26 Febbraio 2021 Sinistra classe rivoluzione Bologna

Bologna, zona arancione rafforzata – Il trionfo del profitto sulla salute

Pubblichiamo il volantino che in nostri compagni di Bologna distribuiranno stasera nella manifestazione di “Priorità alla scuola” contro i provvedimenti di Bonaccini.

Bologna e la sua provincia entrano in zona “arancione rafforzata” da sabato 27 febbraio.

Una misura che chiarisce una volta per tutte quali interessi vogliano tutelare la regione e il governo Draghi, che sta istituendo zone simili su tutto il territorio nazionale: quelli degli industriali.

Nella zona “arancione scura” le scuole e le università di ogni ordine e grado vengono chiuse (salvo i nidi e le scuole d’infanzia), mentre le aziende possono continuare a produrre e i centri commerciali e le grandi catene di distribuzione restare aperti.

Il virus dunque si fermerebbe, come per magia, davanti alle porte dell’Ikea o ai cancelli della Ducati, secondo Merola, Bonaccini e soci.

Dopo un anno dall’inizio della pandemia siamo al punto di partenza.

Il fallimento del governo nazionale e di quello regionale è totale: i lavoratori della scuola, gli studenti e le loro famiglie sono da mesi lasciati soli, negli istituti è saltato da tempo ogni tracciamento. Le classi sono rimaste sovraffollate, il personale della scuola gravemente sotto organico, i trasporti pubblici stracolmi nelle ore di punta, mentre incombe la privatizzazione del servizio.

La campagna vaccinale è al palo, ostaggio delle priorità di profitto delle multinazionali e dell’impotenza delle istituzioni locali e nazionali. Solo in questi giorni partono, con significativo ritardo rispetto ad altre regioni, le vaccinazioni al personale scolastico

Il virus ha continuato incessante a circolare nei magazzini della logistica, nelle grandi e piccoli aziende metalmeccaniche che si trovano di fronte a un boom di ordinativi, nei supermercati, tutti luoghi dove sistematicamente vengono infrante ogni regola di distanziamento sociale e di sicurezza. L’Emilia-Romagna è terza per contagi Covid19 nei luoghi di lavoro (dati Inail).

Un presidente della regione che fino a ieri voleva riaprire i ristoranti alla sera e che si ammanta di un finto progressismo e antisalvinismo (oggi dimenticato sull’altare del governo di salvezza nazionale), oggi chiude tutto ciò che non è fonte di lucro e si piega alle pressioni della borghesia emiliano-romagnola.

Rivendichiamo il blocco di tutte le produzioni non necessarie, la garanzia del pieno salario, l’esproprio di tutte le risorse necessarie per la difesa del diritto allo studio e alla salute.

A tale fine la nazionalizzazione dell’industria farmaceutica sotto il controllo dei lavoratori e degli utenti è un provvedimento ineludibile.

Questo dovrebbe essere il programma dei dirigenti del movimento operaio e della Cgil, non gli appelli ai finti salvatori della patria come Draghi.

Noi lavoratori e giovani dobbiamo prendere in mano il nostro futuro. Solo la lotta e la fine delle illusioni sulle giunte “progressiste” in regione come in città, potranno assicurare un futuro libero dalla pandemia, incompatibile con l’esistenza del sistema capitalista.

Articoli correlati

Politica generale

Salvini è solo un bulletto al servizio dei padroni!

In cosa consiste la forza di Salvini? Nella pochezza dei suoi avversari e nella nullità dei suoi alleati. Appare come un gigante solo perché gli altri sono dei pigmei, i fatti lo dimostreranno, e anche in tempi brevi.

Politica generale

Mandiamolo a fondo!

Il 9 luglio l’Economist di Londra usciva con una copertina intitolata “The Italian Job” che ritraeva l’Italia come un autobus sull’orlo di un precipizio nel quale era già precipitata una Gran Bretagna simboleggiata da un taxi londinese. La crisi italiana è matura e può scoppiare in qualsiasi momento.

Politica generale

Roma – La crisi della giunta Raggi svela la natura del M5S

La relativa calma che ha attraversato il Comune di Roma negli scorsi due-tre mesi preannunciava solamente una nuova esplosione di contraddizioni tutte all’interno del M5S che, alla prova dell’amministrazione di Roma, sta mostrando sempre di più i suoi limiti politici.

Politica generale

Mattarella-bis – La distanza siderale tra le istituzioni e il mondo reale

L’elezione del Presidente della Repubblica, prima carica dello Stato e garante dell’ordine costituzionale, ci viene spiegata a scuola come un alto momento istituzionale, con aulici discorsi e senso di responsabilità collettivo. 60 milioni di italiani lo ricorderanno invece come un teatro grottesco di intrighi, teatrini e grettezza. C’è chi si preoccupa che questo dia una brutta immagine delle istituzioni; tuttavia, proprio questa immagine è la più fedele che se ne possa dare.

Politica generale

Sindacato e padroni, uniti per l’Europa?

Lo scorso 8 aprile, in vista della campagna elettorale, i sindacati Cgil, Cisl e Uil hanno sottoscritto un documento assieme a Confindustria intitolato “Appello per l’Europa”.Pure se non ha avuto grande risonanza mediatica, costituisce un atto politico rilevante da parte dei dirigenti della Cgil.

Politica generale

Emilia-Romagna al voto – Non è con Bonaccini che si fermerà la destra

Le elezioni in Emilia-Romagna stanno assumendo un’importanza nazionale. Il loro risultato avrà conseguenze immediate sul futuro, già traballante, del governo. Non c’è da stupirsi che Salvini e la Lega si siano gettati sulla regione per una campagna elettorale in grande stile: conquistare la (ex) regione rossa per eccellenza avrebbe un valore simbolico enorme.