26 Febbraio 2021 Sinistra classe rivoluzione Bologna

Bologna, zona arancione rafforzata – Il trionfo del profitto sulla salute

Pubblichiamo il volantino che in nostri compagni di Bologna distribuiranno stasera nella manifestazione di “Priorità alla scuola” contro i provvedimenti di Bonaccini.

Bologna e la sua provincia entrano in zona “arancione rafforzata” da sabato 27 febbraio.

Una misura che chiarisce una volta per tutte quali interessi vogliano tutelare la regione e il governo Draghi, che sta istituendo zone simili su tutto il territorio nazionale: quelli degli industriali.

Nella zona “arancione scura” le scuole e le università di ogni ordine e grado vengono chiuse (salvo i nidi e le scuole d’infanzia), mentre le aziende possono continuare a produrre e i centri commerciali e le grandi catene di distribuzione restare aperti.

Il virus dunque si fermerebbe, come per magia, davanti alle porte dell’Ikea o ai cancelli della Ducati, secondo Merola, Bonaccini e soci.

Dopo un anno dall’inizio della pandemia siamo al punto di partenza.

Il fallimento del governo nazionale e di quello regionale è totale: i lavoratori della scuola, gli studenti e le loro famiglie sono da mesi lasciati soli, negli istituti è saltato da tempo ogni tracciamento. Le classi sono rimaste sovraffollate, il personale della scuola gravemente sotto organico, i trasporti pubblici stracolmi nelle ore di punta, mentre incombe la privatizzazione del servizio.

La campagna vaccinale è al palo, ostaggio delle priorità di profitto delle multinazionali e dell’impotenza delle istituzioni locali e nazionali. Solo in questi giorni partono, con significativo ritardo rispetto ad altre regioni, le vaccinazioni al personale scolastico

Il virus ha continuato incessante a circolare nei magazzini della logistica, nelle grandi e piccoli aziende metalmeccaniche che si trovano di fronte a un boom di ordinativi, nei supermercati, tutti luoghi dove sistematicamente vengono infrante ogni regola di distanziamento sociale e di sicurezza. L’Emilia-Romagna è terza per contagi Covid19 nei luoghi di lavoro (dati Inail).

Un presidente della regione che fino a ieri voleva riaprire i ristoranti alla sera e che si ammanta di un finto progressismo e antisalvinismo (oggi dimenticato sull’altare del governo di salvezza nazionale), oggi chiude tutto ciò che non è fonte di lucro e si piega alle pressioni della borghesia emiliano-romagnola.

Rivendichiamo il blocco di tutte le produzioni non necessarie, la garanzia del pieno salario, l’esproprio di tutte le risorse necessarie per la difesa del diritto allo studio e alla salute.

A tale fine la nazionalizzazione dell’industria farmaceutica sotto il controllo dei lavoratori e degli utenti è un provvedimento ineludibile.

Questo dovrebbe essere il programma dei dirigenti del movimento operaio e della Cgil, non gli appelli ai finti salvatori della patria come Draghi.

Noi lavoratori e giovani dobbiamo prendere in mano il nostro futuro. Solo la lotta e la fine delle illusioni sulle giunte “progressiste” in regione come in città, potranno assicurare un futuro libero dalla pandemia, incompatibile con l’esistenza del sistema capitalista.

Articoli correlati

Politica generale

Volano i coltelli! L’alternativa non è il PD – Serve un partito dei lavoratori

Nel governo gialloverde volano le coltellate. Il motivo è facile da capire: le speranze del 4 marzo si consumano rapidamente, al “cambiamento” le masse credono sempre meno, e ciascuno dei due “alleati” sa che l’obiettivo principale è danneggiare il socio di coalizione il più possibile in vista di nuovi scenari.

Politica generale

Governo Conte – Allo sbando verso la terza ondata

La cosiddetta terza ondata dell’epidemia è in pieno sviluppo. Le cifre record di vittime e di nuovi contagi negli Usa e in Gran Bretagna sono un chiaro avvertimento. In Italia, Francia, Germania ecc. il tentativo di fermare il contagio con misure a geometria variabile si è dimostrato fallimentare. La diffusione del virus rallenta solo temporaneamente per poi riprendere a salire prima ancora che i reparti ospedalieri si siano svuotati.

Politica generale

Gratis non si lavora!

L’editoriale del nuovo numero di Rivoluzione
“Lavorare gratis, lavorare tutti!” questo il titolo di un libro del sociologo Domenico De Masi. Non è uno scherzo e nemmeno una malriuscita parodia dello slogan tradizionale del movimento operaio “Lavorare meno, lavorare tutti”. De Masi è terribilmente serio e non è un cane sciolto: è uno degli intellettuali di riferimento del Movimento 5 stelle

Politica generale

Coronavirus – Sì alla tutela della salute! No alle misure indiscriminate e al commercio della paura!

Non accettiamo che in nome dell’emergenza a pagare siano sempre gli stessi, mentre il governo premurosamente garantisce che i padroni possano continuare tranquillamente a fare profitti e affari scaricando tutti i costi sulla collettività!

Politica generale

È saltato il tappo

Dopo il 4 dicembre il tappo è saltato. Quel tappo di un’apparente invincibilità di Renzi e del Partito democratico che rendeva ardua l’idea nella mente di migliaia di attivisti, di lavoratori e di giovani che fosse possibile resistere e rispondere agli attacchi di governo e padronato. La crisi politica italiana entra dunque in una nuova fase, turbolenta, ma lo fa a un livello superiore. La classe operaia italiana ha compiuto il primo passo.

Politica generale

Lottare contro i salari da fame!

I salari italiani sono crollati, facendo dell’Italia uno dei paesi europei dove la povertà e le diseguaglianze sociali sono esplose ai livelli più alti.
Dobbiamo suonare la sveglia a questi dirigenti sindacali e costringerli a organizzare una vera mobilitazione che abbia al suo centro la conquista di un salario decente per tutti i lavoratori e per prendere quello che ci spetta della ricchezza prodotta in questi anni.