Bormioli – Contro la repressione, allargare il fronte della lotta!

Fidenza (Pr) – Dal 23 dicembre i facchini dello stabilimento Bormioli sono scesi in sciopero, con presidio all’ingresso della fabbrica. La lotta dei facchini è iniziata per rivendicare, di fronte al cambio di cooperativa presso la quale sono assunti, il mantenimento delle loro condizioni di lavoro.

La cooperativa subentrante non vuole riconoscere l’attuale inquadramento di livello dei lavoratori e la loro anzianità di servizio. Tutto azzerato. Pretende inoltre la completa disponibilità al trasferimento degli addetti, anche fuori provincia.

La risposta ai facchini in lotta è stato un brutale atto repressivo da parte della polizia. I lavoratori e gli attivisti presenti al picchetto davanti allo stabilimento sono stati prelevati dalla celere per essere portati in questura, identificati e denunciati per occupazione di proprietà privata.

Il giorno precedente allo sgombero, la cooperativa è giunta all’accordo con CGIL e CISL, i confederali hanno sottoscritto il contratto che mette nero su bianco le pretese della cooperativa, contratto ritenuto invece inaccettabile dal SI COBAS, sindacato a cui i facchini in mobilitazione fanno riferimento.

Nei giorni seguenti la RSU della Bormioli di Fidenza ha prodotto un comunicato in cui la lotta dei facchini viene ritenuta assurda e scriteriata. La realtà è che di fronte all’arroganza padronale non sempre si può abbassare la testa, alimentare una contrapposizione tra lavoratori può essere utile solo solo ai padroni, non certo agli stessi lavoratori, nemmeno a quelli più tutelati che da un momento all’altro potrebbero vedersi togliere diritti con il ricatto che c’è chi è meno garantito di loro.

L’azione repressiva messa in campo rappresenta un attacco alla legittimità della lotte dei lavoratori per il miglioramento (o mantenimento, come in questo caso) delle condizioni di lavoro. La repressione va contrastata allargando il fronte della lotta. Da ogni sindacato e da ogni attivista sindacale sul territorio dovrebbe esserci la condanna di atti repressivi come questo. Ci deve essere il ritiro delle denunce e la piena solidarietà alla mobilitazione in corso.

Articoli correlati

Corrispondenze Operaie

Nella battaglia contro il virus non siamo tutti sulla stessa barca

Se c’è una cosa che l’emergenza sanitaria sta dimostrando è che al governo e ai padroni della salute dei lavoratori interessa ben poco, bisogna fermare l’epidemia, ma nello stesso tempo garantire la continuità produttiva. “Giù le mani dalle aziende!”, come dice Bauli, presidente di Confindustria Verona.

Corrispondenze Operaie

Solidarietà ai lavoratori Si.Cobas

Esprimiamo la massima solidarietà e partecipazione al movimento di lotta dei lavoratori nella difesa dei loro diritti e della propria organizzazione, che in questo momento manifestano sotto al carcere di Modena chiedendo il rilascio immediato di Aldo Milani.

Corrispondenze Operaie

Bologna – RCM: a pagare deve essere il padrone, non i lavoratori

Il volantino che distribuiremo oggi al presidio dei lavoratori Rcm, azienda a rischio di chiusura di Monteveglio (Bo).

Commercio

Maserati (Modena): nuvole all’orizzonte, è tempo di agire!

Dal primo gennaio 2017 a Modena non si produrranno più vetture Maserati. È quanto emerso nell’incontro delle delegazioni sindacali con i vertici di Fca. L’azienda ha annunciato un piano di 120 esuberi, di cui 15 impiegati. I lavoratori in esubero verranno trasferiti in altre sedi – tra cui la vicina Ferrari – su base volontaria.

Corrispondenze Operaie

Milano, 19 gennaio – Sciopero e manifestazione contro le morti sul lavoro

Non c’è questione più politica di questa: se contino di più fatturato e profitto o la vita e la salute dei lavoratori. E se anche inchieste e processi potranno forse stabilire la dinamica dei fatti, la vera risposta non verrà nelle aule di un tribunale o dai vertici in prefettura, ma da una chiara e cristallina ripresa del conflitto di classe, nei luoghi di lavoro e in tutta la società.

Corrispondenze Operaie

Comer Cavriago – La lotta è stata sconfitta, ma era inevitabile?

Sabato 4 Luglio è si è conclusa la vertenza alla Comer Industries di Cavriago, dopo 19 giorni di sciopero, e 26 di presidio con 10 notti con blocco delle merci. Purtroppo l’accordo raggiunto in prefettura legittima nei fatti la linea dell’azienda, seppur con qualche aggiustamento.