Bologna, basta sfratti! Piena solidarietà alle famiglie di via Gandusio e al Circolo Arci Guernelli!

Il Circolo Arci Guernelli, luogo di ritrovo e socialità in cui noi e tanti altri gruppi politici e associazioni culturali abbiamo trovato ospitalità in questi anni è stato vittima di un’azione repressiva ingiustificabile.
Per l’ennesima volta Acer, Comune di Bologna e Questura hanno gettato in strada delle famiglie, dimostrando che per loro i profitti di pochi palazzinari sono più importanti del diritto all’abitare e della lotta alla povertà dilagante.
Per l’ennesima volta gli spazi di socialità e condivisione vengono visti dalle istituzioni come un ostacolo alle politiche padronali e reazionarie di cui il PD è in questi ultimi anni il principale rappresentante.
Alla retorica roboante della lotta al degrado il PD associa una politica che trasforma i quartieri in deserti del consumo e dell’isolamento individuale, costringendo le classi meno abbienti alla marginalità sociale.
Nell’esprimere la nostra piena solidarietà alle famiglie lasciate per strada e al Circolo Arci Guernelli vogliamo sottolineare come oggi, mentre ogni spazio di mediazione viene meno, diventa sempre più evidente il bisogno di una risposta politica complessiva che possa contrapporsi duramente agli attacchi portati avanti contro i giovani e i lavoratori di questo paese. Noi chiediamo diritti, loro ci danno repressione: è arrivato il momento di organizzare la rabbia e trasformarla in azione politica!

!
Sinistra Classe Rivoluzione Bologna
Sempre in Lotta Bologna

Articoli correlati

XM24, Bologna: sgombero democratico, identico risultato!

Alle 5.30 del mattino del 6 agosto arrivano le annunciate camionette della polizia in assetto antisommossa per sgomberare il centro sociale XM24 di Bologna. Immancabilmente, arrivano le ruspe. ma non quelle di Salvini, bensì quelle targate Pd.

Covid-19 – Strage al carcere di Modena e ipocrisia dell’unità nazionale

L’insicurezza sanitaria in carcere davanti all’accelerazione del contagio del Covid-19, assieme alla sospensione dei colloqui coi familiari in assenza di qualsiasi misura alternativa di contatto, hanno acceso un’ondata di rivolte carcerarie cui non si assisteva, in Italia, almeno dagli anni ‘70. al carcere di Modena è avvenuta una strage. Ma non è stata una fatalità.

Daspo urbano a Bologna – Oggi i clochard, domani chi protesta!

Le istituzioni bolognesi sono in preda ad un accanimento repressivo che non risparmia nessuno e che impone legge ed ordine per difendere la città-vetrina, ad uso e consumo di chi può permettersela economicamente.

A 50 anni dalla rivolta di Stonewall – È ancora tempo di Pride!

Stonewall Inn, bar nel quartiere Greenwich Village (New York): la polizia irrompe nel locale, come di norma, perché frequentato da omosessuali e transgender. Ma se l’irruzione in un locale gay non sovverte gli schemi, la ribellione degli avventori rappresenta un momento di rottura di portata mondiale. È il 28 giugno 1969.

“Aprire i porti”… con la lotta o con i ricorsi alla Consulta?

Il destino di 49 migranti, salvati al largo delle coste libiche dalle navi Sea Watch e Sea Eye, è il nuovo capro espiatorio di Matteo Salvini e del governo gialloverde.

Pavia: dieci sotto processo per essersi opposti a uno sfratto

Lunedì 27 gennaio 2020 a Pavia si terrà la prima udienza del processo contro 10 persone che il 18 aprile 2013 hanno partecipato a un’iniziativa di lotta e solidarietà: un picchetto al Crosione, in via Capri, per difendere una famiglia con bambini piccoli dalla minaccia di uno sfratto per morosità incolpevole. Tra gli imputati c’è anche il nostro compagno Mauro Vanetti.