22 Gennaio 2016

Bormioli – Una lotta che riguarda tutti i lavoratori

Questo è il volantino che i compagni di Sinistra Classe Rivoluzione Parma hanno diffuso oggi agli operai e agli impiegati della Bormioli di Fidenza. Non solo qualche giorno fa la Rsu della Bormioli ha definito incomprensibile e dannosa la lotta dei facchini, ma addirittura oggi i gruppi dirigenti di Cgil -Csil e Uil locali hanno organizzato un corteo per le vie della città contro lo sciopero dei facchini!
Dovrebbe essere elementare, per un sindacato con la storia della Cgil, comprendere come un attacco ad un settore di lavoratori prepari sempre un nuovo e piú profondo attacco a tutta la classe lavoratrice. Schierarsi oggi a fianco dei facchini significa quindi difendere le condizioni generali di tutti i dipendenti, diretti e indiretti, della Bormioli.
Dividere i lavoratori fa solo gli interessi dei padroni, questa è la china pericolosa che hanno intrapreso i vertici confederali a Fidenza.

 

bormioli_fidenza

Articoli correlati

Vertenza Yamaha/Minarelli Bologna – Una lotta coraggiosa che esige un bilancio onesto e critico

Il 13 dicembre si è conclusa, dopo tre mesi di lotta, la vertenza delle lavoratorici e dei lavoratori della Motori Minarelli di Bologna di proprietà della multinazionale Yamaha.

Monfalcone – Non chiamatela fatalità, chiamatela strage!

Un altra vittima del profitto, un altro operaio morto sul lavoro.
Questa mattina ai cantieri di Monfalcone un giovanissimo operaio di 19 anni è rimasto schiacciato da un blocco di cemento di 700 kg. Immediato lo sciopero di tutte le maestranze del cantiere.

Poclain (Modena): gli operai alzano la testa!

Da oltre una settimana, alla Poclain di Gaggio in Piano, nella provincia di Modena, gli oltre cento lavoratori sono in lotta per il rinnovo del contratto aziendale, scaduto da tre anni nei quali è stato valido un ormai lunghissimo accordo ‘ponte’.

Alcatel-Flextronic – Una sconfitta per i lavoratori interinali

I lavoratori di Alcatel-Lucent Trieste hanno detto sì all’accordo di acquisizione proposto dall’americana Flextronics il 23 giugno. 459 sì contro 34 no, una vittoria apparentemente schiacciante. Mancano però all’appello 278

Fincantieri – No all’accordo!

“Non firmate quell’accordo!”, è questo il messaggio che gli operai Fincantieri, in agitazione in tutta Italia, hanno mandato alle organizzazioni sindacali. È partita dal cantiere del Muggiano (La Spezia) la

ATM – La dignità non ha prezzo

Se le “opere” previste per Expo sono in ritardo, l’organizzazione del lavoro di tutto il personale che dovrà operare per il funzionamento stesso dell’evento è, se possibile, ancora più indietro.