciare i lavoratori rendendo preventivamente illegale il loro sciopero, imponendo un contratto e violando i loro diritti costituzionali con la “clausola di deroga” [notwithstanding clause, che permette alcune deroghe ai diritti della costituzione canadese, tra cui il diritto di sciopero]. Ma invece il regime di Doug Ford (il primo ministro dell’Ontario, ndt) ha provocato uno sciopero illegale che si stava diventando uno sciopero generale in tutto l’Ontario. Di fronte all’immenso potere dei lavoratori, il governo ha esitato e accettato di ritirare la legislazione. Dobbiamo riconoscere che questo è un colpo significativo all’uso della legislazione antisciopero da parte dei governi capitalisti, pur riconoscendo che la lotta per l’istruzione non è finita e i lavoratori non hanno ancora un contratto.

Il fatto che un movimento illegale per uno sciopero generale possa esplodere nel giro di una settimana mostra la rabbia latente nella classe operaia. I lavoratori dell’istruzione dell’Ontario non hanno nulla di speciale e non c’è niente di particolarmente radicale nella loro direzione sindacale. Questi lavoratori affrontano gli stessi problemi che affrontano tutti i lavoratori: decenni di erosione salariale a causa dell’austerità del governo e delle imprese, e la prospettiva di impoverirsi a causa dell’impennata dell’inflazione. Una tale lotta avrebbe potuto scoppiare letteralmente in qualsiasi settore della classe operaia canadese. Ma va riconosciuto del personale di supporto scolastico organizzato nel Sindacato canadese dei dipendenti pubblici (CUPE) di aver aperto la strada.

 

L’escalation dello sciopero

La rapida escalation di questo conflitto è davvero sbalorditiva. Domenica 30 ottobre il CUPE ha annunciato che avrebbe scioperato legalmente venerdì 4 novembre. CUPE chiedeva un modesto aumento di 3,25 dollari all’ora ora (circa l’11%) ogni anno del contratto triennale. Ciò compenserebbe i lavoratori solo per il salario perso nell’ultimo decennio e consentirebbe loro di impedire che i loro salari vengano erosi dall’inflazione attuale. In un’epoca di aumento dei prezzi e di speculazione aziendale, è giusto che i lavoratori non diventino più poveri. Il loro avviso di sciopero era più che giustificato dal fatto che il governo offriva solo il 2 %, e quella misera offerta non si applicava nemmeno a tutti i lavoratori.

Subito dopo la convocazione dello sciopero del CUPE, il ministro dell’istruzione Stephen Lecce ha annunciato un nuovo decreto che cancella il diritto di sciopero per i lavoratori dell’istruzione. Questa cosiddetta legislazione “back-to-work” è diventata comune nelle controversie di lavoro canadesi e ha progressivamente eroso il diritto di sciopero. Tuttavia, questo decreto in particolare era particolarmente perverso. In genere la legislazione back-to-work impone un arbitrato vincolante per il contratto in questione. Per quanto l’arbitrato sia una violazione dei diritti democratici dei lavoratori e in genere porti a un cattivo contratto, in questo caso non lo hanno nemmeno proposto. Invece, il decreto ha imposto un contratto senza alcun ulteriore coinvolgimento da parte dei lavoratori o del loro sindacato. Questo imponeva aumenti salariali limitati al 2,5%, circa il 5% al di sotto dell’inflazione, e allo stesso tempo ridotto in modo massiccio le disposizioni sul congedo di invalidità.

Il decreto prevedeva anche multe di 500.000 dollari al giorno per i sindacati e 4000 dollari al giorno per i singoli lavoratori che sfidavano la legislazione back-to-work e scendevano in sciopero illegalmente. La provocazione finale è arrivata con l’uso senza precedenti della clausola di deroga per ignorare la Costituzione canadese. Nel 2015 la Corte Suprema del Canada ha stabilito che il diritto di sciopero era una componente della libertà di associazione protetta dalla Costituzione. Mentre la clausola di deroga imponeva che non potessero esserci contestazioni legali alla legislazione e che i lavoratori non potessero fare ricorso.

Questi eventi hanno messo la direzione del sindacato con le spalle al muro, senza opzioni per salvare la faccia. In passato, di fronte alla legislazione back-to-work, le burocrazie sindacali, e persino alcuni esponenti della sinistra, hanno affermato che non c’era nulla da fare, dicendo che “la legge non può essere violata”. Si affidavano semplicemente all’arbitrato vincolante e ad un ricorso alla Corte costituzionale, che avrebbe richiesto fino a un decennio attraverso i tribunali. Questo atteggiamento aveva sempre smobilitato i lavoratori portando ad una sconfitta.

I marxisti hanno sempre sostenuto che fino a quando un gruppo di lavoratori non sfida la legislazione sul ritorno al lavoro, il diritto di sciopero non vale la carta su cui è scritto. Siamo stati liquidati come utopisti, nonostante il fatto che il movimento operaio oggi esiste solo perchè i lavoratori sono stati disposti in passato a sfidare leggi ingiuste che rendevano illegali gli scioperi e i sindacati.

Tuttavia, in questo caso la mancanza di arbitrato o ricorso legale non ha dato alla direzione sindacale alcuna via d’uscita. La scelta era una capitolazione vergognosa o una lotta decisa. Il voto a favore dello sciopero del 96% su un’affluenza dell’83% ha esercitato sui vertici sindacali una pressione immensa. I lavoratori non potevano sopportare di perdere un quinto del loro reddito per quattro anni.

In un ultimo disperato tentativo di placare il governo, la direzione sindacale ha dimezzato la richiesta salariale a circa il 6%. In questo modo hanno violato il loro impegno a contrattare apertamente. Ma questa ritirata ha avuto l’effetto opposto e ha semplicemente fatto sì che il governo rifiutasse di contrattare. Quella dimostrazione di debolezza ha portato ad un attacco. Ciò sottolinea l’importanza del controllo del movimento da parte dei lavoratori in ogni fase, per evitare gli errori e l’arretramento dei dirigenti.

Non avendo alcuna alternativa, il sindacato ha organizzato uno sciopero illegale venerdì 4 novembre.

 

Da sciopero illegale a sciopero generale

È stata una dimostrazione di forza davvero impressionante sui prati del palazzo del Parlamento dell’Ontario a Toronto. Oltre 10.000 lavoratori e loro sostenitori hanno marciato contro la violazione dei diritti dei lavoratori. Erano appoggiati da altri picchetti più piccoli in tutta la provincia. La legislazione back-to-work di Doug Ford ha avuto l’effetto opposto a quello desiderato e ha portato alla completa chiusura del sistema scolastico dell’Ontario. È stata la prima sfida a questa legislazione in una generazione.

Tuttavia, una questione importante era irrisolta: sarebbe stato un solo giorno di protesta, o l’inizio di uno sciopero illegale a oltranza. La destra del sindacato era sicuramente a favore della smobilitazione durante il fine settimana. Va detto però che la presidente dell’Ontario School Board of Unions (OSBCU) Laura Walton e il presidente del CUPE Ontario Fred Hahn, hanno risposto positivamente alle pressioni dei lavoratori e hanno annunciato che sarebbe stato uno sciopero illegale a oltranza. È bastata una piccola dose di direzione decisa da parte di quella che di solito è una burocrazia dedita al compromesso per ottenere una vittoria storica. Impegnarsi ad una lotta a oltranza e tornare al lavoro solo quando i lavoratori lo avrebbero deciso è stato il punto di svolta.

Una volta che i lavoratori dell’istruzione si sono coraggiosamente impegnati nella lotta, è stata sollevata la questione se sarebbero stati lasciati soli e isolati. Sarebbero stati terrorizzati fino alla resa da multe da centinaia di milioni di dollari al giorno? 4000 dollari al giorno è il 10% del salario annuo del lavoratore medio nel settore dell’istruzione!

I dirigenti sindacali si sono incontrati durante il fine settimana in riunioni sicuramente tese. Ma domenica sera sono iniziate a circolare voci secondo cui ci sarebbe stata una conferenza stampa lunedì mattina che avrebbe annunciato uno sciopero generale in Ontario per la settimana successiva.

Ancora una volta, non si può sottolineare abbastanza la natura senza precedenti di questi sviluppi. Per decenni ai militanti operai era stato detto che non si può fare uno sciopero illegale, e che sicuramente non si può avere uno sciopero generale, ma in una settimana tutte quelle scuse burocratiche conservatrici erano state gettate nella pattumiera della storia dalla forza della classe operaia.

Gioco di parola tra Lecce (il ministro) e “leech” (sanguisuga), che “ci succhia via i nostri diritti”

E i lavoratori dell’istruzione non erano isolati nella loro lotta. CUPE ha riferito che 75.000 persone hanno usato il loro sito web per inviare messaggi di protesta al governo. Un sondaggio ha rilevato che il 62% degli abitanti dell’Ontario si è opposto al governo, e questo dato salita al 68% per i genitori degli studenti. Questo era abbastanza sorprendente dato che Ford e Lecce sostenevano di difendere gli interessi proprio dei genitori. Il 71% voleva che il governo negoziasse un accordo migliore, e il 78% ha detto che i lavoratori dell’istruzione non sono pagati abbastanza. Inoltre, il 48% ha dichiarato che avrebbero supportato azioni illegali di sciopero di solidarietà, e il 65% del settore privato e il 70% dei membri del sindacato del settore pubblico erano a favore. In sostanza, questi sondaggi indicavano che anche altri settori erano disponibili a scendere in sciopero

All’alba di lunedì mattina, mentre gli scioperanti illegali organizzavano i picchetti, c’era una reale prospettiva di solidarietà di massa in un movimento con la potenzialità di far cadere il governo.

 

La ritirata umiliante di Ford

Data la concreta possibilità che i sindacati annunciassero la preparazione dello sciopero generale, Ford e Lecce hanno organizzato una conferenza stampa alle nove del mattino. In una sconclusionata e incoerente invettiva contro il CUPE, Ford ha annunciato che avrebbe abrogato la clausola di deroga, a condizione che il CUPE ritirasse i picchetti. Ciò ha portato a una confusione generale sul fatto che si trattasse di una strategia o di un’offerta seria.

I rappresentanti sindacali hanno chiesto a Ford di mettere per iscritto la sua offerta e hanno ritardato la propria conferenza stampa per esaminarla. Alla fine, con quasi due ore di ritardo, decine di dirigenti sindacali sono apparsi davanti alle telecamere. È significativo il fatto che il gruppo di sindacati presenti rappresentasse sia il settore pubblico che quello privato, compresi i sindacati del settore edilizio che in precedenza avevano appoggiato i conservatori di Ford sulla base di nuovi progetti infrastrutturali.

La prospettiva della generalizzazione della legislazione back-to-work e la clausola di deroga avevano unito tutti i settori del movimento operaio contro lo sradicamento del diritto di sciopero e di contrattazione. Anche i sindacati del Quebec parlavano di recarsi a Toronto per unirsi alla lotta, un altro evento senza precedenti date le divisioni storiche tra le province anglofone del Canada e il Quebec francofono. Sembrava che lo sciopero generale potenziale avrebbe raggiunto ogni settore della forza lavoro.

Il presidente nazionale del CUPE Mike Hancock ha annunciato che il governo aveva ceduto. Avevano un impegno scritto che l’intero decreto back-to-work, compreso il contratto imposto e la clausola di deroga, dovesse essere abrogato come se non fosse mai stato approvato. Nessuno avrebbe ricevuto multe e le parti sarebbero tornate al tavolo delle trattative. Come segno di buona fede il sindacato avrebbe eliminato i picchetti illegali. Laura Walton ha successivamente affermato che il sindacato manteneva il diritto di tornare in sciopero se necessario.

È fondamentale comprendere l’importanza di questo evento, che sarebbe stato impossibile senza scioperi illegali di massa e la minaccia di uno sciopero generale. Per quanto ne sappiamo, la legislazione sul ritorno al lavoro non è mai stata abrogata prima. Questo dimostra la forza dei lavoratori.

Tuttavia, è anche importante capire che questa è solo una vittoria parziale contro la violazione del diritto di sciopero. Non è ancora una vittoria completa contro la moderazione salariale e l’inflazione. Questa è la fase successiva della lotta.

 

Quali tattiche per vincere?

I leader sindacali dichiarano che la sconfitta della legislazione back-to-work è una grande vittoria. In un’intervista radiofonica Laura Walton ha detto che i lavoratori hanno preso coraggio e sono pronti a tornare ai picchetti se necessario. CUPE Ontario ha inviato un messaggio ai sostenitori affermando: “Domani i lavoratori dell’istruzione torneranno al lavoro e noi torneremo al tavolo di trattativa. Saremo pronti a ricordare ai Conservatori di Ford che, se non sono disposti a negoziare un buon accordo, i membri avranno e potranno esercitare il diritto di sciopero se necessario. E ricorderemo ai Conservatori di Ford che l’intero movimento operaio sarà ancora una volta pronto a mostrare il loro sostegno in ogni modo necessario fino a quando non verrà raggiunto un accordo”.

Parlando con i lavoratori in prima linea, sembra che il sentimento della stragrande maggioranza sia di sollievo per il fatto che la legislazione era stata sconfitta e nessuno debba preoccuparsi di multe di 4000 dollari.

Martedì mattina Ford è apparso di nuovo davanti alle telecamere, ringraziando mestamente il CUPE e dicendo che il governo avrebbe presentato un’offerta migliorata ai lavoratori.

È chiaro che la situazione è favorevole per i lavoratori e il governo è in una posizione debole. Anche gli esperti di destra lo hanno detto. Un editoriale del Globe and Mail esprimeva così la frustrazione della borghesia:

L’inversione di rotta del governo Ford era necessaria, ma ha effetti collaterali negativi. Se l’obiettivo di questo mandato era di moderare le richieste salariali del settore pubblico, come può tutto ciò che è stato fatto finora raggiungere questo obiettivo? Non è così.

Il governo Ford si è invece indebolito, ha minato il proprio sostegno pubblico e ha stimolato i suoi sindacati del settore pubblico già sul piede di battaglia a richiedere grandi aumenti salariali. Tutto questo, in appena una settimana di lavoro a Queen’s Park (le sede del governodell’Ontario, ndt)”.

Ci dovrebbe essere un enorme cambiamento nell’opinione pubblica prima che Ford potesse considerare di nuovo l’uso della legislazione back-to-work contro i lavoratori.

Mentre la maggior parte dei lavoratori ha tirato un sospiro di sollievo, c’era anche un piccolo strato avanzato di lavoratori che volevano continuare lo sciopero illegale. Nell’estrema sinistra c’è un dibattito sul fatto che porre fine allo sciopero illegale sia stato un errore o addirittura un tradimento da parte della direzione sindacale.

Lodiamo con tutto il cuore i lavoratori avanzati per il loro istinto di classe combattivo nel voler continuare lo sciopero illegale. Pensiamo che questi lavoratori abbiano perfettamente ragione ad essere scettici sulle motivazioni delle burocrazie sindacali che cercavano qualsiasi scusa per interrompere e compromettere la lotta. Tuttavia, consigliamo anche a questi lavoratori combattivi di non porsi troppo avanti rispetto al resto della classe lavoratrice e quindi trovarsi isolati ed essere sconfitti.

È necessario che i settori più coscienti della classe portino con sé la massa dei lavoratori e li educhino attraverso l’esperienza della lotta. A differenza dei rivoluzionari, la massa della classe operaia non impara dai libri, ma dagli eventi del mondo reale. La gente era pronta per uno sciopero illegale, e uno sciopero generale, per il rovesciamento della legislazione dittatoriale. Ma non sono necessariamente preparati per azioni così radicali per un aumento salariale, specialmente quando c’è potenzialmente una via legale per ottenere un tale aumento. Ciò che è vero per la massa dei membri del sindacato sarebbe vero anche per l’opinione pubblica generale.

Se la conferenza stampa di Ford avesse rappresentato un attacco bellicoso ai lavoratori invece di un passo indietro, ci saremmo potuti trovare di fronte a uno scenario molto diverso. Se avesse detto che avrebbe multato e imprigionato 55.000 lavoratori dell’istruzione, avrebbe versato più benzina sul fuoco e il movimento di sciopero generale sarebbe probabilmente esploso in un movimento di massa per far cadere il governo. Questo è ciò che accadde in Francia nel 1968, quando il presidente De Gaulle accusò gli studenti in sciopero di essere bambini che la facevano nel letto. In uno scenario del genere, porre fine allo sciopero significherebbe dare un’ancora di salvezza a un regime vacillante.

Ma Ford ha fatto marcia indietro. E nonostante i marxisti avanzino la parola d’ordine “ROVESCIAMO IL GOVERNO DI FORD”, questo non è lo stato attuale della coscienza della massa operaia. La continuazione di uno sciopero illegale in questa fase potrebbe essere intesa solo come un tentativo di abbattere il regime. Se l’avanguardia non riuscisse a portare con sé la maggioranza del sindacato e l’opinione pubblica in una tale lotta, una vittoria parziale verrebbe trasformata in isolamento e sconfitta. In questo contesto sconsigliamo qualsiasi azione avventurista, pur tenendo d’occhio allo stesso tempo la direzione sindacale contro qualsiasi arretramento o violazione del controllo della base. Non ci deve essere smobilitazione e i lavoratori devono essere pronti a tornare ai picchetti in un attimo.

 

Sciopero per i 3.25 dollari l’ora!

I negoziati con il governo sono ripresi e la legislazione dovrebbe essere abrogata lunedì prossimo. La maggior parte dei lavoratori vuole vedere cosa ha da offrire il padrone. Dobbiamo ricordare a tutti che 3,25 l’ora è in realtà una richiesta incredibilmente modesta da parte del sindacato che riporta semplicemente i lavoratori al punto in cui erano dieci anni fa e impedisce che il loro salario venga eroso dall’inflazione. Non ci può essere assolutamente alcun arretramento sull’11% di aumento: qualsiasi cosa inferiore a 3,25 l’ora è un taglio di stipendio!

Dobbiamo esigere una contrattazione aperta e un controllo da parte della base. Non dobbiamo dimenticare l’errore commesso dai negoziatori nel fare compromessi sulle proprie richieste il giorno prima dello sciopero illegale. Se il governo indebolito non dà ai lavoratori ciò di cui hanno bisogno, i lavoratori devono immediatamente tornare ai picchetti. Qualsiasi proposta di arbitrato vincolante deve essere respinta con decisione. Non ci devono essere accordi dietro le quinte tra la burocrazia e il governo.

È vero che far rientrare i picchetti pone il pericolo di smobilitare i membri, ma questo pericolo può essere diminuito ci sono una mobilitazione e una discussione costante sulla necessità della lotta. Il governo non è nella posizione di emanare ulteriori leggi e i lavoratori hanno dimostrato che senza di loro le scuole non possono funzionare. Questo approccio è il modo per mostrare alla massa dei lavoratori nella pratica concreta la necessità della lotta. Se le persone vedono che il governo non è serio, possono imparare queste lezioni da sole e raggiungere l’unità necessaria per la vittoria. Il settore avanzato può anche portare con sé la massa senza essere isolato. Possiamo usare le vittorie precedenti e la forza dimostrata dai lavoratori come prova contro qualsiasi burocrazia che cerchi di capitolare. Possiamo dire che ci è stato detto che gli scioperi illegali e gli scioperi generali erano impossibili, ma è stata la base combattiva a mostrare come nulla possa sconfiggere il potere dei lavoratori uniti. Queste sono le tattiche necessarie per vincere.

 

Legislazione back-to-work = sciopero generale!

È giunto il momento che il movimento operaio spinga per rendere impossibile l’uso della legislazione back-to-work. I lavoratori della scuola dell’Ontario hanno dimostrato che la lotta di massa e la minaccia di uno sciopero generale sono ciò che serve per fermare l’erosione del diritto di sciopero. Questa esperienza deve essere generalizzata a tutto il movimento operaio canadese. Alla gente dovrebbe essere ricordato che non c’è stato un solo centesimo di multe contro i lavoratori o i sindacati. Deve essere diventare una pratica consolidata che qualsiasi uso del “back-to-work” porti alla resistenza immediata e all’organizzazione di uno sciopero generale.

E’ significativo il fatto che 2200 autisti di autobus nell’area di Toronto e Hamilton sono attualmente in sciopero a Toronto. Di solito questo porterebbe rapidamente alla legislazione back-to-work, ma il governo è stato vistosamente silenzioso dopo la sua sconfitta per mano dei lavoratori dell’istruzione. Questa esperienza deve essere la norma in tutto il paese.

 

Inflazione e crisi capitalista

La base di questa lotta è l’inflazione più alta da 40 anni. Questa alta inflazione non è dovuta ai salari dei lavoratori, che sono costantemente rimasti indietro rispetto agli aumenti dei prezzi, ma a causa del denaro stampato per finanziare i salvataggi aziendali. In passato, quando l’inflazione era bassa, le burocrazie sindacali potevano firmare contratti con aumenti dello zero o 1% che i lavoratori accettavano a malincuore. Ma ora, con i prezzi dei prodotti alimentari e degli affitti che aumentano di oltre il 10%, i lavoratori non possono sopportare tale austerità. I lavoratori inevitabilmente chiedono che i leader sindacali combattano per tenere il passo con l’inflazione o caccino i dirigenti inutili che non combattono.

Alcuni si sono chiesti perché Ford abbia intrapreso una dichiarazione di guerra come utilizzare la clausola di deroga. Anche il primo ministro liberale canadese Justin Trudeau si è opposto alla legislazione dell’Ontario in quanto violazione della costituzione. Non abbiamo assolutamente illusioni su Trudeau l’imbroglione liberale. Le sue parole trasudano ipocrisia, dopo che ha usato la legislazione back-to-work contro i lavoratori delle poste e dei portuali di Montreal. La sua preoccupazione è in parte un teatrino per ragioni elettorali per mettere in imbarazzo i suoi rivali conservatori. Ma sta principalmente incanalando le preoccupazioni della classe miliardaria canadese, che preferirebbe mantenere la classe operaia tranquilla con sotterfugi e accordi per svendere i diritti dei lavoratori dietro le quinte con la burocrazia sindacale. Non si dovrebbe svegliare il gigante addormentato del movimento operaio organizzato, come ha appena fatto il bullo Doug Ford.

Tuttavia, c’è un senso nella follia di Ford. C’era una ragione per cui non ha usato soltanto il metodo tradizionale dell’arbitrato vincolante. In primo luogo, con la sentenza della Corte Suprema del 2015 che ha confermato il diritto di sciopero, senza la clausola di deroga la legislazione potrebbe finire per essere molto costosa per il governo nei prossimi anni, pur con il ritardo nei procedimenti giudiziari. In secondo luogo, l’arbitrato non avrebbe dato al governo ciò di cui aveva bisogno. Ford ha giustamente affermato che qualsiasi cosa fosse stata negoziata con i lavoratori della scuola sarebbe diventata un modello per il resto del settore pubblico. Ciò potrebbe costare al governo decine di miliardi di dollari in una situazione di aumento dei tassi di interesse e servizio del debito più costoso. Se il giudice dell’arbitrato avesse proposto un aumento più alto, sarebbe stato insostenibile. Ma se il giudice avesse proposto un accordo basso, nessun settore di lavoratori avrebbe accettato l’arbitrato in futuro. È quindi la crisi capitalista che ha costretto Ford a intraprendere azioni rischiose come queste, che ora gli sono esplose in faccia.

La lotta dei lavoratori dell’istruzione dell’Ontario è solo la primo atto nella prossima guerra di classe. È responsabilità dell’intero movimento sostenere il CUPE per ottenere il miglior accordo che possa a sua volta diventare un modello per il resto dei lavoratori. Il sindacato del servizio pubblico dell’Ontario (OPSEU), che si è unito al CUPE nello sciopero illegale, ha persino detto che sarebbe pronto a bloccare l’intera provincia se necessario. Un’offesa a uno è un’offesa a tutti, e una vittoria per uno è una vittoria per tutti. Ma i capitalisti e i loro politici non prenderanno sottogamba questa sconfitta. Il loro sistema non può permettersi salari decenti per i lavoratori e cercheranno di cancellare ogni conquista dei lavoratori. Alla fine potrebbero anche essere pronti a provocare i lavoratori al punto da spingerli ad uno sciopero generale. Ciò solleva la necessità non solo di lottare per salari migliori contro l’inflazione capitalista, ma di rovesciare il sistema capitalista che crea tutta questa inflazione. Dobbiamo lottare per una direzione socialista del movimento operaio che possa garantire il controllo democratico dei lavoratori sui nostri sindacati e nessuna svendita delle lotte. Dobbiamo lottare per una società socialista in cui i lavoratori non siano costantemente sotto attacco da parte dei padroni. Questa vittoria parziale ci mostra che non c’è potere più forte della classe operaia. Il compito è quello di costruire un movimento che possa portare i lavoratori al potere.

 

8 novembre 2022

Articoli correlati

Lotta al precariato

Il forum Reddit r/AntiWork e la necessità di un’organizzazione rivoluzionaria

Viviamo in tempi turbolenti. Nel mezzo della pandemia, i lavoratori stanno rischiando la propria vita e la propria salute per pochi spiccioli mentre i padroni raccolgono profitti record. Siamo di fronte all’inizio di un significativo cambiamento nella coscienza della classe lavoratrice. Ma la natura aborre il vuoto, e la lotta di classe richiede una piattaforma nella quale esprimersi. Una parte di questo vuoto viene attualmente riempito da r/AntiWork, un subforum nella piattaforma online Reddit.

Nord America

La vittoria di Biden non è una vittoria per la classe operaia: gli Stati Uniti hanno bisogno di un partito dei lavoratori!

Joe Biden ha vinto le elezioni presidenziali 2020, per la gioia dell’establishment e per il sollievo di milioni di americani comuni stufi di Donald Trump. Tuttavia, la società statunitense rimane polarizzata, e Biden rappresenta la stessa politica borghese che ha portato all’ascesa di Trump. I lavoratori e i giovani hanno bisogno di una vera alternativa di classe al marcio Partito Democratico.

Nord America

La rinascita del socialismo in Usa

Abbiamo intervistato John Peterson, direttore di Socialist revolution, il periodico della sezione statunitense della Tmi, rispetto ai nuovi scenari che si aprono negli Usa con la crescente successo dei Democratic socialist of America (Dsa) e della rivista Jacobin.

Nord America

Stati Uniti: cosa deve fare la classe operaia per mettere fine al terrore poliziesco?

Nelle ultime settimane, gli Stati Uniti si sono avvicinati più che in qualsiasi altro momento a un chiaro sconvolgimento rivoluzionario. L’omicidio razzista di George Floyd da parte della polizia di Minneapolis ha innescato un movimento di proporzioni enormi, liberando decenni di malcontento che si era accumulato e giungendo perfino a livelli insurrezionali in molte città.

Cina

Cina contro Stati Uniti nel Pacifico: quali conseguenze per l’umanità?

Mentre la guerra in Ucraina sta monopolizzando tutta l’attenzione, nel Pacifico cova un conflitto di eguale importanza. La sua posta in gioco riguarda chi avrà il controllo di questa regione chiave: gli Stati Uniti o la Cina? A ben vedere, infatti, il perno della politica estera statunitense è rivolto contro la crescente influenza cinese.

Nord America

Negli Usa esplodono gli scioperi contro il Coronavirus!

La classe operaia americana sta passando all’offensiva contro la diffusione del Coronavirus negli Stati uniti e la gestione criminale dell’emergenza da parte di Donald Trump. Come in Italia, la chiusura totale (per ora valida in gran parte degli Stati dell’Unione, ma non in tutti) e il distanziamento sociale contengono una significativa eccezione: i lavoratori.