Bormioli – Contro la repressione, allargare il fronte della lotta!

Fidenza (Pr) – Dal 23 dicembre i facchini dello stabilimento Bormioli sono scesi in sciopero, con presidio all’ingresso della fabbrica. La lotta dei facchini è iniziata per rivendicare, di fronte al cambio di cooperativa presso la quale sono assunti, il mantenimento delle loro condizioni di lavoro.

La cooperativa subentrante non vuole riconoscere l’attuale inquadramento di livello dei lavoratori e la loro anzianità di servizio. Tutto azzerato. Pretende inoltre la completa disponibilità al trasferimento degli addetti, anche fuori provincia.

La risposta ai facchini in lotta è stato un brutale atto repressivo da parte della polizia. I lavoratori e gli attivisti presenti al picchetto davanti allo stabilimento sono stati prelevati dalla celere per essere portati in questura, identificati e denunciati per occupazione di proprietà privata.

Il giorno precedente allo sgombero, la cooperativa è giunta all’accordo con CGIL e CISL, i confederali hanno sottoscritto il contratto che mette nero su bianco le pretese della cooperativa, contratto ritenuto invece inaccettabile dal SI COBAS, sindacato a cui i facchini in mobilitazione fanno riferimento.

Nei giorni seguenti la RSU della Bormioli di Fidenza ha prodotto un comunicato in cui la lotta dei facchini viene ritenuta assurda e scriteriata. La realtà è che di fronte all’arroganza padronale non sempre si può abbassare la testa, alimentare una contrapposizione tra lavoratori può essere utile solo solo ai padroni, non certo agli stessi lavoratori, nemmeno a quelli più tutelati che da un momento all’altro potrebbero vedersi togliere diritti con il ricatto che c’è chi è meno garantito di loro.

L’azione repressiva messa in campo rappresenta un attacco alla legittimità della lotte dei lavoratori per il miglioramento (o mantenimento, come in questo caso) delle condizioni di lavoro. La repressione va contrastata allargando il fronte della lotta. Da ogni sindacato e da ogni attivista sindacale sul territorio dovrebbe esserci la condanna di atti repressivi come questo. Ci deve essere il ritiro delle denunce e la piena solidarietà alla mobilitazione in corso.

Articoli correlati

Corrispondenze Operaie

CCNL Terziario – La Filcams ritiri la firma!

Il 31 marzo è stata firmata improvvisamente l’ipotesi d’accordo tra sindacati e Confcommercio dopo che gli incontri erano stati ufficialmente sospesi. Cosa positiva, direte voi, ma i contenuti di questo

Corrispondenze Operaie

Bologna – I lavoratori IMA dovranno presentare il conto

In questa situazione che è stata la prima veramente critica negli ultimi 20 anni crediamo che la figura di Vacchi si sia mostrata per quello che è sempre stata. La borsa, quindi il profitto, hanno avuto la precedenza sulla sicurezza di chi produce quella ricchezza. Quando l’azienda sarà a pieno regime, dovremo essere all’altezza della situazione e mettere in campo tutta la capacità di mobilitazione dei lavoratori IMA per presentare il conto all’azienda.

Corrispondenze Operaie

Reggio Emilia: le coop sociali attaccano i lavoratori

Alla fine del mese di settembre è stato disdetto da parte di Lega Coop e Confcooperative il contratto integrativo territoriale per i lavoratori delle cooperative sociali di Reggio Emilia e provincia. È un atto molto grave, considerando il già elevatissimo sfruttamento che pesa sulle spalle dei lavoratori del settore.

Corrispondenze Operaie

Almaviva: l’unico esubero è Tripi

Non c’è pace per i lavoratori di Almaviva. Dopo la vertenza della scorsa estate, conclusa col ritiro di 3mila esuberi in cambio di nuovi ammortizzatori sociali per l’azienda, ecco che a settembre si è aperta una nuova ristrutturazione.

Corrispondenze Operaie

Datalogic (Bologna) – 27 marzo, sciopero contro l’intransigenza padronale

La Datalogic produce sistemi di controllo e dispositivi di sicurezza per l’industria e commercio. In particolare deve la sua fortuna all’invenzione e sviluppo dei lettori dei codici a barre portatili che trovano il loro utilizzo praticamente in ogni campo della produzione e dei servizi.

Corrispondenze Operaie

Modena, vertenza Italpizza: in lotta contro un sistema schiavista!

Nella lotta della Italpizza stiamo rivedendo un film già visto alla Castelfrigo negli scorsi anni. Un sistema di ipersfruttamento ad opera di aziende con giri d’affari esorbitanti che, approfittando della Legge Biagi, macinano profitti sulla pelle di lavoratori per lo più stranieri sottoposti a condizioni disumane tramite il gioco delle finte cooperative e della intermediazione di manodopera.