24 Febbraio 2022 Emanuele Miraglia

Bologna – Il passante di mezzo asfalta ogni illusione sul Comune “progressista”

Il 29 ottobre si insediava il nuovo consiglio comunale, con molti consiglieri della maggioranza arrivati in bici a palazzo d’Accursio, strizzando l’occhio a quella parte di società civile che li aveva votati ed eletti nel nome della transizione ecologica. Speranze tradite immediatamente, quando nel consiglio comunale notturno a cavallo tra il 27 e il 28 dicembre la stessa maggioranza “ambientalista” ha votato per l’allargamento del passante di mezzo. Ennesima grande opera inutile, che comporterà l’allargamento di tangenziale e autostrada, da 12 a ben 18 corsie che attraverseranno Bologna, aumentando enormemente le emissioni di anidride carbonica e polveri sottili in una città già falcidiata dall’emergenza smog!

A votare a favore tutta la maggioranza di centro-sinistra. L’ala “sinistra” della giunta, Coalizione civica (Sinistra italiana, Coraggiosa e area della disobbedienza), con in testa la vicesindaca Emily Clancy, ha giustificato la propria decisione sbandierando la truffa del passante di nuova generazione che “ridurrà l’inquinamento atmosferico”.

Luca Mercalli, famoso climatologo, ha denunciato l’inconsistenza delle “mitigazioni”: costruire una mega autostrada e spacciare le eventuali mitigazioni ambientali per una conquista è come tagliare una gamba sana a qualcuno e poi vendergli una nuova protesi in titanio come un grande affare.

I dubbi sulle opere di mitigazione sono condivisi anche dal CNR: “In linea generale gli analoghi esempi di applicazione in Italia e nel mondo si sono rivelati di scarsa efficacia e in molti casi gli impianti sono stati dismessi.” Inoltre il voto al passante dà il via libera allo stanziamento di fondi per la realizzazione dell’autostrada, ma rimanda ad una ipotetica fase 2 la realizzazione delle opere di mitigazione. L’unica certezza è che Bologna sarà sventrata per anni da un mega-cantiere, che non fluidificherà il traffico, ma lo congestionerà ulteriormente.

Com’è e come sarà

I movimenti ambientalisti, su cui Coalizione Civica ha puntato molto per ottenere il proprio sostegno elettorale, sono sul piede di guerra. Il 16 gennaio la Rete per le lotte ambientali ha convocato una manifestazione molto partecipata, in cui la delusione nei confronti dei consiglieri di Coalizione Civica era palpabile. Gli stessi che pochi mesi prima scendevano in piazza al nostro fianco, in poco tempo si sono trasformati nei più fedeli sostenitori del passante: un tradimento in piena regola! L’illusione di avere all’interno del Palazzo un partito e consiglieri amici si è dissolta in poco tempo. Il Partito Democratico, partito della Lega delle cooperative al servizio del grande capitale, non ha alcuna volontà di rappresentare gli interessi della collettività.

Questa vicenda sottolinea l’impossibilità di coniugare gli interessi del grande capitale con quelli degli sfruttati. La Rete per le lotte ambientali ha deciso, giustamente, di riprendere la strada della mobilitazione, convocando per il 27 febbraio una nuova giornata di lotta. Può rappresentare una data importante se costituirà una rottura con la “sinistra” moderata e se svilupperà un programma alternativo alle logiche del capitale su trasporti e mobilità.

Articoli correlati

Ambiente

NO TRIV, NO OMBRINA – La lotta non va in ferie

Il Governo continua ad andare a testa bassa con lo “Sblocca Italia” che porterà grandi vantaggi al potere economico e capitalistico ma che arrecherà notevoli danni all’ambiente e conseguentemente alla

Ambiente

Trent’anni di “bla bla bla” – Fallisce anche la Cop26

Entrerà nella storia l’immagine di Greta Thunberg di fronte ad una conferenza internazionale incapace di dare risposte ai giovani e all’intera umanità. Segna un cambio di passo importante, “il re è nudo” e questo ennesimo fallimento sottolinea che il capitalismo ostacola e rallenta le soluzioni della crisi ambientale da esso stesso causata.

Ambiente

La crisi del grano: verso una crisi alimentare

Nelle ultime settimane è all’ordine del giorno la questione della crisi del grano, crisi che preoccupa sempre più la borghesia a livello mondiale. La guerra in Ucraina è stata la classica goccia che ha fatto traboccare il vaso, visto che sia la Russia che l’Ucraina coprono da sole il 30 % delle esportazioni mondiali di grano.

Meridione

M5S e Tap – Promesse e tradimenti

“Se loro vorranno fare il gasdotto in Puglia con l’esercito, noi ci metteremo il nostro di esercito” urlava Grillo prima che il suo “movimento” andasse al potere. Ci hanno messo alcuni mesi, non per bloccare Tap, ma per rilanciarla.

Trasporti

Bologna – Aumenti Tper: il frutto avvelenato dell’ipocrisia PD

Partiranno dal 1 Agosto le nuove tariffe Tper, che porteranno il costo del biglietto da 1,30 a 1,50 euro, se acquistato a terra, e da 1,50 a ben 2 euro se il biglietto verrà acquistato in vettura: come ogni politica antipopolare che si rispetti anche questa colpirà i cittadini mentre sono in vacanza. Contentino : il prezzo degli abbonamenti rimarrà invariato.

Ambiente

Solidarietà al Movimento No Tav dal Congresso di Sinistra classe rivoluzione

Il congresso di Sinistra Classe Rivoluzione sezione italiana della TMI riunito a Milano nei giorni 7-8-9 Dicembre conferma il proprio supporto alla lotta del Movimento No TAV.