2 Novembre 2022 Comitato esecutivo di Esquerda Marxista

Brasile – Fronte unico del movimento operaio, studentesco e popolare per porre fine ai blocchi stradali pro-Bolsonaro

Bolsonaro non ha commentato finora i risultati elettorali perché non vuole accettare la sconfitta, ma non ha trovato alcun sostegno politico per mettere in discussione il risultato. Uno dopo l’altro, i suoi alleati hanno riconosciuto la vittoria di Lula-Alckmin, lasciando Bolsonaro sempre più isolato. Forse ha ancora qualche speranza che i blocchi stradali creati dai bolsonaristi radicalizzati possano crescere e fornirgli il sostegno di cui ha bisogno nelle strade per qualche avventura. Ma è una speranza vana. Le istituzioni borghesi non lasceranno a Bolsonaro che un’unica opzione possibile: quella di riconoscere la sconfitta.

Tuttavia, la forza di polizia che la Corte Suprema (STF) ha stabilito debba sbloccare le strade, la Polizia Stradale Federale (PRF), è rimasta fedele a Bolsonaro fin da domenica, agendo contro le sentenze del TSE (Tribunale Elettorale Superiore), rendendo difficile recarsi alle urne e ora, anche con l’ordine del STF di rimuovere i blocchi stradali, abbiamo visto video che mostrano agenti della PRF collaborare con i camionisti bolsonaristi, dando loro consigli rispetto a dove spostare i picchetti, ecc.

In alcuni Stati, i residenti dei quartieri proletari (e i lavoratori organizzati delle fabbriche e dei cantieri navali) in cui vengono effettuati i blocchi si sono organizzati per fare ciò che il PRF non fa: sbloccare le strade. Ora, il Movimento dei Lavoratori Senza Casa (MTST) ha deciso di inviare i suoi militanti nei luoghi dove ci sono i blocchi per rimuoverli.

Stiamo assistendo a un tentativo ultra-minoritario da parte dei bolsonaristi più radicali e disperati di tentare una reazione “organizzata”. Questo tentativo, estremamente debole, è andato avanti fino ad ora solo grazie alla connivenza del PRF. Nella storia abbiamo sempre visto che la reazione viene combattuta efficacemente solo dal proletariato e non dalla borghesia.

Pertanto, Esquerda Marxista non solo appoggia la decisione del MTST, ma invita i suoi militanti a partecipare al fianco del MTST nelle azioni volte allo sblocco delle strade. È responsabilità del PT, del PSOL (Partito del Socialismo e della sinistra), della CUT (la principale centrale sindacale), dell’UNE (il sindacato studentesco), dei sindacati, delle organizzazioni studentesche e dei movimenti popolari mobilitare le proprie fila per smantellare ciò che resta di questi blocchi e dare una risposta della nostra classe all’estrema destra bolsonarista. Dobbiamo agire in fretta e prendere immediatamente il nostro posto nella storia.

1 novembre 2022

Articoli correlati

Brasile

Brasile:‭ ‬La lotta è per l’abolizione dell’ordine esistente

Sia il debito interno che quello estero del Brasile sono schizzati alle stelle.‭ ‬Il debito interno ha raggiunto i‭ ‬3.6‭ ‬mila miliardi di‭ ‬real e il debito estero è ora a‭ ‬555‭ ‬miliardi di dollari.‭ ‬Il capitale internazionale sta iniziando a preoccuparsi per la prospettiva di un default.

Brasile

Lula – L’azione della Polizia Federale, del potere giudiziario e della stampa borghese e i loro obiettivi reazionari.

Esquerda Marxista condanna la misura coercitiva effettuata nei confronti di Lula affinchè deponesse in giudizio, verificatasi questo venerdì mattina (4 marzo), organizzata dalla Polizia Federale, insieme ai media borghesi, e la considera un attacco alle libertà democratiche.

Brasile

Brasile – L’impeachment di Dilma apre nuove prospettive per la lotta di classe

Avvenimenti drammatici si sono svolti in Brasile la scorsa notte, quando il Congresso [Parlamento] ha votato per l’impeachment del presidente Dilma Rousseff. Tutto il paese stava seguendo il processo, suddiviso in due campi, da un lato quello reazionario borghese e piccolo borghese a favore dell’impeachment e dall’altro i giovani e i lavoratori contrari.

Brasile

Presidenziali in Brasile – Per una posizione di classe al secondo turno

Esquerda marxista invita tutti i suoi sostenitori a votare contro Bolsonaro in questo secondo turno elettorale. Voteremo per il PT, senza alcuna fiducia nel programma di Haddad. L’unico obiettivo è fermare Bolsonaro.

Brasile

Morte e distruzione nell’Amazzonia di Bolsonaro

Nell’ultimo mese l’Amazzonia è stata al centro delle attenzioni del governo Bolsonaro. Dopo un lungo braccio di ferro che è terminato con le dimissioni del fisico Ricardo Galvão dalla direzione dell’Istituto Nazionale delle Ricerche Spaziali (Inpe), l’aspirante Bonaparte adesso parla a sproposito della preservazione del territorio con alcuni dei Paesi più ricchi di Europa.

Brasile

Prospettive per le elezioni presidenziali in Brasile

Da quando è stato rilasciato dalla prigione, l’ex presidente del Brasile Luiz Inácio Lula da Silva (conosciuto comunemente come Lula), ha visto annullare la sua condanna, è stato dichiarato innocente e sono stati ripristinati i suoi diritti politici. Ora è al primo posto nei sondaggi per le prossime elezioni presidenziali di ottobre, con il 46% contro il 29% dell’attuale presidente, Jair Bolsonaro.