22 Marzo 2019

Bernie Sanders 2020 – “Per una rivoluzione contro la classe miliardaria”

Abbiamo bisogno di una campagna socialista indipendente

 

Le elezioni presidenziali del 2020 hanno preso il via. Il fatto che i democratici abbiano ottenuto 40 seggi in più alla camera dei rappresentanti nelle elezioni di metà mandato fa fiutare a molti di loro l’odore del sangue repubblicano. Un certo numero di candidati , inclusi Elizabeth Warren , Amy Klobuchar , Kamala Harris e Corey Booker. hanno già lanciato la propria campagna . Bernie Sanders è diventato il 10° candidato ufficiale (e se ne aggiungeranno ancora diversi), ad annunciare la propria corsa alla nomination del Partito Democratico.

Cosa significa esattamente questo ? Significa che Sanders è in corsa nel Partito Democratico, uno dei due partiti del grande capitale, per esserne il candidato Presidente . Quasi senza eccezione, tutti i candidati del Partito Democratico che non vincono le primarie poi appoggiano il candidato ufficiale alle elezioni presidenziali. Così funziona il sistema. Così fece Sanders nel 2016. E di nuovo ha deciso di non provare a offrire una soluzione indipendente di classe a milioni di lavoratori nel 2020. Invece ha scelto di cercare ad incanalare le loro aspirazioni all’interno del Partito Democratico. Disapproviamo totalmente questo approccio.

 

La campagna del 2016

Alle ultime elezioni presidenziali , Bernie ha sorpreso la politica americana appoggiando Hillary Clinton come candidata del Partito Democratico. Ha fatto campagna per “una rivoluzione politica contro la classe miliardaria “ e ha proposto un sistema sanitario universale , un piano di lavori pubblici , educazione superiore gratuita , permessi pagati per cure parentali e l’aumento del salario minimo. Dovunque faceva comizi, non solo in posti come New York e Boston , ma anche a Houston e Phoenix , ha trascinato enormi folle. Bernie ha raccolto più di 240 milioni di dollari, per lo più sotto forma di piccole donazioni da migliaia di persone e ha ottenuto più di 13 milioni di voti ai caucus e nelle primarie .

Prevedibilmente l’establishment del Partito Democratico ha usato regole truccate per sconfiggere Sanders , inclusi i cosiddetti “super-delegati” che hanno reso la nomination della Clinton del tutto inevitabile Bernie è andato alla Convention Nazionale Democratica sulla base di un grande entusiasmo e avrebbe potuto usare questo entusiasmo per rompere con il partito, un partito del quale tecnicamente non è membro, e mettere in piedi una campagna socialista indipendente . Questo avrebbe posto le basi per la fondazione di un partito socialista della classe lavoratrice di massa. Sanders avrebbe potuto battere sia la Clinton sia Trump nel novembre 2016 . Invece ha appoggiato la Clinton e la logica del “male minore” , Trump è stato eletto e nessuna alternativa è stata costruita.

 

Perché i lavoratori hanno bisogno di un proprio partito?

La classe lavoratrice è la schiacciante maggioranza della popolazione e i suoi interessi di classe sono opposti a quelli dei super-ricchi sia per quel che riguarda la politica interna sia la politica estera. È una necessità storica che la classe lavoratrice costituisca un proprio partito . Ciò è stato ritardato dalle politiche dei leader sindacali, la maggior parte dei quali appoggia i Democratici . È stato anche ritardato da chi a sinistra ha appoggiato i Democratici e continua a giustificare questa strategia.

La campagna di Bernie del 2016 era una espressione distorta della necessità di un nuovo partito mentre allo stesso tempo ne bloccava la formazione. I lavoratori lo hanno appoggiato perché più radicale del resto dei politici nonostante si candidasse come Democratico , e non perché rimanesse all’interno del partito. Ma la sua intera strategia ha portato ad un vicolo cieco piuttosto che al taglio pulito di cui ci sarebbe bisogno. E mentre si aggiungeva alla “sinistra” dei politici tradizionali del grande capitale , non lo ha fatto sulla base di un programma socialista e non ha sfidato il dominio della classe capitalista. Se lo avesse fatto non avrebbe potuto candidarsi alle primarie democratiche. Nancy Pelosi ha detto che i Democratici sono “capitalisti”, e su questo ha ragione al 100% . C’è stata un epoca in cui Bernie si opponeva ai Democratici. Ma lavorando nell’ambiente confortevole di Washington DC con i suoi “colleghi Democratici” , a quanto sembra ha cambiato idea. Oppure semplicemente non ha fiducia nella capacità della classe lavoratrice di poter costruire una propria forza politica indipendente.

 

Lezioni da Corbyn in Gran Bretagna

Ci sono molte differenze fra la politica americana e quella britannica , ma gli eventi in entrambi i paesi si influenzano a vicenda. Una grande differenza è che alla fine dell’800 i sindacati britannici smisero di appoggiare il partito Liberale ( approssimativamente l’equivalente dei Democratici) e fondarono il Partito Laburista . Il Labour crebbe e diventò la maggiore opposizione ai conservatori , mentre il Partito Liberale divenne una forza secondaria.

Il Partito Laburista ha una forte ala destra , guidata in passato da Tony Blair. Blair voleva trasformare il Labour in un partito come quello Democratico, ma non ha avuto successo Invece , a causa di un episodio che ha espresso una necessità storica , la boria dei seguaci di Blair ha aperto il cammino a Jeremy Corbyn nella contesa per la direzione del partito , e Corbyn ha incanalato l’entusiasmo di milioni di persone nei confronti della sua candidatura. Ignorato dai carrieristi alla Blair, esisteva un vasto elettorato che desiderava un Partito Laburista con posizioni radicali. Con Corbyn come leader il Labour è cresciuto e ha conquistato seggi alle ultime elezioni. Ora c’è una battaglia per il controllo del Labour e qualcuno dell’ala destra ha già abbandonato la nave. Molti di più saranno quelli che usciranno dal Partito Laburista per dirigersi verso il cosiddetto centro se Corbyn arrivasse al governo. La lotta in Gran Bretagna consiste nel riprendere il controllo del Partito Laburista alla destra pro-capitalista che stava cercando di distruggerlo. Esaltati dalla prospettiva di un partito con politiche radicali che giunge al potere , il tesseramento è schizzato in alto e ora il Labour è il partito con più iscritti in Europa.

Qui negli Stati Uniti dobbiamo partire in maniera opposta, per così dire . Non dobbiamo tentare di riprendere il “nostro partito” , ma costruirne uno dal basso. Esiste un vasto elettorato che vuole un partito di massa dei lavoratori, libero dal controllo del grande capitale . Se Bernie facesse sul serio nel volere prendere il potere ai miliardari potrebbe usare l’entusiasmo attorno alla sua campagna per creare qualcosa di nuovo , un partito di e per i lavoratori. Un sondaggio dell’ottobre 2018 mostra che il 72% degli indipendenti e il 54% dei Democratici vuole un nuovo partito. Potrebbe esserci momento migliore per fondarlo ?

Un socialista che partecipasse come indipendente potrebbe battere sia i Repubblicani che i Democratici e avanzare un programma per togliere le ricchezze dalle mani del 2% della popolazione più ricca e organizzare una economia democraticamente pianificata. Un tale candidato potrebbe fare appello ai militanti dei sindacati a formare comitati che spingano i loro vertici a rompere con i candidati Democratici e Repubblicani e ad appoggiare il nuovo partito . Attraverso la lotta per garantire posti di lavoro di qualità , stipendi più alti e protezione sindacale per tutti , per non parlare della copertura sanitaria universale, l’istruzione e l’edilizia popolare , milioni di persone si attiverebbero per contribuire all’impresa.

Il fatto che Bernie Sanders si sia ancora candidato alle primarie democratiche con un programma tiepidamente riformista, aggiunto al deprecabile ruolo dei leader sindacali , ritarderà la prospettiva di un partito di massa della classe lavoratrice, ma non potrà impedirla per sempre.

 

La campagna del 2020

Dato che Sanders non sta partecipando con un programma socialista , altri candidati “populisti” democratici come Elizabeth Warren possono porsi alla sua sinistra su alcuni aspetti e possono togliergli sostenitori. Sebbene la Warren abbia chiarito di essere a favore del capitalismo , si è espressa in favore della controllo statale sulla produzione di alcuni medicinali per renderli più economici per i lavoratori, per nuovi ambulatori pubblici finanziati tassando i ricchi , e per una tassa patrimoniale a chi “possiede” più di 50 milioni di dollari. Certo questi propositi appaiono radicali se paragonati ai tradizionali programmi dei democratici, ma tassare la ricchezze non trasforma in modo fondamentale il sistema .

I ricchi troveranno sempre il modo di mettere al sicuro i loro capitali , o le tasse verranno giudicate “incostituzionali” . La via socialista è di nazionalizzare le 500 maggiori aziende e usare questa ricchezza per il bene della società intera .

Tuttavia i marxisti capiscono che, nell’attuale vuoto della scena politica odierna, molti appoggeranno la campagna di Sanders. Il 19 Febbraio, quando Bernie ha annunciato la sua candidatura, ha raccolto 5,9 milioni di dollari e promesse di appoggio da 400.000 persone nelle sole prime 24 ore.

I marxisti svilupperanno un dibattito amichevole con i sostenitori di Sanders e parteciperanno alle loro assemblee e comizi. Ci sono tante cose di cui vogliamo discutere con loro . Per esempio: Cosa sono le politiche socialiste e come possono risolvere i problemi dei lavoratori di oggi ? Come possiamo fare il prossimo passo per andare in quella direzione? È possibile farlo all’interno dei confini di un partito capitalista ? Spiegheremo anche pazientemente che anche se Bernie dovesse vincere la nomination Democratica , non vorrebbe dire che ha conquistato il Partito Democratico , quanto piuttosto che è stato conquistato lui! Avviseremo anche che sarà usata la tecnica dello “specchietto per le allodole” per trascinare i sostenitori di Bernie ad appoggiare chiunque possa vincere fra i democratici , sotto la pressione del “male minore” per eleggere “chiunque ma non Trump”.

Se Sanders dovesse vincere le elezioni presidenziali, il suo modesto programma sarebbe annacquato, bloccato e sabotato. Gli Stati Uniti e il mondo capitalista sono in declino e non possono garantire una vita migliore per la maggior parte della popolazione. Questo è vero anche per i paesi scandinavi che Bernie ammira così tanto. Stanno tagliando le riforme del passato, e il tenore di vita sta scendendo mentre l’insicurezza cresce. Questa è la ragione per cui in quei paesi la destra anti-immigrati sta alzando la testa e guadagnando un po’ di appoggio .

C’è chi dovrà imparare attraverso la propria esperienza, ma altri hanno già rotto con i Democratici sulla base delle elezioni del 2016.

 

L’America sarà socialista!

Nel suo recente discorso sullo Stato dell’Unione , Trump ha affermato che l’America non sarà mai socialista . Possiamo considerarla una delle infinite menzogne che Trump vomita ogni giorno . Ironicamente, in passato, i socialisti e la sinistra erano visti come una forza trascurabile negli USA. Ora il presidente sente la necessità di attaccare apertamente il Socialismo . Questo è solo uno dei segnali della crescita di interesse verso le idee socialiste.

Trump è stato costretto a riaprire il governo durante lo shutdown perché i controllori di volo avevano bloccato quattro aeroporti importanti. Questo mostra la forza concentrato della classe lavoratrice! Trump e i padroni possono essere battuti nei luoghi di lavoro e alle elezioni, ma per farlo i lavoratori hanno bisogno del proprio partito . Servirà una forza di massa per costruirlo , ma ad un certo punto questa forza emergerà . Potremmo non essere in grado di costruire un partito di massa fin dall’inizio, ma possiamo pazientemente posare le fondamenta per la futura direzione rivoluzionaria del partito studiando la teoria Marxista e la storia della classe lavoratrice. I marxisti accresceranno le proprie forze attraverso l’esperienza fra chi è inserito o sta attorno alla campagna di Sanders, sia fra quelli che hanno rotto con i Democratici sia fra quelli che non lo hanno ancora fatto, come anche negli altri eventi politici che accadranno nel prossimo periodo .

Proveremo che Trump ha torto! La crisi del capitalismo non lascia alternative!

Articoli correlati

Il referendum su Trump e la soluzione socialista

Un’affluenza record indica una profonda polarizzazione nella società, ma senza un partito della classe lavoratrice queste elezioni possono solo fornire un riflesso parziale e distorto dell’ambiente nella società. L’analisi delle elezioni di metà mandato negli Usa da parte dei compagni di Socialist revolution, la sezione statunitense della Tendenza marxista internazionale.

La Brexit negli Usa: lottare contro Trump, lottare contro il capitalismo!

Così finisce la “Scuola dei democratici”. Quello che una volta sembrava impensabile, simile ad un episodio di “Ai confini della realtà”, è diventata una realtà surreale. Donald Trump è il Presidente della nazione più potente del mondo.

Starbucks e l’ipocrisia della borghesia “anti-Trump”

L’amministratore delegato nonché Presidente del consiglio d’amministrazione di Starbucks, Howard Schultz, ha dichiarato che Starbucks si impegna ad assumere 10.000 rifugiati in 5 anni nei 75 Paesi con cui lavora, in risposta al blocco di Trump contro i Paesi “a maggioranza musulmana”.

Usa – La maggioranza dei giovani rifiuta il capitalismo!

Stando a quanto riportato dal Washington post del 26 aprile, la gioventù non ama il capitalismo, anzi.

Usa – Comincia la resistenza dei giovani contro Trump

Il giorno dopo le elezioni gli americani si sono svegliati in un “nuovo e strano Paese”. Il Washington Post ha definito la vittoria di Trump “uno sconvolgimento cataclismico ed epocale”.

Chicago – Gli insegnanti dicono no ai privati

Sono ormai 15 anni che negli Stati Uniti si susseguono attacchi a studenti e docenti, mascherati da riforme della scuola.