14 Gennaio 2016

Bormioli – Contro la repressione, allargare il fronte della lotta!

Fidenza (Pr) – Dal 23 dicembre i facchini dello stabilimento Bormioli sono scesi in sciopero, con presidio all’ingresso della fabbrica. La lotta dei facchini è iniziata per rivendicare, di fronte al cambio di cooperativa presso la quale sono assunti, il mantenimento delle loro condizioni di lavoro.

La cooperativa subentrante non vuole riconoscere l’attuale inquadramento di livello dei lavoratori e la loro anzianità di servizio. Tutto azzerato. Pretende inoltre la completa disponibilità al trasferimento degli addetti, anche fuori provincia.

La risposta ai facchini in lotta è stato un brutale atto repressivo da parte della polizia. I lavoratori e gli attivisti presenti al picchetto davanti allo stabilimento sono stati prelevati dalla celere per essere portati in questura, identificati e denunciati per occupazione di proprietà privata.

Il giorno precedente allo sgombero, la cooperativa è giunta all’accordo con CGIL e CISL, i confederali hanno sottoscritto il contratto che mette nero su bianco le pretese della cooperativa, contratto ritenuto invece inaccettabile dal SI COBAS, sindacato a cui i facchini in mobilitazione fanno riferimento.

Nei giorni seguenti la RSU della Bormioli di Fidenza ha prodotto un comunicato in cui la lotta dei facchini viene ritenuta assurda e scriteriata. La realtà è che di fronte all’arroganza padronale non sempre si può abbassare la testa, alimentare una contrapposizione tra lavoratori può essere utile solo solo ai padroni, non certo agli stessi lavoratori, nemmeno a quelli più tutelati che da un momento all’altro potrebbero vedersi togliere diritti con il ricatto che c’è chi è meno garantito di loro.

L’azione repressiva messa in campo rappresenta un attacco alla legittimità della lotte dei lavoratori per il miglioramento (o mantenimento, come in questo caso) delle condizioni di lavoro. La repressione va contrastata allargando il fronte della lotta. Da ogni sindacato e da ogni attivista sindacale sul territorio dovrebbe esserci la condanna di atti repressivi come questo. Ci deve essere il ritiro delle denunce e la piena solidarietà alla mobilitazione in corso.

Articoli correlati

Dopo Pasqua, un test e si torna in fabbrica! La fame di profitto dei padroni a Bologna

La regione Emilia Romagna ha deciso di avviare una strategia di campionamento della popolazione a cui sottoporre il test sierologico in modo tale da permettere la graduale riapertura delle attività economiche. L’impazienza dei padroni per una celere riapertura è palese.

Milano, 19 gennaio – Sciopero e manifestazione contro le morti sul lavoro

Non c’è questione più politica di questa: se contino di più fatturato e profitto o la vita e la salute dei lavoratori. E se anche inchieste e processi potranno forse stabilire la dinamica dei fatti, la vera risposta non verrà nelle aule di un tribunale o dai vertici in prefettura, ma da una chiara e cristallina ripresa del conflitto di classe, nei luoghi di lavoro e in tutta la società.

Dalla parte dei lavoratori Almaviva in lotta!

Il volantino che abbiamo distribuito oggi al presidio di Napoli e che diffonderemo domani allo sciopero dei lavoratori Almaviva.

Pavia – Quattro morti in una vasca di liquami: una tragedia inevitabile?

Lo scorso 11 settembre quattro lavoratori indiani sono morti asfissiati dopo essere cadute in una vasca di liquami in un allevamento di bovini di Arena Po, nella provincia di Pavia. Ora vediamo la disperazione delle famiglie, i titoli dei giornali che parlano di “tragedia” e “morti bianche” nel tentativo di considerarle diverse, quasi senza responsabili… Ma come stanno le cose?

Accordo Amazon – La lotta non è in saldo!

Dopo il primo grande ciclo di lotte messo in atto dai lavoratori Amazon del sito di Piacenza, che li aveva visti scioperare anche durante il Black Friday (il giorno dei grandi sconti) e a Natale, il 22 maggio è stato siglato un accordo tra i sindacati confederali e l’azienda.

Michelin: senza gerarchie? I miti della rivista “Internazionale”

I miti dell’organizzazione del lavoro delle multinazionali e la cruda realtà. Un nostro lettore ci scrive.