23 Gennaio 2016

Bormioli – Difendiamo la lotta dei facchini, la lotta di tutti i lavoratori

La manifestazione e lo sciopero organizzati da alcuni funzionari Cgil a Fidenza contro la lotta dei facchini sono cose che mai avremmo voluto vedere.
Che la Cgil alimenti una guerra tra poveri dividendo i lavoratori, e quindi indebolendoli tutti a beneficio dei padroni, è qualcosa di davvero indecoroso. Non a caso, all’iniziativa del gruppo dirigente della Cgil hanno applaudito non solo il sindaco e i parlamentari Pd, ma anche la Lega Nord e Fratelli d’Italia che della divisione dei lavoratori, della guerra tra poveri e del razzismo (tutti i facchini della Bormioli sono lavoratori migranti) hanno fatto le loro bandiere.

Ruolo dei funzionari sindacali dovrebbe essere difendere i diritti di chi lavora, farsi portavoce delle loro rivendicazioni. E questo dovrebbe valere a maggior ragione quando si ha un cambio d’appalto in cui la cooperativa che subentra non vuole garantire tutti quei diritti che erano in vigore fino al giorno prima. Un accordo peggiorativo che i facchini hanno rifiutato!

Come è possibile che la metà (se non di più) dei lavoratori coinvolti nella vertenza siano ancora in lotta per mantenere le precedenti condizioni di lavoro e la Cgil non si preoccupi nemmeno di confrontarsi con loro, puntando invece ad isolarli e a dividerli? Contrapporre i lavoratori significa indebolire la forza della classe lavoratrice, renderli tutti maggiormente ricattabili agli occhi del padrone.

Con quale coerenza la più grande organizzazione sindacale italiana può promuovere una “Carta dei diritti universali del lavoro”, ponendo l’attenzione anche sulle tutele nel caso di appalti e subappalti, per poi, sul territorio, ignorare i diritti acquisiti durante un cambio d’appalto e mettere in piedi una manifestazione contro quei lavoratori che quei diritti li rivendicano?
La manifestazione di venerdi 22 Gennaio è stata rivendicata come presidio democratico. Ci chiediamo perchè la Cgil quando il presidio dei facchini veniva sgomberato e caricato dalle forze dell’ordine, non abbia espresso una sola parola a difesa del diritto democratico di “quei”lavoratori a manifestare e lottare.
E’ irresponsabile la strumentalizzazione che il gruppo dirigente della Cgil sta facendo di questa lotta, incolpando i lavoratori e gli attivisti politici solidali di mettere in pericolo il futuro lavorativo di tutti gli altri lavoratori della Bormioli. Squalificare la sforzo di questa lotta e di chi la sostiene è grave.

I lavoratori tutti meritano un gruppo dirigente all’altezza dello scontro che pone questa fase. Dobbiamo lavorare e lottare per cambiare questo gruppo dirigente ormai poco credibile, che si riempie la bocca di democrazia e che non si fa scrupoli nel fare il gioco del padrone, perchè il sindacato faccia sue le parole d’ordine dell’unità e del protagonismo dei lavoratori, tutti!
La lotta dei facchini oggi è domani la lotta di tutti i lavoratori della Bormioli e di tutta la classe lavoratrice.

Articoli correlati

Monfalcone – Non chiamatela fatalità, chiamatela strage!

Un altra vittima del profitto, un altro operaio morto sul lavoro.
Questa mattina ai cantieri di Monfalcone un giovanissimo operaio di 19 anni è rimasto schiacciato da un blocco di cemento di 700 kg. Immediato lo sciopero di tutte le maestranze del cantiere.

La lotta alla Castelfrigo: il buono, il brutto e il cattivo

La fine di questa orgogliosa lotta contro l’inferno del settore carni e delle (false) cooperative, portata avanti coraggiosamente da lavoratori doppiamente sfruttati, in quanto prevalentemente immigrati, non è ancora arrivata. Ma deve esserci una svolta immediata. L’immensa esperienza accumulata alla Castelfrigo non può andare dispersa!

Bonfiglioli, la lotta paga

Nello stabilimento “B7” di Vignola della ditta Bonfiglioli, azienda tra le più importanti a livello mondiale nella produzione di motoriduttori, pochi giorni fa è stata data comunicazione alla Rsu della

Almaviva – I lavoratori bocciano sonoramente l’accordo!

L’accordo è sonoramente bocciato dai lavoratori, a Palermo, dove si concentrano più della metà dei licenziamenti, i No sono stati 2.519 (il 95 per cento) contro appena 110 Sì. Anche a Roma (900 esuberi) e a Napoli (400 esuberi) il No vince con percentuali bulgare.

Trieste – No agli esuberi in Wartsila!

L’azienda annuncia 90 esuberi, i lavoratori rispondono con uno sciopero che ha visto il 100% della forza lavoro incrociare le braccia il 26 aprile.

Ieri in Dema, domani tutta Finmeccanica

L’azienda dell’indotto aeronautico di Finmeccanica nel 2013, dopo denuncia della FIOM, ha dovuto ammettere debiti per 130 milioni, per mala gestione clientelare. Da allora la Dema cercato di scaricare i costi dei debiti accumulati sulla pelle dei lavoratori, con un metodo ormai molto diffuso nella classe padronale: i tagli al personale.