21 Ottobre 2015

Brasile:‭ ‬La lotta è per l’abolizione dell’ordine esistente

Sia il debito interno che quello estero del Brasile sono schizzati alle stelle.‭ ‬Il debito interno ha raggiunto i‭ ‬3.6‭ ‬mila miliardi di‭ ‬real e il debito estero è ora a‭ ‬555‭ ‬miliardi di dollari.‭ ‬Il capitale internazionale sta iniziando a preoccuparsi per la prospettiva di un default.

da www.marxismo.org.br

I tassi di interesse sono aumentati,‭ ‬il dollaro si è apprezzato molto rispetto al real,‭ ‬e l’inflazione ha raggiunto il‭ ‬9,5%.‭ ‬Il governo sta attuando misure fiscali più‭ ‬rigide per garantire un avanzo di bilancio primario,‭ ‬al fine di pagare gli interessi sul debito.

Il cosiddetto‭ “‬paese dell‭’‬istruzione‭” ‬è testimone di tagli‭ ‬al budget che hanno portato al più grande movimento di scioperi nelle università‭ ‬da anni.‭ ‬Nello stato di Rio Grande do Sul,‭ ‬il governatore‭ ‬ha ridotto drasticamente i salari dei dipendenti pubblici.‭ ‬I licenziamenti hanno raggiunto quota‭ ‬1‭ ‬milione e la politica di moderazione salariale continua nel settore pubblico e privato.

A questo dobbiamo aggiungere un aumento della repressione.‭ ‬Leggi anti-terrorismo sono‭ ‬state inviate con procedimento d’urgenza per l’approvazione al Congresso.‭ ‬E‭’ ‬stata fatta passare‭ ‬una riforma politica antidemocratica che mira a‭ ‬evitare ‭ ‬che la voce delle strade raggiunga‭ ‬il‭ ‬Congresso.

Il governo,‭ ‬le istituzioni e i partiti borghesi si stanno preparando per la guerra civile contro i lavoratori,‭ ‬i giovani e le loro organizzazioni.‭ ‬Lo dimostra chiaramente la rivolta degli studenti delle scuole superiori che ha avuto inizio a San Paolo.

Il governo‭ ‬di‭ ‬Dilma è‭ ‬il più isolato politicamente dal‭ ‬1992‭ ‬quando milioni di persone nelle strade rovesciarono il‭ ‬governo di Collor.‭ ‬In questa situazione,‭ ‬nella quale‭ ‬in‭ ‬un regime realmente‭ ‬democratico il governo sarebbe già caduto e‭ ‬sarebbero state proclamate‭ ‬nuove elezioni,‭ ‬non è escluso che Dilma,‭ ‬di fronte‭ ‬all’odio del popolo e l’incapacità di governare,‭ ‬possa essere costretta a dimettersi.

Le diverse cricche borghesi sono divise‭ ‬su cosa fare con il governo.‭ ‬Alcuni parlano di impeachment,‭ ‬altri di un procedimento legale‭ ‬attraverso‭ ‬la magistratura o‭ ‬le dimissioni.‭ ‬Ma tutti temono che la caduta del governo‭ ‬apra una situazione che potrebbe sfuggire al loro controllo.

La corruzione sembra una coperta che copre tutto il paese,‭ ‬le sue istituzioni,‭ ‬i partiti e i politici.‭ ‬Il Tribunal de Contas da União‭ (un’istituuzione ‬simile alla Corte dei Conti, ndt‭) ‬ha ipocritamente respinto‭ ‬il bilancio‭ ‬ del governo Dilma,‭ ‬anche se ha proceduto semplicemente come avevano fatto tutti i governi precedenti.‭ ‬il giudice che ha espresso il parere‭ ‬è a sua volta accusato di aver ricevuto milioni di Real da una società che ha commesso frode fiscale.‭ ‬Il presidente del Congresso,‭ ‬Cunha,‭ ‬è stato‭ ‬arrestato per un conto‭ ‬corrente‭ ‬segreto‭ ‬in dollari in Svizzera.

Ciò che è chiaro è che‭ “‬i governanti non possono governare come prima e coloro che stanno in basso non vogliono più vivere come prima.‭”

L’aumento del numero di scioperi e‭ ‬degli‭ ‬scioperanti,‭ ‬la loro‭ ‬durata e combattività,‭ ‬come lo sciopero generale dei dipendenti pubblici‭ ‬a Rio Grande do Sul,‭ ‬gli scioperi a tutti i livelli dei dipendenti pubblici‭  (che hanno coinvolto ‬34‭ ‬università federali,‭ ‬64‭ ‬Istituti Tecnici‭)‬,‭ ‬gli scioperi dei lavoratori in diversi settori,‭ ‬metalmeccanici‭ (‬GM,‭ ‬Mercedes,‭ ‬Volkswagen,‭ ‬nel cantiere navale‭ ‬Jurong Aracruz‭)‬,‭ ‬i lavoratori del petrolio,‭ ‬quelli delle ferrovie,‭ ‬i bancari,‭ ‬così come gli scioperi‭ ‬degli‭ ‬studenti universitari,‭ ‬e‭ ‬la bassa percentuale da record‭ ‬di appoggio‭ ‬a Dilma‭ (‬7%‭)‬,‭ ‬mostrano che‭ «”coloro che stanno in basso‭ ‬non‭ ‬vogliono più vivere come prima.‭”

Nel frattempo,‭ ‬questa combattività è vanificata dal tradimento dei dirigenti sindacali,‭ ‬che stanno firmando accordi che riducono i salari per mantenere i profitti padronali.‭ ‬Quest’anno già‭ ‬11‭ ‬settori hanno‭ ‬firmato accordi collettivi‭ ‬con aumenti salariali‭ ‬al di‭ ‬sotto‭ ‬del livello dell’inflazione.

Non è sorprendente che il partito della maggioranza della popolazione‭ ‬sia ora il partito‭ ‬del‭ ‬”que se vayan todos!”‬.‭ ‬In questo senso è necessario‭ ‬portare avanti‭  ‬slogan che aumentino la prospettiva di‭ “‬cambiare l’intero‭ ‬stato di cose‭”‬.‭ ‬Per aumentare,‭ ‬come‭ ‬dice il Manifesto del‭ ‬Partito‭ ‬Comunista,‭ ‬la prospettiva della soppressione di ogni ordine esistente.‭ ‬Per‭ ‬i marxisti,‭ ‬la lotta‭ ‬per la democrazia ha senso solo se questa significa far avanzare la lotta per la rivoluzione sociale.

Solo l’auto-organizzazione dei lavoratori,‭ ‬solo la‭ ‬loro mobilitazione indipendente è in grado di creare una forza che può spazzare via le attuali istituzioni marce e costruire nuove istituzioni che siano autenticamente popolari e democratiche,‭ ‬una‭ ‬Assemblea Costituente Popolare Nazionale.

E’ con questa prospettiva che Esquerda Marxista si batte per‭ ‬il Fronte Unico della sinistra,‭ ‬in grado di costruire‭ ‬/‭ ‬ricostruire un partito‭ ‬indipendente‭ ‬della classe operaia.

Per una Assemblea Costituente Popolare Nazionale‭!
Per un governo dei lavoratori‭!

Articoli correlati

Brasile – Le masse scendono in piazza contro Bolsonaro

Le enormi proteste svoltesi lo scorso 29 settembre in tutto il Brasile sono state l’ennesima dimostrazione della mobilitazione che sta crescendo contro il candidato alla presidenza di estrema destra, Bolsonaro.

Brasile – Crisi di sistema e lotte di massa

Il Brasile è travolto da una profonda crisi sociale, economica e politica. Le mobilitazioni contro il governo sono in continua ascesa, dopo lo sciopero generale del 28 aprile (il più grande degli ultimi 20 anni), 150mila persone hanno invaso Brasilia lo scorso 24 maggio contro gli attacchi del governo Temer a pensioni, stato sociale e leggi del lavoro.

Morte e distruzione nell’Amazzonia di Bolsonaro

Nell’ultimo mese l’Amazzonia è stata al centro delle attenzioni del governo Bolsonaro. Dopo un lungo braccio di ferro che è terminato con le dimissioni del fisico Ricardo Galvão dalla direzione dell’Istituto Nazionale delle Ricerche Spaziali (Inpe), l’aspirante Bonaparte adesso parla a sproposito della preservazione del territorio con alcuni dei Paesi più ricchi di Europa.

Brasile – Esquerda marxista chiede di aderire al PSOL

Nell’aprile scorso Esquerda marxista, la sezione brasiliana della Tendenza marxista internazionale, ha deciso, nella sua Conferenza Nazionale, di rompere con il PT (Partido do Trabalhadores), a fronte del processo irreversibile ed accelerato di liquidazione del partito come partito di classe.

Brasile – Uno tsunami contro i tagli all’istruzione, il governo Bolsonaro può essere cacciato!

Il 15 maggio in Brasile si è assistito a uno tsunami di manifestanti che si è abbattuto contro i tagli all’istruzione e la controriforma delle pensioni. Più di 1,5 milioni di persone hanno riempito le strade di oltre 200 città in tutto il paese e lo slogan “Fora Bolsonaro” (Via Bolsonaro) ha risuonato ampiamente in tutte le piazze.

Sciopero generale in Brasile: i lavoratori lottano contro il governo corrotto di Temer

Venerdì 28 aprile, i lavoratori e i sindacati brasiliani hanno realizzato il primo sciopero generale dopo oltre due decenni, protestando contro le misure di austerità e in particolare contro il drastico taglio delle pensioni portato avanti dal corrotto governo di Temer.