21 ottobre 2015

Brasile:‭ ‬La lotta è per l’abolizione dell’ordine esistente

Sia il debito interno che quello estero del Brasile sono schizzati alle stelle.‭ ‬Il debito interno ha raggiunto i‭ ‬3.6‭ ‬mila miliardi di‭ ‬real e il debito estero è ora a‭ ‬555‭ ‬miliardi di dollari.‭ ‬Il capitale internazionale sta iniziando a preoccuparsi per la prospettiva di un default.

da www.marxismo.org.br

I tassi di interesse sono aumentati,‭ ‬il dollaro si è apprezzato molto rispetto al real,‭ ‬e l’inflazione ha raggiunto il‭ ‬9,5%.‭ ‬Il governo sta attuando misure fiscali più‭ ‬rigide per garantire un avanzo di bilancio primario,‭ ‬al fine di pagare gli interessi sul debito.

Il cosiddetto‭ “‬paese dell‭’‬istruzione‭” ‬è testimone di tagli‭ ‬al budget che hanno portato al più grande movimento di scioperi nelle università‭ ‬da anni.‭ ‬Nello stato di Rio Grande do Sul,‭ ‬il governatore‭ ‬ha ridotto drasticamente i salari dei dipendenti pubblici.‭ ‬I licenziamenti hanno raggiunto quota‭ ‬1‭ ‬milione e la politica di moderazione salariale continua nel settore pubblico e privato.

A questo dobbiamo aggiungere un aumento della repressione.‭ ‬Leggi anti-terrorismo sono‭ ‬state inviate con procedimento d’urgenza per l’approvazione al Congresso.‭ ‬E‭’ ‬stata fatta passare‭ ‬una riforma politica antidemocratica che mira a‭ ‬evitare ‭ ‬che la voce delle strade raggiunga‭ ‬il‭ ‬Congresso.

Il governo,‭ ‬le istituzioni e i partiti borghesi si stanno preparando per la guerra civile contro i lavoratori,‭ ‬i giovani e le loro organizzazioni.‭ ‬Lo dimostra chiaramente la rivolta degli studenti delle scuole superiori che ha avuto inizio a San Paolo.

Il governo‭ ‬di‭ ‬Dilma è‭ ‬il più isolato politicamente dal‭ ‬1992‭ ‬quando milioni di persone nelle strade rovesciarono il‭ ‬governo di Collor.‭ ‬In questa situazione,‭ ‬nella quale‭ ‬in‭ ‬un regime realmente‭ ‬democratico il governo sarebbe già caduto e‭ ‬sarebbero state proclamate‭ ‬nuove elezioni,‭ ‬non è escluso che Dilma,‭ ‬di fronte‭ ‬all’odio del popolo e l’incapacità di governare,‭ ‬possa essere costretta a dimettersi.

Le diverse cricche borghesi sono divise‭ ‬su cosa fare con il governo.‭ ‬Alcuni parlano di impeachment,‭ ‬altri di un procedimento legale‭ ‬attraverso‭ ‬la magistratura o‭ ‬le dimissioni.‭ ‬Ma tutti temono che la caduta del governo‭ ‬apra una situazione che potrebbe sfuggire al loro controllo.

La corruzione sembra una coperta che copre tutto il paese,‭ ‬le sue istituzioni,‭ ‬i partiti e i politici.‭ ‬Il Tribunal de Contas da União‭ (un’istituuzione ‬simile alla Corte dei Conti, ndt‭) ‬ha ipocritamente respinto‭ ‬il bilancio‭ ‬ del governo Dilma,‭ ‬anche se ha proceduto semplicemente come avevano fatto tutti i governi precedenti.‭ ‬il giudice che ha espresso il parere‭ ‬è a sua volta accusato di aver ricevuto milioni di Real da una società che ha commesso frode fiscale.‭ ‬Il presidente del Congresso,‭ ‬Cunha,‭ ‬è stato‭ ‬arrestato per un conto‭ ‬corrente‭ ‬segreto‭ ‬in dollari in Svizzera.

Ciò che è chiaro è che‭ “‬i governanti non possono governare come prima e coloro che stanno in basso non vogliono più vivere come prima.‭”

L’aumento del numero di scioperi e‭ ‬degli‭ ‬scioperanti,‭ ‬la loro‭ ‬durata e combattività,‭ ‬come lo sciopero generale dei dipendenti pubblici‭ ‬a Rio Grande do Sul,‭ ‬gli scioperi a tutti i livelli dei dipendenti pubblici‭  (che hanno coinvolto ‬34‭ ‬università federali,‭ ‬64‭ ‬Istituti Tecnici‭)‬,‭ ‬gli scioperi dei lavoratori in diversi settori,‭ ‬metalmeccanici‭ (‬GM,‭ ‬Mercedes,‭ ‬Volkswagen,‭ ‬nel cantiere navale‭ ‬Jurong Aracruz‭)‬,‭ ‬i lavoratori del petrolio,‭ ‬quelli delle ferrovie,‭ ‬i bancari,‭ ‬così come gli scioperi‭ ‬degli‭ ‬studenti universitari,‭ ‬e‭ ‬la bassa percentuale da record‭ ‬di appoggio‭ ‬a Dilma‭ (‬7%‭)‬,‭ ‬mostrano che‭ «”coloro che stanno in basso‭ ‬non‭ ‬vogliono più vivere come prima.‭”

Nel frattempo,‭ ‬questa combattività è vanificata dal tradimento dei dirigenti sindacali,‭ ‬che stanno firmando accordi che riducono i salari per mantenere i profitti padronali.‭ ‬Quest’anno già‭ ‬11‭ ‬settori hanno‭ ‬firmato accordi collettivi‭ ‬con aumenti salariali‭ ‬al di‭ ‬sotto‭ ‬del livello dell’inflazione.

Non è sorprendente che il partito della maggioranza della popolazione‭ ‬sia ora il partito‭ ‬del‭ ‬”que se vayan todos!”‬.‭ ‬In questo senso è necessario‭ ‬portare avanti‭  ‬slogan che aumentino la prospettiva di‭ “‬cambiare l’intero‭ ‬stato di cose‭”‬.‭ ‬Per aumentare,‭ ‬come‭ ‬dice il Manifesto del‭ ‬Partito‭ ‬Comunista,‭ ‬la prospettiva della soppressione di ogni ordine esistente.‭ ‬Per‭ ‬i marxisti,‭ ‬la lotta‭ ‬per la democrazia ha senso solo se questa significa far avanzare la lotta per la rivoluzione sociale.

Solo l’auto-organizzazione dei lavoratori,‭ ‬solo la‭ ‬loro mobilitazione indipendente è in grado di creare una forza che può spazzare via le attuali istituzioni marce e costruire nuove istituzioni che siano autenticamente popolari e democratiche,‭ ‬una‭ ‬Assemblea Costituente Popolare Nazionale.

E’ con questa prospettiva che Esquerda Marxista si batte per‭ ‬il Fronte Unico della sinistra,‭ ‬in grado di costruire‭ ‬/‭ ‬ricostruire un partito‭ ‬indipendente‭ ‬della classe operaia.

Per una Assemblea Costituente Popolare Nazionale‭!
Per un governo dei lavoratori‭!

Articoli correlati

Una zanzara, tre virus e una società in crisi

Nel 2015, sono stati registrati 1.649.008 casi di dengue in Brasile, superando tutti gli anni precedenti e confermando la tendenza all’espansione dell’endemia e delle successive epidemie che cominciarono nel 1981.

Scuole occupate: in Brasile vince la lotta!

Dopo tre mesi di mobilitazioni e diverse settimane di occupazioni scolastiche, gli studenti dello Stato di San Paolo (Brasile) sono riusciti a respingere il piano di “riorganizzazione scolastica” presentato dal governo statale del Psdb, partito della borghesia brasiliana, guidato dal governatore Alckmin.

Sciopero generale in Brasile: i lavoratori lottano contro il governo corrotto di Temer

Venerdì 28 aprile, i lavoratori e i sindacati brasiliani hanno realizzato il primo sciopero generale dopo oltre due decenni, protestando contro le misure di austerità e in particolare contro il drastico taglio delle pensioni portato avanti dal corrotto governo di Temer.

Brasile – Lula, le elezioni e la lotta di classe nel 2018

In Brasile, contrariamente alla propaganda del governo, la crisi economica continua ad approfondirsi e l’unica soluzione per i capitalisti è quella di intensificare i loro attacchi contro la classe operaia. La crisi politica è profonda. Il governo di Temer ha raggiunto livelli record di impopolarità, le istituzioni sono screditate; i politici sono demoralizzati, la classe dominante è divisa.

L’arresto di Lula – Crisi al vertice, resistenza e i nostri compiti

Esquerda Marxista si oppone alla condanna e all’incarcerazione di Lula senza prove e difende il suo diritto di essere candidato alla Presidenza. Allo stesso tempo ci opponiamo a un “fronte per la democrazia” a scopo elettorale che metterebbe assieme il PSOL, il PT e i partiti borghesi come il PSB o il PDT e che continuerebbe a portare avanti una politica di collaborazione di classe.

Brasile: Unità in difesa dei diritti e delle conquiste dei lavoratori! Indipendenza e lotta di classe!

Il volantino diffuso da Esquerda marxista, la sezione brasiliana della Tmi, nel corteo dello scorso 31 marzo a San Paolo.