22 Gennaio 2016

Bormioli – Una lotta che riguarda tutti i lavoratori

Questo è il volantino che i compagni di Sinistra Classe Rivoluzione Parma hanno diffuso oggi agli operai e agli impiegati della Bormioli di Fidenza. Non solo qualche giorno fa la Rsu della Bormioli ha definito incomprensibile e dannosa la lotta dei facchini, ma addirittura oggi i gruppi dirigenti di Cgil -Csil e Uil locali hanno organizzato un corteo per le vie della città contro lo sciopero dei facchini!
Dovrebbe essere elementare, per un sindacato con la storia della Cgil, comprendere come un attacco ad un settore di lavoratori prepari sempre un nuovo e piú profondo attacco a tutta la classe lavoratrice. Schierarsi oggi a fianco dei facchini significa quindi difendere le condizioni generali di tutti i dipendenti, diretti e indiretti, della Bormioli.
Dividere i lavoratori fa solo gli interessi dei padroni, questa è la china pericolosa che hanno intrapreso i vertici confederali a Fidenza.

 

bormioli_fidenza

Articoli correlati

Alcatel-Flextronic – Una sconfitta per i lavoratori interinali

I lavoratori di Alcatel-Lucent Trieste hanno detto sì all’accordo di acquisizione proposto dall’americana Flextronics il 23 giugno. 459 sì contro 34 no, una vittoria apparentemente schiacciante. Mancano però all’appello 278

Bologna – I lavoratori IMA dovranno presentare il conto

In questa situazione che è stata la prima veramente critica negli ultimi 20 anni crediamo che la figura di Vacchi si sia mostrata per quello che è sempre stata. La borsa, quindi il profitto, hanno avuto la precedenza sulla sicurezza di chi produce quella ricchezza. Quando l’azienda sarà a pieno regime, dovremo essere all’altezza della situazione e mettere in campo tutta la capacità di mobilitazione dei lavoratori IMA per presentare il conto all’azienda.

Modena – I lavoratori Italpizza non solo soli!

Un appello di delegati e lavoratori a sostegno della lotta di Italpizza

Varese – Clinica La Quiete chiusa, lavoratori per strada!

Dopo oltre quattro mesi di lotta lo scorso 30 maggio la clinica La Quiete di Varese è stata definitivamente chiusa, tramite apposizione di sigilli da parte dell’ufficiale giudiziario.

Come si lavora alle Poste dopo Amazon

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di un lavoratore precario di Poste Italiane

Almaviva: riprendiamo la lotta contro i licenziamenti!

Il 5 ottobre, la direzione aziendale di Almaviva ha comunicato la volontà di riaprire le procedure di licenziamento per 2511 lavoratori (1666 a Roma e 845 a Napoli) con conseguente chiusura delle sedi di Napoli e Roma.