26 Febbraio 2021 Sinistra classe rivoluzione Bologna

Bologna, zona arancione rafforzata – Il trionfo del profitto sulla salute

Pubblichiamo il volantino che in nostri compagni di Bologna distribuiranno stasera nella manifestazione di “Priorità alla scuola” contro i provvedimenti di Bonaccini.

Bologna e la sua provincia entrano in zona “arancione rafforzata” da sabato 27 febbraio.

Una misura che chiarisce una volta per tutte quali interessi vogliano tutelare la regione e il governo Draghi, che sta istituendo zone simili su tutto il territorio nazionale: quelli degli industriali.

Nella zona “arancione scura” le scuole e le università di ogni ordine e grado vengono chiuse (salvo i nidi e le scuole d’infanzia), mentre le aziende possono continuare a produrre e i centri commerciali e le grandi catene di distribuzione restare aperti.

Il virus dunque si fermerebbe, come per magia, davanti alle porte dell’Ikea o ai cancelli della Ducati, secondo Merola, Bonaccini e soci.

Dopo un anno dall’inizio della pandemia siamo al punto di partenza.

Il fallimento del governo nazionale e di quello regionale è totale: i lavoratori della scuola, gli studenti e le loro famiglie sono da mesi lasciati soli, negli istituti è saltato da tempo ogni tracciamento. Le classi sono rimaste sovraffollate, il personale della scuola gravemente sotto organico, i trasporti pubblici stracolmi nelle ore di punta, mentre incombe la privatizzazione del servizio.

La campagna vaccinale è al palo, ostaggio delle priorità di profitto delle multinazionali e dell’impotenza delle istituzioni locali e nazionali. Solo in questi giorni partono, con significativo ritardo rispetto ad altre regioni, le vaccinazioni al personale scolastico

Il virus ha continuato incessante a circolare nei magazzini della logistica, nelle grandi e piccoli aziende metalmeccaniche che si trovano di fronte a un boom di ordinativi, nei supermercati, tutti luoghi dove sistematicamente vengono infrante ogni regola di distanziamento sociale e di sicurezza. L’Emilia-Romagna è terza per contagi Covid19 nei luoghi di lavoro (dati Inail).

Un presidente della regione che fino a ieri voleva riaprire i ristoranti alla sera e che si ammanta di un finto progressismo e antisalvinismo (oggi dimenticato sull’altare del governo di salvezza nazionale), oggi chiude tutto ciò che non è fonte di lucro e si piega alle pressioni della borghesia emiliano-romagnola.

Rivendichiamo il blocco di tutte le produzioni non necessarie, la garanzia del pieno salario, l’esproprio di tutte le risorse necessarie per la difesa del diritto allo studio e alla salute.

A tale fine la nazionalizzazione dell’industria farmaceutica sotto il controllo dei lavoratori e degli utenti è un provvedimento ineludibile.

Questo dovrebbe essere il programma dei dirigenti del movimento operaio e della Cgil, non gli appelli ai finti salvatori della patria come Draghi.

Noi lavoratori e giovani dobbiamo prendere in mano il nostro futuro. Solo la lotta e la fine delle illusioni sulle giunte “progressiste” in regione come in città, potranno assicurare un futuro libero dalla pandemia, incompatibile con l’esistenza del sistema capitalista.

Articoli correlati

Politica generale

Repressione a Bologna – Uniamo i lavoratori italiani e immigrati nella lotta!

È l’alba del venti ottobre quando circa 25 camionette e oltre 250 tra poliziotti e carabinieri occupano via Fioravanti. Si apprestano a compiere una delle azioni di repressione peggiore che si possano ricordare negli ultimi anni in città.

Politica generale

Guido Bertolaso, l’uomo della Provvidenza

Sembrava sul viale del tramonto dopo mille battaglie in difesa del profitto di pochi, ma in questi giorni Guido Bertolaso sembra risorto. Proprio a ridosso della Pasqua lui, uomo vicino all’Opus Dei, è tornato sul campo di battaglia.

Medio Oriente

Libia, Siria, Iraq – No alla guerra imperialista!

Tutto è pronto per l’intervento militare italiano in Libia. Il 25 febbraio scorso si è riunito al Quirinale il Consiglio supremo di Difesa che ha deciso di avviare la predisposizione del contingente italiano. Ashton Carter, capo del Pentagono, ha già fornito la benedizione a una coalizione guidata da Roma.

Politica generale

Diritti civili: li vogliamo ma non ci bastano!

Il dibattito sul disegno di legge Cirinnà è un piccolo passo in avanti in materia di diritto delle coppie omosessuali frutto di una mediazione a ribasso, l’unica possibile per il Partito democratico.

Politica generale

Il debito di Roma non va ricontrattato né pagato!

Lo strumento del debito pubblico (a livello statale o di enti locali) è la clava che negli ultimi 10 anni la classe dominante ha utilizzato per spezzare ogni politica di welfare a sostegno della popolazione. La sua morsa stringe da anni anche la Capitale.

Politica generale

Salvini e padroni, abbraccio sempre più stretto

Per i lavoratori la parola d’ordine deve essere: bisogna passare dalle parole ai fatti! Non possiamo assistere passivamente mentre l’implosione di questo governo prepara la strada a nuove soluzioni ancora peggiori. È necessario prendere atto della realtà: solo con una mobilitazione diretta e di massa, solo con scioperi, manifestazioni, proteste è possibile avanzare i nostri interessi di classe.