Boicottiamo il referendum truffa di Zaia e Maroni!

Il prossimo 22 ottobre i residenti in Lombardia e Veneto sono chiamati a votare un “referendum per l’Autonomia” delle rispettive regioni. La propaganda dei due presidenti leghisti usa toni roboanti: secondo il veneto Zaia addirittura “il 22 ottobre possiamo riscrivere la storia”.

In realtà il 22 ottobre non si deciderà proprio nulla, si terrà un referendum consultivo dai contorni del tutto confusi: “Vuoi che alla Regione Veneto siano attribuite ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia?” (in Lombardia è simile), senza chiarire su quali materie si vorrebbe esercitare tale autonomia.

La nostra contrarietà, tuttavia, è di fondo. Lega e Forza Italia amministrano Lombardia e Veneto da vent’anni e hanno già dimostrato come hanno utilizzato i fondi regionali. Centinaia di milioni gettati in speculazioni belle e buone, come la Brebemi dove la regione Lombardia ha già contribuito per 100 milioni, o la pedemontana veneta (costo per la giunta Zaia, oltre 300 milioni), per non parlare del Mose, oggetto di un’indagine in cui sono stati arrestati alcuni assessori regionali.

Lombardia e Veneto sono state consegnati in mano agli affaristi mentre si tagliano i servizi. È forse casuale il taglio di 13 milioni nel trasporto pubblico locale per il 2017 in Veneto mentre la spesa per il referendum è pari a 14 milioni? O la perdita di 12 milioni per il Tpl in Lombardia, mentre quest’anno la regione spenderà 15 milioni in guardie private?

Nel settore in cui le regioni hanno già competenze, come la sanità, le scelte dei due “governatori” sono state precise: tagliare la sanità pubblica a vantaggio di quella privata. Così nel Veneto orientale quest’anno i fondi alla sanità pubblica diminuiranno di 132 milioni mentre in Lombardia, dove attualmente il 33% del bilancio della sanità regionale va ai privati, si consentirà, con apposita legge approvata al Pirellone, di arrivare al 50%.

E le “opposizioni”? Il Pd del Veneto voterà Sì, lo stesso faranno la stragrande maggioranza dei sindaci democrats lombardi. Anche il M5S ha assicurato il suo appoggio.

Tale appoggio è naturalmente critico: quello che Pd e pentastellati vorrebbero è una “vera autonomia”.

Ma “vera autonomia” per fare cosa? La crisi dello Stato centrale è stata utilizzata in questi ultimi trent’anni dalla Lega per costruire il proprio bacino di consensi. Attraverso lo slogan “padroni a casa nostra” hanno illuso tanti lavoratori del nord che avrebbero avuto voce in capitolo nelle scelte economiche e politiche quotidiane. Un’illusione pagata cara, con la distruzione dello stato sociale, il peggioramento del tenore di vita, il via libera allo sfruttamento e alla precarizzazione operati dai padroni lombardi e veneti (ma non solo…). I maggiori poteri concessi fin qui alle regioni hanno prodotto lo stesso numero esorbitante di scandali e corruzione che c’era con Tangentopoli negli anni ’90.

“L’autonomia” è servita ad arricchire i capitalisti, i banchieri e gli affaristi e chi da sinistra ha voluto rincorrere questo slogan non ha fatto altro che gettare nelle braccia dei leghisti le classi subalterne.

Non sarà possibile per i lavoratori e i giovani in Lombardia, in Veneto e nelle altre regioni decidere del proprio destino finché non si sovvertirà l’ordine capitalista e si toglierà dalle mani della borghesia le leve dell’economia e del governo.

Dal boicottaggio del referendum può e deve ripartire la lotta per riconquistare tutti i diritti che la Lega e le destre (ma anche il Pd) ci hanno sottratto in questi vent’anni!

Articoli correlati

Politica generale

L’appello di Falcone-Montanari e l’ipocrisia riformista

L’appello lanciato da Anna Falcone e Tommaso Montanari sul Manifesto del 6 giugno: “Un’alleanza popolare per la democrazie e l’uguaglianza” è l’ennesima operazione destinata al fallimento che ci viene riproposta dalla sinistra riformista da almeno 10 anni a questa parte con una dose se possibile anche maggiore di ipocrisia rispetto a quelle che tristemente l’hanno preceduta.

Politica generale

Italia senza governo?

Poco prima delle elezioni spagnole del 2015 Felipe Gonzales aveva previsto “un parlamento all’italiana, ma senza politici italiani capaci di gestirlo”, riferendosi alla mancanza di una chiara maggioranza parlamentare e alla difficoltà a trovare un accordo per dar luce a un governo. Il risultato del 4 marzo sta però mettendo alla prova anche la consolidata esperienza italiana.

Politica generale

Esplodono le bollette di gas e luce

L’inizio del 2022 sarà caratterizzato per la classe lavoratrice da una stangata senza precedenti sui costi delle bollette energetiche; un aumento per la famiglia tipo del 55% per la luce e del 41,8% per il gas. Ma non c’è oggi, a livello mondiale, carenza di gas, o una domanda molto superiore alla disponibilità delle fonti. E’ solo un problema di distribuzione e di lotta insensata all’accaparramento.

Politica generale

Terremoto nel Centro Italia – Basta lacrime di coccodrillo!

Nella notte tra martedì 23 e mercoledì 24 agosto si è verificato un devastante terremoto di magnitudo 6.0 (scala Ricther) che ha riguardato l’area della dorsale appenninica tra Lazio, Abruzzo, Umbria e Marche, con epicentro tra Amatrice, Accumoli (nel reatino) e Arquata del Tronto (Ascoli Piceno).

Politica generale

I padroni vogliono tutto e subito

Sfruttando l’emergenza sanitaria, il padronato vuole utilizzare la “fase 2” per lanciare un attacco senza quartiere ai diritti dei lavoratori. Il tutto in nome della “coesione nazionale” e dello “sforzo collettivo”.
I vertici del movimento operaio invece sono letteralmente terrorizzati dall’intraprendere qualunque azione che non sia quella di nascondersi dietro a Conte.

Politica generale

Il “cambiamento” non c’è – La parola alla piazza!

Nella situazione politica italiana c’è un prima e un dopo il 15 marzo. Quella giornata, dove centinaia di migliaia di giovani sono scesi in piazza contro i cambiamenti climatici, ha espresso tutta la rabbia di un’intera generazione che covava sotto la superficie. L’azione collettiva ha superato l’isolamento e la rassegnazione che sembrava regnare incontrastata.